Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gengis Khan

Il principe dei nomadi

Di

Editore: Laterza

3.9
(36)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 317 | Formato: Altri

Isbn-10: 8842077666 | Isbn-13: 9788842077664 | Data di pubblicazione: 

Genere: History

Ti piace Gengis Khan?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
È la storia di Gengis Khan: un nomade, un mongolo che seppe aggregare le tribù sparpagliate per le lande asiatiche, e tradurne in formidabile forza d'urto abitudini e abilità secolari. Trasformando pastori e cacciatori in un'orda di guerrieri invincibili, Gengis Khan fonderà un impero esteso in tre quarti di secolo dall'Oceano Pacifico fin quasi al Mediterraneo e dalla Siberia all'Himalaya. Forti di un esercito immenso, preceduti da una fama atroce e leggendaria, i Mongoli sconvolgeranno buona parte dell'Europa cristiana. Ma saranno anche capaci di insediare a Pechino una dinastia ammirata per il suo splendore e di imporre quella pax mongolica che schiuderà all'uomo medievale nuove opportunità di esperienze e relazioni.
Ordina per
  • 4

    Bella ricostruzione sul periodo e sulle vicende di Gengis Khan,uno dei condottieri che molto spesso trasformano la storia in leggenda avendo portato a termine imprese colossali.Il libro,si potrebbe definire un saggio storico con lo stile del romanzo.L'autore quindi non ci presenta una ricerca sto ...continua

    Bella ricostruzione sul periodo e sulle vicende di Gengis Khan,uno dei condottieri che molto spesso trasformano la storia in leggenda avendo portato a termine imprese colossali.Il libro,si potrebbe definire un saggio storico con lo stile del romanzo.L'autore quindi non ci presenta una ricerca storica rigorosa ma una piacevole lettura con qualche limite appunto nella sfera dell'approfondimento.Ciò non toglie che l'approccio è subito molto prolifico nella descrizione di uno dei più grandi strateghi che la storia ha conosciuto,capace da semplice capo tribù di costruire un impero tra i più grandi che la storia conobbe.Capace di unire in un unico popolo una Babele di tribù com'era l'Asia centrale e di annichilire il nemico con orrori mai visti per poi riconoscergli,una volta assoggettato,libertà e regole stabilite da decreti della legge mongola.Dal disordine di un immenso territorio si passò all'unità e alla formazione della mitica "Orda Azzurra",l'esercito scelto di cui i migliori 95 generali comandavano ognuno 1000 soldati...da qui parte quell'orda che fece tremare tutta l'Asia,Cina compresa e che sfiorò,per un passo,anche l'Europa.Lettura scorrevole anche se mi sarei aspettato un taglio più specifico a scapito del"racconto"...ma questo è un mio problem e il libro merita i suoi buoni voti...

    ha scritto il 

  • 3

    Questa vita di Gengis Khan scritta dall’archeologo Vito Bianchi sta a metà strada tra un libro di storia e una biografia semi-romanzata: essa risulta convincente quando elenca i fatti e sottopone ad un vaglio critico le fonti medievali, meno quando sembra cedere alla loro suggestione, aggiungend ...continua

    Questa vita di Gengis Khan scritta dall’archeologo Vito Bianchi sta a metà strada tra un libro di storia e una biografia semi-romanzata: essa risulta convincente quando elenca i fatti e sottopone ad un vaglio critico le fonti medievali, meno quando sembra cedere alla loro suggestione, aggiungendo di suo facili effetti retorici che talora sembrano togliere credibilità all’insieme (ma si possono intitolare dei paragrafi “Quando la coppia scoppia” o “Imitando Asterix”?). Per tali ragioni la prima parte dell’opera, dedicata alla nascita ed alla formazione del condottiero mongolo risulta, data la minore quantità delle fonti a disposizione, meno convincente della seconda, dedicata alle conquiste.

    ha scritto il 

  • 4

    Tre mesi fa ho letto "La storia segreta dei Mongoli" documento mongolo dei tempi di Gengis Khan. Questo saggio racconta, più o meno la stessa storia, rifacendosi alla stessa opera. Ma, importante, l'autore oltre a riferirsi all'anonimo redattore mongolo, si rifà ad altre opere di cronisti cristia ...continua

    Tre mesi fa ho letto "La storia segreta dei Mongoli" documento mongolo dei tempi di Gengis Khan. Questo saggio racconta, più o meno la stessa storia, rifacendosi alla stessa opera. Ma, importante, l'autore oltre a riferirsi all'anonimo redattore mongolo, si rifà ad altre opere di cronisti cristiani del tempo, viaggiatori in Asia e ad altri storici islamici di qualche secolo dopo. Viene più facile, da questa lettura, rendersi conto dei popoli interessati e dei luoghi geografici che videro svolgersi le gesta di Gengis Khan e del suo popolo.

    Poi, mi resta il pensiero: perchè diavolo chiamiamo Attila "flagello di Dio"? Il Khan mongolo è venuto secoli dopo,quasi otto, in un periodo più vicino a noi. Dovremmo aver più presenti tutti i suoi genocidi e distruzioni di civiltà molto più evolute della sua. Non si sono fermati all'Asia i mongoli, sono arrivati fin qui in Europa. Perchè è Attila il "barbaro" per antonomasia? Che c'entri la Chiesa e Leone magno?

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Il testo più recente, in italiano, sul condottiero asiatico. A parte l'ennesima traduzione diversa di nomi propri e luoghi che ingarbuglia il filo che conoscevo, è un bel libro per chi interessa l'argomento perché rimane un saggio approfondito ed erudito. A volte anche troppo erudito; alcune paro ...continua

    Il testo più recente, in italiano, sul condottiero asiatico. A parte l'ennesima traduzione diversa di nomi propri e luoghi che ingarbuglia il filo che conoscevo, è un bel libro per chi interessa l'argomento perché rimane un saggio approfondito ed erudito. A volte anche troppo erudito; alcune parole eccessivamente ricercate ma tutto sommato la seconda lettura è stata piacevole. In alcuni punti la scrittura romanzesca risalta talmente tanto da lasciare perplessi. Un bel libro utile ed interessante.

    ha scritto il 

  • 4

    Una bella biografia che evidenzia molto i rapporti interni al clan, alla famiglia, vera origine e base del suo futuro "successo", le alleanze, le vendette. Sembra quasi un film. E che temperamento 'sti mongoli :)

    ha scritto il