Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Galassia nemica

Urania 1566

By Allen Steele

(95)

| Paperback

Like Galassia nemica ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Jules Truffaut doveva raggiungere la Federazione di Coyote - la luna maggiore del pianeta Orso, sistema 47 Ursae Majoris - come un semplice clandestino. Per questo si era imbarcato a bordo dell’astronave Robert E. Lee, e certo non sospettava che i su Continue

Jules Truffaut doveva raggiungere la Federazione di Coyote - la luna maggiore del pianeta Orso, sistema 47 Ursae Majoris - come un semplice clandestino. Per questo si era imbarcato a bordo dell’astronave Robert E. Lee, e certo non sospettava che i suoi piani potessero essere sconvolti fino a questo punto. Adesso, mentre gli alieni della coalizione Talus stanno per sottoporre a giudizio il nostro pianeta, il miliardario Goldstein pretende che Jules lo guidi a una misteriosa base in fondo allo spazio. La situazione è difficile sotto molti punti di vista, ma Jules Truffaut non si perde d’animo: sa di essere nato per riscattare le sorti dell’umanità intera.

11 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Divertente e veramente… spaziale

    Ho una particolare predilezione per la space opera, soprattutto laddove gli autori mettono grande cura nel creare in maniera dettagliata un universo complesso e credibile. Un libro con viaggi interstellari, situazioni d’azione, personaggi caratterizz ...(continue)

    Ho una particolare predilezione per la space opera, soprattutto laddove gli autori mettono grande cura nel creare in maniera dettagliata un universo complesso e credibile. Un libro con viaggi interstellari, situazioni d’azione, personaggi caratterizzati da ironia e coraggio ha già ottime probabilità di piacermi. Se poi la storia è carina ed è ben scritto, allora mi conquista.
    Questo è il caso di “Galassia nemica” di Allen Steele, una vecchia conoscenza di questo sottogenere della fantascienza. La sua produzione letteraria comprende un buon numero di libri inseriti nella stessa linea temporale, ma indipendenti l’uno dall’altro, per cui li si può leggere in qualsiasi ordine e, una volta ambientati nel suo universo, ci si muove con disinvoltura concentrandosi quindi sulla trama.
    La storia di “Galassia nemica” è avvincente, perché, come succede dei buoni libri, non sai cosa aspettarti dalla pagina successiva e, per questo, continui ad andare avanti. Il protagonista è simpatico, non si prende troppo sul serio e più di una volta ti fa scappare una risata durante la lettura. L’ambientazione, pur essendo fuori della realtà a cui siamo abituati, è comprensibilissima per merito dell’autore, che accosta immagini eccezionali ad altre molto più comuni e nelle quali è possibile riconoscersi. Il ritmo è incalzante e anche la parte tecnologica è molto credibile (nell’ambito della sospensione dell’incredulità).
    Insomma, un bel libro.
    E per una volta devo dare merito a Urania di averlo pubblicato in Italia.

    Is this helpful?

    Rita Carla Francesca Monticelli said on Sep 5, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    un'avventura nello spazio, ambientata nell'universo narrativo di coyote, in cui il protagonista, fuggito clandestinamente da coyote, diventa parte di una missione di contatto con una sorta di federazione galattica di specie aliene.

    niente di eccezio ...(continue)

    un'avventura nello spazio, ambientata nell'universo narrativo di coyote, in cui il protagonista, fuggito clandestinamente da coyote, diventa parte di una missione di contatto con una sorta di federazione galattica di specie aliene.

    niente di eccezionale o sorprendente, ma una storia semplice, narrata in prima persona in tono leggero, che rende tutto molto scorrevole.

    Is this helpful?

    Piscu said on Feb 7, 2012 | Add your feedback

  • 6 people find this helpful

    Galaxy blues

    Ops! Questa recensione l'ho cancellata per sbaglio! Ma quanto sono ciaffoso?
    vabbé, proverò a riscriverla (prima o poi) :(

    _________________________________________________
    _________________________________________________

    Ecco una storia di fantas ...(continue)

    Ops! Questa recensione l'ho cancellata per sbaglio! Ma quanto sono ciaffoso?
    vabbé, proverò a riscriverla (prima o poi) :(

    _________________________________________________
    _________________________________________________

    Ecco una storia di fantascienza buona per tirare un po' il fiato.
    Qui il racconto, dichiaratamente di poche pretese, ci teletrasporta su Coyote, una lontana colonia umana dalle parti di Orsa Major, e da lì su una serie di astronavi un po' ingrippate dal nome "poetico" quanto evocativo (Orgoglio di Cucamonga, Lady Baldracca). Cammin facendo conosceremo una razza di alieni mysteriosi dediti alla canapa sativa (rasta alien oh-yeah), vedremo vorticarci addosso un buco nero dai mille colori, soffriremo e gioiremo assieme a un equipaggio che più scalcagnato non si può. Con noi, infatti, s'imbarcherà una bella fetta di umanità sinistrata: dal telepate alcolizzato alla gnocca riottosa, dal navigatore paranoico alla pilota che lavora di calza.
    Appena ho aperto il libro e ho letto le prime due righe del romanzo, con il personaggio principale che si presenta in prima persona, con un bel tono ironico, elencando tutti i suoi difetti, raccontando della sua esperienza di clandestino, di quando faceva l'operaio in qualche astroporto bisunto, aspettando di fuggire verso un domani migliore... la mia mente s'è come "sbracata". S'è seduta su un comodo sofà e ha slacciato la cintura dei pantaloni: - cara, che c'è da mangiare 'sta sera?
    - maccheroni ai meteroriti interstellari.
    - EHVVAI!

    Una cosa non m'è chiara. Perché nell'edizione italiana abbiano dovuto cambiare il titolo, dal tondo Galaxy blues a questo. Forse alla Mondadori ci credono tutti guerrafondai? Qui non c'è un solo "nemico", non ci sono morti, in tutto il libro viene esloso solo un colpo... di dardi. E no, caro Giuseppe Lippi, a me così non sta bene. Anche la classe degli astrotrasportatori ha i suoi diritti. Se non ci fossero loro, chi lo terrebbe efficiente l'Oltre Cosmo?
    Eccheccacchio!

    Is this helpful?

    Kalimantan said on Jun 23, 2011 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Nemici del blues

    Una buona variazione sul tema del primo contatto. Malgrado la trama risulti prevedibile e la scrittura sia a tratti farraginosa, si legge con gusto; protagonista e personaggi sono interessanti e molto ben caratterizzati. Alla fine del libro permane u ...(continue)

    Una buona variazione sul tema del primo contatto. Malgrado la trama risulti prevedibile e la scrittura sia a tratti farraginosa, si legge con gusto; protagonista e personaggi sono interessanti e molto ben caratterizzati. Alla fine del libro permane un mistero: perché il titolo originale Galaxy Blues diventa, in italiano, Galassia Nemica?

    Is this helpful?

    Andrea Claudi said on Apr 30, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Bello! Non sarà la fantascienza ricca di fisica di Egan, o quella sociale e riflessiva di tanti altri autori, ma questo romanzo di Allen Steele è veramente appassionante, con personaggi ben delineati, una trama a tratti imprevedibile, uno stile di sc ...(continue)

    Bello! Non sarà la fantascienza ricca di fisica di Egan, o quella sociale e riflessiva di tanti altri autori, ma questo romanzo di Allen Steele è veramente appassionante, con personaggi ben delineati, una trama a tratti imprevedibile, uno stile di scrittura fluido. Una pecca? Che il quid occupa una parte tutto sommato molto breve dell'intero romanzo, ma è una piccola noticina rispetto alla qualità del tutto.

    Is this helpful?

    Paolo Giannuzzi said on Apr 21, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Galassia Nemica - Allen Steele. Pura letteratura di evasione: narrato in prima persona, scorrevole, scrittura semplice, pochi personaggi, un'astronave, lo spazio profondo, l'esplorazione, una missione pericolsa e anche una storia d'amore, il tutto co ...(continue)

    Galassia Nemica - Allen Steele. Pura letteratura di evasione: narrato in prima persona, scorrevole, scrittura semplice, pochi personaggi, un'astronave, lo spazio profondo, l'esplorazione, una missione pericolsa e anche una storia d'amore, il tutto condito in salsa FS con il giusto mix.
    Ingredienti buoni per tutte le stagioni, e infatti il plot non riserva alcuna sorpresa, è tutto abbastanza scontato. Però non si riesce a non affezionarsi ai personaggi e a tifare per loro. Inoltre ci sono un paio di cose che ho molto gradito.
    Sicuramente l'ambientazione: un mondo che per molti versi mi ha ricordato firefly e la conquista della frontiera: questo è piuttosto evidente su coyote che sembra il set di un film western, un mondo fatto di coloni e tecnologie superate al suole, mentre in cielo navigano astronavi attraverso ponti stellari (questi ultimi in questo libro non sono spiegati, ma servono per passare da un sistema all'altro in quanto non esistono navi che viaggino a velocità relativistiche. Tuttavia la saga è composta da diversi libri, evidentemente è spiegato nei precedenti volumi.).
    E poi il tono della storia: la particolarità del carico trasportato sul pianeta alieno ad esempio, oppure i dialoghi del protagonista sbruffone e sboccato. C'è un momento in cui pensando tra sé e sé riguardo alla sua compagna di viaggio, dice: "ancora qui a spanarmi le palle!". Modo di dire assai colorito che non ti aspetti ma che evidentemente il traduttore ha trovato il modo giusto per rendere l'originale. Più avanti, sempre il protagonista, chiama la stessa ragazza "pischella". E qui alla fine mi è sorto il dubbio che il traduttore fosse proprio romano de Roma. insomma tutta questa serie di dialoghi mi hanno strappato una risata più e più volte.
    Per tornare al traduttore, incuriosito, ho cercato informazioni e ho scoperto che ha un interessantissimo sito ricco di informazioni di tutti i generi riguardo la SF, merita un'occhiata:
    http://www.fabiofeminofantascience.org/
    Insomma, una space opera sicuramente non particolarmente originale, ma scorrevole, ironica, con alieni, astronavi, esplorazione, azione.. decisamente una lettura piacevole.
    Un bel 7 e 1/2.

    Is this helpful?

    Palmer Eldritch said on Mar 8, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (95)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 304 Pages
  • ISBN-10: A000088284
  • Publisher: A. Mondadori (Urania)
  • Publish date: 2011-01-01
Improve_data of this book