Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gea vol. 15

Verrà un'orda straniera

Di

Editore: Sergio Bonelli Editore

4.2
(107)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 132 | Formato: Altri

Isbn-10: A000048173 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Comics & Graphic Novels , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Gea vol. 15?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il Grande Portale è stato distrutto e Gea, per l'immane sforzo, è caduta in coma e viene vegliata dai Pesanti. Ma l'esercito della Razza Nemica, che è riuscito a penetrare nel nostro mondo, è immenso. Le organizzazioni militari di tutte le nazioni sono in allarme e si riuniscono per fronteggiarlo. Senza ausilio di alcuna tecnologia, l'armata nemica sferrerà un attacco massiccio e devastante contro il genere umano. Le grandi città, compresa quella di Gea, saranno i primi bersagli di questa offensiva volta allo sterminio totale dell'uomo. L'arma risolutiva degli invasori colpirà la nostra tecnologia proprio nella pietra angolare di tutta la sua struttura - l'energia elettrica - e la farà crollare. Gea, stremata e indebolita, non potrà fare altro che cercare di salvare i suoi amici più cari e assistere impotente a questa drammatica fase iniziale della Seconda Grande Guerra tra gli uomini e i "diavoli".
Ordina per
  • 3

    Qui per quanto mi riguarda non si tratta solo di considerare Luca Enoch un ottimo autore: si tratta di ringraziarlo vita natural durante per avermi fatto conoscere W. G. Sebald, la cui Storia naturale della distruzione ha ispirato parte di questo albo.

    ha scritto il 

  • 4

    Bell'albo, viziato da alcuni pressapochismi (la leggerezza con cui Leonardo prende la morte dei genitori, la ricomparsa del clan di satiri a mo' di deus ex machina). Il dialogo tra Gea e l'arconte-filosofo, ripreso quasi pari pari da Tucidide, è molto azzeccato e si adatta benissimo alla situazio ...continua

    Bell'albo, viziato da alcuni pressapochismi (la leggerezza con cui Leonardo prende la morte dei genitori, la ricomparsa del clan di satiri a mo' di deus ex machina). Il dialogo tra Gea e l'arconte-filosofo, ripreso quasi pari pari da Tucidide, è molto azzeccato e si adatta benissimo alla situazione.

    ha scritto il