Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Germania: un viaggio

Di

Editore: Voland

3.7
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: 8862430205 | Isbn-13: 9788862430203 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: V. Parisi

Genere: Fiction & Literature , Travel

Ti piace Germania: un viaggio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Molto bella l'idea dell'autore di percorrere per intero i confini della Germania passando per villaggi e città narrandone l'atmosfera e la storia. IN questo modo si riesce a penetrare nel mondo tedesco e nelle sue ferite in particolare la Seconda guerra mondiale e il comunismo con la divisione de ...continua

    Molto bella l'idea dell'autore di percorrere per intero i confini della Germania passando per villaggi e città narrandone l'atmosfera e la storia. IN questo modo si riesce a penetrare nel mondo tedesco e nelle sue ferite in particolare la Seconda guerra mondiale e il comunismo con la divisione delle due Germanie. A parte i frequenti errori di stampa nell'andare a capo, la narrazione però a volte si perde un po' specie quando l'autore si dilunga in esperienze personali.

    ha scritto il 

  • 4

    Un viaggio lungo i confini della Germania, gli incontri con la gente, piccole storie quotidiane raccontate con maestria. Mi ha fatto venire voglia di girarmi in lungo e in largo la Germania, soprattutto quei posti lontani dai circuiti turistici.

    ha scritto il 

  • 3

    La gradevolezza cambia molto da capitolo a capitolo, e diciamo pure che i primi non brillano in questo senso...
    Non è un viaggio in senso canonico, quanto delle istantanee, delle cartoline inviate da tantissimi paesi che si trovano a cavallo dei confini tedeschi, un giro della Germania percorrend ...continua

    La gradevolezza cambia molto da capitolo a capitolo, e diciamo pure che i primi non brillano in questo senso... Non è un viaggio in senso canonico, quanto delle istantanee, delle cartoline inviate da tantissimi paesi che si trovano a cavallo dei confini tedeschi, un giro della Germania percorrendo il suo perimetro ed annotando sul taccuino impressioni, storie personali, orrori, errori e amori.

    L'unico consiglio che dò è quello di fare sempre una ricerca internet per trovare le immagini dei singoli paesi, aiuta a capire meglio e chi lo sa, potrebbe fornire uno spunto per una vacanza sui generis.

    Per amatori del genere!

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro scritto da un tedesco per i tedeschi, con tanti riferimenti quindi sconosciuti a chi tedesco non è. Comunque molto interessante. All'inizio lento, si fa più coinvolgente procedendo nella lettura. Ritratto di un paese che sta lentamente ricostruendosi la propria memoria storica

    ha scritto il 

  • 5

    Buscher, giornalista viaggiatore che certo non si porta un bagaglio leggero di inquietudini e perplessità, affronta un nuovo impegnativo viaggio per raccontarci la Germania.
    Lo fa in modo singolare, cercando di andare al fondo delle cose sfuggendo per la tangente.
    Ed è questo che fa d ...continua

    Buscher, giornalista viaggiatore che certo non si porta un bagaglio leggero di inquietudini e perplessità, affronta un nuovo impegnativo viaggio per raccontarci la Germania.
    Lo fa in modo singolare, cercando di andare al fondo delle cose sfuggendo per la tangente.
    Ed è questo che fa davvero, perché il suo viaggio non si inoltra nel cuore della Germania, ma si srotola per intero lungo i suoi confini: 3.500 chilometri balzando da un lato all’altro della frontiera, lungo le sponde di fiume, boschi e montagne, città rase al suolo dalla guerra e oggi trasformate in strani bazar.
    Un viaggio per certi versi assurdo, incomprensibile, importante però, perché ci dimostra che è dalla periferia che si può comprendere il centro.
    Dal vuoto il pieno: dal paese che non c’è o che sta per svanire ecco ciò che è stato, è e forse sarà la Germania.

    ha scritto il