Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gang bang

Di

Editore: A. Mondadori (Strade blu)

3.2
(2997)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Tedesco , Francese

Isbn-10: 8804583371 | Isbn-13: 9788804583370 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Matteo Colombo

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Ti piace Gang bang?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Cassie Wright, regina leggendaria del porno, decide di chiudere in "bellezza" la sua carriera battendo il record mondiale di Gang Bang (quella particolare performance porno nella quale una gentile signora fa sesso con un numero spropositato di gentili signori) e di farne un film. Il suo obiettivo è quanto mai ambizioso: 600 uomini. Il libro si basa su quanto dicono, pensano e fanno Mr. 72, Mr. 137, e Mr. 600 che attendono il loro turno in una stanza assai affollata e rumorosa. Ma non vanno dimenticati alcuni elementi che rendono la storia ancora più forte. La porno attrice ha in mente di morire durante le riprese del suo tentativo di record mondiale di modo che le successive polemiche portino a proibire ulteriori futuri tentativi di record, cosa che le garantirebbe di essere in eterno la detentrice del primato. L'immortalità è a portata di mano insomma. Inoltre la pornoattrice intende devolvere i proventi del film al figlio che aveva concepito sul set del suo primo film porno e che poi aveva abbandonato perché venisse adottato. E in effetti uno dei tre uomini su cui si basa la storia dice di essere il figlio di Cassie che cerca disperatamente dì mettersi in contatto con la madre dopo che lei lo ha abbandonato molto da piccolo. Ma le cose stanno davvero così? La storia è stata ispirata originariamente da Annabel Chong che stabilì un record avendo 251 rapporti sessuali con 70 uomini nel giro di 10 intensissime ore.
Ordina per
  • 3

    commento volutamente breve.
    Nei suoi primi romanzi si sentiva in Palahniuk - oltre alla notevole inventiva e al suo tipico sguardo storto - una notevole urgenza e tensione di dire delle cose. Sul consumismo, sull´america, sugli affetti diventati (o diventanti) oggetti.

    Ho l´impressio ...continua

    commento volutamente breve.
    Nei suoi primi romanzi si sentiva in Palahniuk - oltre alla notevole inventiva e al suo tipico sguardo storto - una notevole urgenza e tensione di dire delle cose. Sul consumismo, sull´america, sugli affetti diventati (o diventanti) oggetti.

    Ho l´impressione che diventato benestante e passata quella urgenza sia rimasta soprattutto l´inventiva - e a volte neanche cosí fresca, e i suoi romanzi si stiano trasformando in giochini divertenti ma sostanzialmente innocui.

    qui in particolare un giochino appunto divertente, arguto, sanamente sconcio ma pur sempre un giochino.

    tre stelle di stima, visto che poi con Pigmeo il buon Pala é riuscito a produrre anche di (molto) peggio

    ha scritto il 

  • 2

    Uno dei rarissimi casi - se non l'unico - in cui il libro è scomparso dalla mia biblioteca senza che la cosa mi crucci granché. Storia trascurabile o irritante (a seconda della vostra soglia di sensibilità), scritta con quella sicumera da genio dannato con ambizioni alla Bukowski, che parla di se ...continua

    Uno dei rarissimi casi - se non l'unico - in cui il libro è scomparso dalla mia biblioteca senza che la cosa mi crucci granché. Storia trascurabile o irritante (a seconda della vostra soglia di sensibilità), scritta con quella sicumera da genio dannato con ambizioni alla Bukowski, che parla di sesso perché altrimenti non saprebbe di che accidenti altro parlare.

    Nella libreria attende da anni Invisible Monsters. Ovviamente, il regalo di un amico invasato di Palahniuk. Prima o poi lo leggerò, giusto per potermi sfogare scrivendo qualche altra cattiveria sull'autore.

    ha scritto il 

  • 1

    DECLASSAMENTO

    Questo libro ha la capacità di ridurre il sesso, una delle cose migliori della vita, a qualcosa di scontato e squallido.
    C’è anche uno straccio di trama, di cui non me ne frega niente.

    ha scritto il 

  • 3

    Non il migliore ma pur sempre un Palahniuk

    Ok, non sarà il migliore libro di Palahniuk e senz'altro rimane parecchi punti sotto Survivor e Soffocare ma questo Gang Bang si fa comunque leggere tutto d'un fiato e presenta alcuni spunti degni dell'autore. Alla fine la sensazione rimane un po' quella di una eiaculazione che avrebbe dovuto ess ...continua

    Ok, non sarà il migliore libro di Palahniuk e senz'altro rimane parecchi punti sotto Survivor e Soffocare ma questo Gang Bang si fa comunque leggere tutto d'un fiato e presenta alcuni spunti degni dell'autore. Alla fine la sensazione rimane un po' quella di una eiaculazione che avrebbe dovuto essere precoce e viene protratta per 200 pagine tanta è la spinta verso il finale di tutto il libro. In mezzo alcune parti inutili (su tutto i titoli dei film...dai Chuck capisco la necessita di allungare il brodo ma l'espediente al terzo titolo mi aveva già stancato), ma anche qualche bella e insana idea alla Palahniuk.

    ha scritto il 

  • 3

    Un llibre que retrata un món tan peculiar com el porno, no et deixa indiferent. El llibre sap colpir, és distret, et manté l'atenció i té un final sorprenent. Però tot i aquestes bones peces que conformen el llibre, no serveixen per poder dir que és un llibre magnífic.
    Al contrari, i segura ...continua

    Un llibre que retrata un món tan peculiar com el porno, no et deixa indiferent. El llibre sap colpir, és distret, et manté l'atenció i té un final sorprenent. Però tot i aquestes bones peces que conformen el llibre, no serveixen per poder dir que és un llibre magnífic.
    Al contrari, i segurament amb la intenció volguda de l'autor, el llenguatge que s'utilitza és força groller i les escenes descrites són tant excessivament sòrdides, que al final no en pots fer una bona valoració. Al menys jo!

    ha scritto il 

  • 0

    C'è tutto Palaniuk in questo romanzo. L'argomento è scottante e scrivere un intero libro su un'orgia, anche se da record mondiale, non è facilissimo. Non è il meglio che ho letto di questo autore.

    ha scritto il 

  • 3

    Ok, questo non è il miglior romanzo di Palahniuk, anzi è considerato fra i peggiori. A me, però, non è dispiaciuto affatto, nonostante sia consapevole della sua oggettiva mediocrità. In fondo, pensiamoci bene : chi poteva avere l'idea di sviluppare un intero romanzo in una sala d'aspetto di un fi ...continua

    Ok, questo non è il miglior romanzo di Palahniuk, anzi è considerato fra i peggiori. A me, però, non è dispiaciuto affatto, nonostante sia consapevole della sua oggettiva mediocrità. In fondo, pensiamoci bene : chi poteva avere l'idea di sviluppare un intero romanzo in una sala d'aspetto di un film porno ? Solo una persona, questa persona è Chuck Palahniuk. Insomma, anche se il romanzo non è fra i migliori, la sua idea è da premiare. E leggendo il romanzo, andando oltre alla sua brutta fama, scopriamo che la vicenda ci accompagna piacevolmente fino all'ultima riga, scopriamo che non è poi così brutto come dicono.
    Il resto della mia recensione lo potete leggere qui sul mio blog : http://capitolonero.blogspot.it/2014/03/gang-bang-chuck-palahniuk.html

    ha scritto il 

  • 3

    La verdad que el argumento del libro en sí mismo ya es bastante peculiar, por decirlo de alguna forma. Pese a ello y hablando de mi caso personal, tenía interés por leer algo de temática tan underground y con el estilo del bueno de Chuck. No obstante, creo que en este caso se abusa de la sordidez ...continua

    La verdad que el argumento del libro en sí mismo ya es bastante peculiar, por decirlo de alguna forma. Pese a ello y hablando de mi caso personal, tenía interés por leer algo de temática tan underground y con el estilo del bueno de Chuck. No obstante, creo que en este caso se abusa de la sordidez que ya de por sí desprende el tema. En ciertos puntos puede llegar a hacer uso de un estilo demasiado desagradable y abusivo, incluso para mí que no soy especialmente aprehensivo. Y este abuso es el que no me ha acabado de convencer, hasta el punto de que en algunas ocasiones me he planteado si estaba leyendo literatura o basura.

    En honor a la verdad, también cabe decir que al menos el libro es entretenido.

    ha scritto il 

  • 3

    Forte, forse fin troppo. Un concentrato dello stile già carico di Palahniuk, giocato su un tema difficile che rischia sempre di cannibalizzare tutto il resto che va a costituire la storia.


    L’attrice porno Cassie Wright vuole girare un film che la farà finire nel Guinness dei primati: una ...continua

    Forte, forse fin troppo. Un concentrato dello stile già carico di Palahniuk, giocato su un tema difficile che rischia sempre di cannibalizzare tutto il resto che va a costituire la storia.

    L’attrice porno Cassie Wright vuole girare un film che la farà finire nel Guinness dei primati: una gangbang con 600 uomini. Un film che sventuratamente promette di farla finire anche al cimitero, ma lei non se ne preoccupa: la sua morte creerà polemiche, le polemiche sfoceranno in divieti di ripetere l’impresa e così il record rimarrà suo. I proventi della folle impresa “rimedieranno” a una vita dissoluta: andranno infatti al figlio adottivo concepito durante alcune vecchie riprese, messo al mondo da una giovanissima Cassie e infine dato in adozione.

    Focus su tre uomini fra seicento, ognuno con i suoi problemi. Scene senza filtro qb. Qualche risata per i titoli assurdi dei film a luci rosse. Qualche riflessione amara sullo stranissimo mondo della pornografia. Una valanga di aneddoti sul cinema, davvero meritevoli. E, alla Palahniuk più che mai, quando ci si avvicina alla fine si apre una serie di colpi di scena.

    Per stomaci abbastanza forti.

    ha scritto il 

Ordina per