Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gai-jin

A Novel of Japan

By

Publisher: Hodder & Stoughton General Division

3.9
(175)

Language:English | Number of Pages: 1578 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Spanish , Finnish , Swedish , Dutch

Isbn-10: 0340597666 | Isbn-13: 9780340597668 | Publish date: 

Also available as: Mass Market Paperback , Hardcover , Unbound , Library Binding , eBook

Category: Fiction & Literature , History , Travel

Do you like Gai-jin ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In the closed society of Japan in 1862, a bitter battle for commercial supremacy rages between the Struan and Brock trading houses. Young Malcolm Struan confronts the complex politics of the Japanese Court and the samurai of the warlords to succeed in love. By the author of "King Rat" and "Shogun".
Sorting by
  • 3

    Tre stelline

    come speso mi capita ho iniziato dall'ultimo libro della serie. un discreto feuilletton e, nota positiva, c'é l'elenco dei personaggi per non perdersi nei meandri della trama.

    said on 

  • 3

    Se non avesse scritto Shogun forse questo libro l'avrei valutato in maniera differente... ma proprio c'è un abisso, scritto bene ma la storia non mi ha proprio affascinato. Peccato.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Insomma...

    Questo terzo romanzo del ciclo asiatico di Clavell non lo ritengo all'altezza dei primi due e credo per un semplice motivo: manca un protagonista. Le vicende non ruotano attorno a una figura centrale, si disperdono invece intorno a numerosi personaggi, fra principali e secondari. In Shogun ...continue

    Questo terzo romanzo del ciclo asiatico di Clavell non lo ritengo all'altezza dei primi due e credo per un semplice motivo: manca un protagonista. Le vicende non ruotano attorno a una figura centrale, si disperdono invece intorno a numerosi personaggi, fra principali e secondari. In Shogun ci sono ben due protagonisti, Blackthorne e soprattutto il marionettista Toranaga, affiancati da una co-protagonista con gli attributi, Mariko; in Tai-Pan il protagonista, incontrastato, dà addirittura il titolo al romanzo: è Dirk Struan, solido come gli speroni rocciosi della sua Hong Kong. Qui invece manca il perno essenziale di ogni romanzo, perché i personaggi sono tanti, tutti come sempre con le loro storie alle spalle e in svolgimento, tutti col loro tornaconto. Quello che avrebbe potuto essere il protagonista, Malcom Struan, va a farsi benedire a metà romanzo, ragion per cui sia il lettore che una folla di personaggi restano senza qualcuno da seguire. Tuttavia la folla continua per la sua strada, ognun per sé. Peggio ancora, il finale rimane aperto: qualcuno parte, qualcuno resta, qualcuno tornerà. Di nessuno si saprà con esattezza la sorte. La storia continua, ma non in un altro volume: il seguito - fuori catalogo - è ambientato ai giorni nostri, ovvero 150 anni dopo.

    said on 

  • 4

    Questo libro è il seguito di Tai Pan, una dei protagonisti è il nipote di Dirk Struan, figlio di Tess. Malcom.
    Inoltre dalla parte dei Giapponesi c'è la dinastia dello shogun Toranaga, sono 1300 pagine ed il finale resta aperto, cosa ne sarà di Tess Struan e di Angelique e di tutti i person ...continue

    Questo libro è il seguito di Tai Pan, una dei protagonisti è il nipote di Dirk Struan, figlio di Tess. Malcom.
    Inoltre dalla parte dei Giapponesi c'è la dinastia dello shogun Toranaga, sono 1300 pagine ed il finale resta aperto, cosa ne sarà di Tess Struan e di Angelique e di tutti i personaggi che hanno affollato questo lungo romanzo? Clavell ha lasciato uno spiraglio aperto forse per avere la possibilità di scrivere un quarto romanzo?
    Personalmente credo di no, gli argomenti serebbero diventati noiosi, Se il primo della trilogia "Shogun" meritava cinque stelle, il secondo "Tai Pan" quattro e mezzo, per quest'ultimo siamo a quattro.
    Devo dire che mi sono divertito con questi libri, leggendoli come un forsennato uno dietro l'altro e ora che gli ho terminati, beh... mi mancano.

    said on