Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Geografia e viaggi immaginari

Di

Editore: Electa

3.8
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 380 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8837041233 | Isbn-13: 9788837041236 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: History , Philosophy , Travel

Ti piace Geografia e viaggi immaginari?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un'indagine sui temi geografici dell'arte europea comporta una riflessione sulle modalità di definizione dello spazio: ne emerge un eurocentrismo congenito alla storia della cultura occidentale. Lo stesso concetto di Occidente, solo apparentemente geografica, è una nozione legata all'egemonia: la geografia fisica diventa immediatamente politica e i percorsi conoscitivi si tingono di sopraffazione. Sorprendente è l'intreccio dei temi: quante domande, incubi e sogni abbiamo proiettato sull'ignoto, creando miti, mostri o paradisi artificiali. Ripercorrendo la rete dei rimandi, prenderanno corpo le suggestioni provenienti dal cielo sopra di noi, dalle terre contigue e, finalmente, dalla nostra stessa immagine.
Ordina per
  • 2

    L'idea di esaminare gli elementi geografici nelle opere d'arte, e il loro valore convenzionale e simbolico in esse, era sicuramente buona. L'esito però é deludente.
    La suddivisione per argomenti ha una sua logica, ma molti di questi argomenti appaiono forzati, e le immagini ad essi abbinate talvo ...continua

    L'idea di esaminare gli elementi geografici nelle opere d'arte, e il loro valore convenzionale e simbolico in esse, era sicuramente buona. L'esito però é deludente. La suddivisione per argomenti ha una sua logica, ma molti di questi argomenti appaiono forzati, e le immagini ad essi abbinate talvolta sembrano del tutto fuorvianti rispetto all'argomento stesso. Anche certe spiegazioni sulle opere e sui simboli geografici che contengono appaiono forzate e non sostenute da studi adeguati in materia. Insomma, una guida riuscita a metà.

    ha scritto il