George's Marvellous Medicine

By

Publisher: Penguin Books Ltd

4.0
(1104)

Language: English | Number of Pages: 112 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , Spanish , German , Dutch

Isbn-10: 0141311347 | Isbn-13: 9780141311340 | Publish date: 

Illustrator or Penciler: Quentin Blake

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , School & Library Binding , Audio CD , Others , eBook

Category: Children , Fiction & Literature , Humor

Do you like George's Marvellous Medicine ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
When George's parents are away for the day, he's tempted to do something about his tyrannical grandmother. "Something" means going round the house collecting all kinds of horrible ingredients that will make up a magic potion to make her disappear. But instead of disappearing, she gets bigger.
Sorting by
  • 4

    c'é solo un autore che riesce a rendere l'inquietudine divertente, si tratta di Roald Dahl! non il mio preferito tra i suoi libri, ma decisamente intrigante.

    said on 

  • 4

    Una nonna un po' strega

    E’ una storia molto carina e divertente, e mentre la leggevo mi riveniva in mente la sequenza in cui Harry Potter fa gonfiare la zia brontolona con i perfidi cagnetti, non so se ve la ricordate, anche ...continue

    E’ una storia molto carina e divertente, e mentre la leggevo mi riveniva in mente la sequenza in cui Harry Potter fa gonfiare la zia brontolona con i perfidi cagnetti, non so se ve la ricordate, anche nel film. Sembra un po’ una favola esopiana con la morale ‘chi la fa l’aspetti’, ma con l’umorismo che contraddistingue Roald Dahl e le bellissime illustrazioni di Quentin Blake.

    Potete leggere di più qui, se vi va: https://perseinunbuonlibro.wordpress.com/2016/06/29/perigiovanilettori-la-magica-medicina/

    said on 

  • 5

    recensione a cura del sito REBECCAMAZZARELLA.IT

    Link al sito: http://www.rebeccamazzarella.it/recensioni-di-libri/item/207-la-magica-medicina-di-roald-dahl.html

    Ho tutta l'intenzione di colmare le mie lacune, ho avuto il piacere di leggere solo il ...continue

    Link al sito: http://www.rebeccamazzarella.it/recensioni-di-libri/item/207-la-magica-medicina-di-roald-dahl.html

    Ho tutta l'intenzione di colmare le mie lacune, ho avuto il piacere di leggere solo il GGG e la Fabbrica del Cioccolato che sono quelli più conosciuti (soprattutto in quest'ultimo periodo) e voglio rimediare.
    Nonostante i libri citati sopra mi siano piaciuti molto perché fanno riflettere e anche sorridere, questo è quello che a ad una prima lettura mi è piaciuto di meno.
    Di sicuro non è colpa sua, ero io che mi aspettavo qualcosa di diverso...
    La magica medicina vuole essere un semplice racconto che parla di un bambino che si vendica di tutti i dispetti e gli incubi che la nonna gli provoca. Nulla di trascendentale anzi, piuttosto banale... ma solo se si sta in superficie!
    Mi è sembrato davvero strano arrivare alla fine, chiuderlo e riporlo nella libreria senza provare alcun sentimento. Era come se non mi fosse passato nulla e per un momento mi sono sentita insoddisfatta.
    In realtà le sue parole stavano avendo effetto ad un livello molto più profondo e senza che me ne rendessi conto, mi stava guidando verso qualcosa di inaspettato.
    E' come se Dahl avesse parlato alla bambina dentro di me, quella un po' abituata a colpevolizzarsi quando bisticcia con qualcuno o quando sta zitta per non fare la parte di quella che "risponde sempre indietro" quando le fanno una battutina poco simpatica, o quando viene messa all'angolo perché alcune amicizie ti usano come una salvietta da naso...
    E' proprio con lei che stava parlando!
    La mia parte razionale leggeva e basta facendo filtrare le parole senza dargli particolare significato, ha usato (in parole povere) frequenze diverse che il mio cervello più "maturo" non è riuscito a captare.
    Il nonno Dahl, quest'omone gigante con le orecchie enormi e il viso che trasuda bontà, si è inginocchiato davanti a me e mi ha avvolto la mano con la sua, dicendomi: da adulta ti insegneranno ad aspettare che le cose facciano il loro corso, alcuni lo chiameranno karma altri ti diranno che i buoni vincono sempre, ma nessuno ti dice che potrebbero volerci anche degli anni. In alternativa sai cosa c'è? La tua fervida immaginazione! Puoi immaginarti una fine completamente diversa e gongolare del fatto che per una volta le cose andranno proprio come vorrai tu, divertendoti da matti!
    E' proprio questo che fa: ti spinge a fantasticare e a ricercare una soluzione più facile dettata dalla magia che ognuno di noi ha dentro di se e che è l'unica vera medicina che può curare tutti i mali.
    I suoi racconti, anche quelli che sembrano più "banali" come questo, sono come un urlo per risvegliare il bambino che tutti abbiamo dentro.
    E a mio parere è proprio quando una persona smette di ascoltare quel bambino, che diventa infelice e incompleto...
    Grazie Dahl, ho dovuto scrivere i miei pensieri per capire realmente il significato del libro perché se fosse stato solo per la parte di cervello più maturo, lo avrei snobbato dandoti un pessimo voto. La mia bambina interiore ti ringrazia!

    said on 

  • 4

    ATTENTE STREGHE!

    Attente streghe travestite da nonne i bambini sembrano indifesi, ma, quando si arrabbiano, trovano il modo di farvela pagare. Un libro costruito intorno ad una idea geniale: scambiare la medicina del ...continue

    Attente streghe travestite da nonne i bambini sembrano indifesi, ma, quando si arrabbiano, trovano il modo di farvela pagare. Un libro costruito intorno ad una idea geniale: scambiare la medicina della nonna con una pozione magica.

    said on 

  • 4

    Breve elenco degli aspetti che apprezzo di più nei libri di Roald Dahl:
    - l’ironia grottesca che riesce a tirar fuori dalle situazioni più banali e quotidiane: vedi il mirabolante accumulo degli ingre ...continue

    Breve elenco degli aspetti che apprezzo di più nei libri di Roald Dahl:
    - l’ironia grottesca che riesce a tirar fuori dalle situazioni più banali e quotidiane: vedi il mirabolante accumulo degli ingredienti usati per preparare ‘la magica medicina’, trovati semplicemente saccheggiando le varie stanze di una comune casa proletaria;
    - la giusta dose di cattiveria, necessaria a rendere davvero sapida una storia (SOPRATTUTTO una storia per bambini) e che raggiunge il suo culmine nei finali agrodolci, mai melensi o scontati;
    - la scelta del ‘cattivo’: non un lupo o un altro mostro feroce pronto a divorare il giovane protagonista, ma spesso un adulto che dovrebbe o potrebbe essere un punto di riferimento e che invece interpreta male il suo ruolo. In questo libro la nonna dispotica che umilia e tiranneggia il nipote;
    - il messaggio: lo scrittore sembra dire ai bambini di non fidarsi sempre di quelli che, per ruolo istituzionale, dovrebbero proteggerli. A volte, intenzionalmente o meno, sono proprio loro a fargli del male ed è bene essere pronti a difendersi;
    - di fronte all’astuzia, alla fantasia e al coraggio dei bambini anche l’antagonista adulto più subdolo ed elusivo è destinato ad essere miseramente sconfitto.
    Ecco, direi che è tutto.

    said on 

  • 4

    Una interessante medicina

    Molto simpatico e singolare. Per una volta le nonne non sono tanto buone e, la cattiveria, in questo caso, viene punita. Godibile lettura per tutte le età. Vivamente consigliato.

    said on 

  • 4

    Maravilloso libro infantil de Dahl. Lo leí siendo pequeña y lo he vuelto a releer varias veces de adulta. Con un lenguaje claro y sencillo, el autor nos narra la historia de Jorge que crea una medicin ...continue

    Maravilloso libro infantil de Dahl. Lo leí siendo pequeña y lo he vuelto a releer varias veces de adulta. Con un lenguaje claro y sencillo, el autor nos narra la historia de Jorge que crea una medicina muy rara mezclando diversos elementos y se la da a su asquerosa abuela lo que tiene efectos desastrosos. Es muy cortito y una buenísima recomendación para los más peques de la casa.

    said on 

Sorting by