Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Georgie 1

Di ,

Editore: Magic Press

4.2
(124)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 240 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8877592729 | Isbn-13: 9788877592729 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Romance

Ti piace Georgie 1?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sono passato ormai 24 anni dal lontano Settembre 1984, quando Georgie apparve per la prima volta sugli schermi televisivi italiani. Per la prima volta in edizione integrale, senza censure, e con le nuove tavole a colori realizzate dalla grandissima Igarashi, la vera storia della biondina australiana più famosa dei cartoni animati.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Lalalalà-Lalalalà-Lalalala-la-la-là

    Premetto che non ho una gran cultura di manga, anzi posso dire di aver letto solo questo e Lady Oscar. Non so niente di come debbano essere lo stgile dei disegni e delle storie. Con Georgie è stato amore a pelle...


    Ho comprato i quattro volumetti dopo aver rivisto tutto il cartone in preda ...continua

    Premetto che non ho una gran cultura di manga, anzi posso dire di aver letto solo questo e Lady Oscar. Non so niente di come debbano essere lo stgile dei disegni e delle storie. Con Georgie è stato amore a pelle...

    Ho comprato i quattro volumetti dopo aver rivisto tutto il cartone in preda ad un nostalgico revival degli anni '80. E come l'anime mi era piaciuto (sia da bambina che da fanciulla cresciuta), anche il manga mi ha tenuta incollata e fremente nell'attesa del 4° capitolo che non riuscivo a trovare.
    Mi piace lo stile dei disegni, fiorelloso e dagli occhi grandi e luccicanti; mi piace la storia con un finale da lacrima assicurata diverso da quello del cartone animato che avevo giudicato trooppo frettoloso e che lasciava troppo in sospeso le questioni relative al rapporto di Georgie con i suoi due "fratelli".
    Nel fumetto, però, manca tutta la parte relativa all'infanzia di Georgie che aveva il merito di delineare le relazioni che intercorrevano tra Georgie e la sua famiglia (l'amore di Abel e Arthur, l'accanimento della mamma...).

    La storia può non piacere perchè, in fondo, Georgie è un personaggio un po' irreale: una ragazzina di 14 anni che fa innamorare perdutamente tre giovanotti bellissimi che per lei farebbero di tutto; che s'imbarca su una nave alla ricerca delle sue origini e del suo grande amore (Lowell), lo trova e lo perde per salvargli la vita (lui è malaticcio e vivere con lei tra gli stenti non è cosa buona); che si accorge però di aver sempre amato il suo fratello maggiore (Abel) dal quale è scappata e con il quale farà un figlio (che non conoscerà mai suo padre visto che Abel viene ucciso la mattina dopo la notte di passione nella cella in cui era recluso): che alla fine torna in Australia e ritrova Arthur, il fratello minore, quello che stava sempre un passo indietro, quello che credeva morto annegato e che invece condividerà la vita con lei.
    E' forse un po' da fiction, ma è bello tuffarsi per un momento nel romantico e malinconico mondo di queste storie anni '80 che alla fine riesce a trovare un lieto fino.
    Nota sui personaggi: da bambina guardando l'anime, tifavo spassionatamente per Arthur, nella "revisione" e lettura ho orientato la mia preferenza su Abel, per il suo essere bello e dannato, irruento e passionale (anche se il fratellino mi fa ancora tenerezza per la muta costanza con il quale ama Georgie); chi non sopporto invece è Lowell, un damerino biondo senza carattere che pensa che tutto gli sia dovuto. No, no per una volta gli occhioni blue i riccioli d'oro vengono bocciati!

    In conclusione...
    Un romantico tuffo nel passato: 5 stellette meritatissime!

    ha scritto il 

  • 4

    COMPLETA ... numero rappresentativo di tutti i volumi ^^

    Chi non ha mai visto il cartone?!
    ... beh, il manga da cui è stato tratto è decisamente meglio! Certo, non è una storia per bambini, mentre il cartone è stato censurato per poterlo essere, per potercisi avvicinare ... peccato che in questo modo si sono persi l'atmosfera, i sentimenti, la tr ...continua

    Chi non ha mai visto il cartone?!
    ... beh, il manga da cui è stato tratto è decisamente meglio! Certo, non è una storia per bambini, mentre il cartone è stato censurato per poterlo essere, per potercisi avvicinare ... peccato che in questo modo si sono persi l'atmosfera, i sentimenti, la tristezza, il dolore che invece si percepiscono leggendo i volumi. Si intravede solamente nel cartone.

    fino a circa la metà ci siamo, i due (cartone e manga) vanno in parallelo ... ma da un certo punto in poi la storia e il finale del manga sono su un altro livello!!!

    Che dire ... ho pianto! ... tu soffri con georgie e i suoi fratelli, vivi quello che stanno vivendo loro e alla fine provi una tristezza infinita ... perchè non può, non doveva finire così!
    però però però Nonostante tutto questo dolore, una luce si intravede ... la speranza c'è ancora! La speranza di una vita felice e piena d'amore!

    ha scritto il 

  • 3

    "Georgie che corre felice sul prato, nel suo bel mondo che pare fatato..."
    Prima di comprare questo volumetto serbavo un ricordo un po' nebuloso del cartone animato, che aveva come protagonista questa ragazzina con boccolosi capelli biondi che, senza una precisa ragione, correva per immensi ...continua

    "Georgie che corre felice sul prato, nel suo bel mondo che pare fatato..."
    Prima di comprare questo volumetto serbavo un ricordo un po' nebuloso del cartone animato, che aveva come protagonista questa ragazzina con boccolosi capelli biondi che, senza una precisa ragione, correva per immensi campi fioriti. Il mio ricordo finisce qui. Poi ho aperto il volumetto e sono rimasta alquanto basita: non immaginavo che in Georgie ci fosse tutta questa tensione sessuale! Tra lei e i fratelli, tra lei e Lowell, ci mancava che anche lo zio Kevin ne fosse attratto XD!

    Al di là di questo devo dire che mi piaciuto molto come inizio e, nonostante alcune ingenuità e semplificazioni a livello di intreccio narrativo, la lettura scorre senza difficoltà e coinvolge anche un lettore adulto; inoltre i disegni sono molto accurati, soprattutto per l'uso abbondante di fiori a incorniciare le tavole e per gli occhi sbrilluccicosi (*_*).

    ha scritto il 

  • 5

    Ho colto l’occasione della ristampa di questo classico per conoscere meglio questa storia.
    Ammetto la mia ignoranza: non sapevo dell’esistenza di Georgie fino a tre/quattro anni fa, quando diedero il cartone in televisione e anche allora non lo seguii molto perché era parecchio noioso. Quin ...continua

    Ho colto l’occasione della ristampa di questo classico per conoscere meglio questa storia.
    Ammetto la mia ignoranza: non sapevo dell’esistenza di Georgie fino a tre/quattro anni fa, quando diedero il cartone in televisione e anche allora non lo seguii molto perché era parecchio noioso. Quindi questo manga mi ha stupita, perché non me lo immaginavo così coinvolgente. Si entra nel vivo della storia, senza tutti quei fronzoli che hanno aggiunto nell’anime.

    Georgie, una ragazzina australiana, vive con la madre e i due fratelli vicino Sidney. In seguito ad alcuni eventi, scopre che la sua vita si basa su una menzogna: è figlia di deportati, e quelli che credeva fossero i suoi fratelli cercano di conquistare il suo amore. Cacciata da casa, Georgie decide di imbarcarsi per Londra per cercare le sue origini e seguire il suo amore, Lowell, un giovane nobile inglese.

    Lo stile, anche se troppo “fiorelloso”, mi piace molto: la Igarashi punta molto sui particolari, soprattutto sugli occhi dei protagonisti. Sono presenti anche delle tavole a colori, veramente stupende.
    Giudizio molto positivo per questo primo numero, vedremo come prosegue.

    ha scritto il