Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Germinale

Di

Editore: Frassinelli

4.3
(1262)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 560 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Portoghese , Turco

Isbn-10: 8876843817 | Isbn-13: 9788876843815 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: E. Minervini

Disponibile anche come: Paperback , Cofanetto , Tascabile economico , Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Social Science

Ti piace Germinale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Un capolavoro, uno di quei libri fondamentali da leggere nella vita, come Furore per esempio...i poveri che sono poverissimi, i bambini nelle famiglie che fanno i bisogni tutti insieme come fossero ca ...continua

    Un capolavoro, uno di quei libri fondamentali da leggere nella vita, come Furore per esempio...i poveri che sono poverissimi, i bambini nelle famiglie che fanno i bisogni tutti insieme come fossero cagnolini, le persone che si svegliano che è ancora notte per andare a lavorare, al freddo e al gelo, che si mettono il briqué da mangiare sulla schiena sotto i vestiti e si avviano alla miniera come se avessero la gobba, che vivono in dieci in una casetta minuscola e non hanno quasi niente da mangiare, che lavorano sottoterra al buio, in mezzo a correnti freddissime e gran calore, in spazi angusti e claustrofobici, contrapposti alla borghesia benestante che si sveglia al caldo non si chiede mai perché né dice grazie, coi genitori che osservano con amore la figlia grassa e antipatica svegliarsi con comodo e fare colazione con brioche e cioccolata...
    E questo è solo l'inizio, quante cose da dire su Gérminale...!!! La rabbia cieca, cattiva e inutile delle folle, il furore che diventa violento e sempre più crescente, il rifiuto a smettere di scioperare per non vanificare tutta la fatica, la fame e la resistenza già patiti. Il fallimento, tutto che torna praticamente come prima, però la nuova speranza, quella consapevolezza che nel frattempo un passo avanti si è fatto, che la prossima volta andrà meglio. Un romanzone potentissimo, mi vengono le lacrime a ripensarci.

    PS: traduzione eccellente, ma "gli" usato come pronome femminile non si può proprio sentire...è programma di seconda elementare!!! Non è che uno vale l'altro.

    ha scritto il 

  • 3

    C'è sempre una prima volta.
    Questa è la prima volta che arranco con un libro di Zola.
    Germinale è un affresco della società di fine Ottocento, pieno di sofferenza. La durissima vita dei minatori provo ...continua

    C'è sempre una prima volta.
    Questa è la prima volta che arranco con un libro di Zola.
    Germinale è un affresco della società di fine Ottocento, pieno di sofferenza. La durissima vita dei minatori provoca nel lettore tanta tristezza che si acuisce sempre di più man mano che ci si avvicina al finale.
    Ma in molti tratti l'ho trovato pesante, ci sono voluti mesi per trovare il coraggio di finirlo.

    ha scritto il 

  • 5

    Epico

    forse non sono d'accordo con Oscar Wilde che tale lo definì ma secondo me è un romanzo completo, fatto
    di rivolta e disuguaglianza, universalità del dolore e passioni, indomita lotta e rassegnazione. ...continua

    forse non sono d'accordo con Oscar Wilde che tale lo definì ma secondo me è un romanzo completo, fatto
    di rivolta e disuguaglianza, universalità del dolore e passioni, indomita lotta e rassegnazione. forse poco naturalistico più ottocentesco in realtà, più russo che francese.

    ha scritto il 

  • 5

    Un romanzo potente e vivo. Mi ha fatto patire la fatica, il desiderio di riscatto, la fame, il freddo, il dolore. E soprattutto la sensazione di essere senza una via d'uscita (in tutti i sensi possibi ...continua

    Un romanzo potente e vivo. Mi ha fatto patire la fatica, il desiderio di riscatto, la fame, il freddo, il dolore. E soprattutto la sensazione di essere senza una via d'uscita (in tutti i sensi possibili).

    ha scritto il 

  • 5

    Al centro del romanzo la potenza della massa, la sua forza e la sua dignità, ma anche la sua impulsività ed imprevedibilità, di cui farà le spese lo stesso protagonista.
    Un racconto duro, realista, sc ...continua

    Al centro del romanzo la potenza della massa, la sua forza e la sua dignità, ma anche la sua impulsività ed imprevedibilità, di cui farà le spese lo stesso protagonista.
    Un racconto duro, realista, sconcertante, per certi versi anche angosciante ed opprimente, ma eccezionale nella sua capacità descrittiva.

    ha scritto il 

  • 5

    In un'avvincente narrazione, Zola racconta in Germinale gioie, dolori e speranze disattese di un borgo di minatori a Montsou durante la crisi industriale. L'opera è inopinabilmente tra le più celebri ...continua

    In un'avvincente narrazione, Zola racconta in Germinale gioie, dolori e speranze disattese di un borgo di minatori a Montsou durante la crisi industriale. L'opera è inopinabilmente tra le più celebri dell'autore naturalista - e certamente non a caso.

    Nonostante la sua mole (649 pagine nella mia edizione), si legge velocemente grazie allo stile scorrevole e coinvolgente. L'accuratezza quasi scientifica imposta dal naturalismo -di cui Zola è tra i massimi esponenti- è pienamente resa dall'ampia documentazione e dalle ricerche sull'ambiente minerario in cui l'autore stesso si è prodigato prima di scrivere. Un'ulteriore nota di pregio va ad aggiungersi per il lavoro e le scelte di traduzione di Ida Porfido.

    Germinale, è in sintesi, nel senso più proprio e possibilmente non inflazionato del termine, un capolavoro.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    angosciante !

    Da Zola non ci si aspetta il lieto fine, e infatti…
    Anche se il sol dell'avvenir coi suoi "raggi infiammati" illumina una "mattina di giovinezza", si devono percorrere prima tutti i grad ...continua

    angosciante !

    Da Zola non ci si aspetta il lieto fine, e infatti…
    Anche se il sol dell'avvenir coi suoi "raggi infiammati" illumina una "mattina di giovinezza", si devono percorrere prima tutti i gradini di una tragica scala discendente, come quella che porta nel buio della miniera, attraversando la disperazione, la miseria sempre più nera, il lavoro sfiancante e malpagato, uno sciopero drammatico che affama e uccide, le disgrazie e il dolore accettati come un ineludibile destino.

    E poi c'è quella famiglia… quella su cui si abbattono tragedie senza fine, tanto che vien da chiedersi: "Com'è possibile resistere a tanto ?"
    La Maheude, Madre Coraggio, ce la fa, anche se è costretta infine a chinare il capo, in un'apparente rassegnazione, in attesa della "germinazione che avrebbe fatto presto scoppiare la terra".

    ha scritto il 

  • 1

    Germinale non mi è piaciuto. Ho fatto fatica a leggerlo per la scrittura arcaica e le descrizioni interminabili. Lo stile di Zola è spoglio, privo di quel minimo dettaglio che dà luce alla narrazione. ...continua

    Germinale non mi è piaciuto. Ho fatto fatica a leggerlo per la scrittura arcaica e le descrizioni interminabili. Lo stile di Zola è spoglio, privo di quel minimo dettaglio che dà luce alla narrazione. Certo il contesto non aiuta, la sofferenza dei minatori è buia, però ho trovato ogni parola stanca, incenerita, morta. Lo stile di scrittura così pesante, mai brillante ha reso la lettura di questo libro monotona e sgradevole. La storia non mi ha per niente coinvolta, i personaggi fanno sempre l’opposto di quello che farei io nelle loro condizioni. Non capisco bene le vicende di carattere politico, questo campo è ancora distante dai miei pensieri. Sicuramente nell’epoca in cui è stato scritto era un romanzo importante, tuttavia secondo me ha avuto un ruolo storico più che letterario. Non capisco il messaggio di speranza che Zola vuole dare nel finale: prima dimostra che la ribellione non serve a niente, tutto torna come all’inizio del libro. Sono leggermente cambiati forse i pensieri dei minatori, ma senza Stefano sprofonderanno di nuovo nell’ignoranza e nell’abitudine. Le condizioni dei minatori erano pessime, ma nel sistema della società dall’Ottocento ad oggi non è cambiato molto: gli impiegati dei call center, per esempio, telefonano otto ore al giorno, sono sottopagati ma rassegnati a una triste esistenza. Intanto le multinazionali per cui lavorano si arricchiscono sempre di più.
    Il libro più brutto che io abbia mai letto. Noioso, interminabile, senza senso né finale. Se potessi gli darei zero stelle.

    ha scritto il 

  • 5

    10° classico per la sfida classici 2013/2014

    Un capolavoro senza tempo ma di non facile lettura. Claustrofobico è dire poco, si arranca, si soffoca un po', si lascia lì sul comodino per qualche ora, si spera in un evento positivo,si riflette, ci ...continua

    Un capolavoro senza tempo ma di non facile lettura. Claustrofobico è dire poco, si arranca, si soffoca un po', si lascia lì sul comodino per qualche ora, si spera in un evento positivo,si riflette, ci si rassegna, ci si perde nelle parole di Zola. Durante la lettura non pensavo di dargli il massimo dei voti perchè ho fatto fatica a leggere alcuni capitoli, però poi quello che ti lascia alla fine è un senso di impotenza immenso, un universo intero su cui ragionare. Come se tutti gli eventi fossero successi inutilmente, come se le disgrazie non fossero servite a nulla, come se i morti fossero già stati dimenticati troppo in fretta dalle autorità. Le 5 stelle sono per il il disegno generale, per tutto il complesso, per la denuncia, per la modernità. Se lo si legge tanto per leggerlo non lascia molto.
    La scrittura è talmente descrittiva e dettagliata che più volte mi sono ritrovata a chiedermi quanto potesse ancora parlare di minatori, pozzi e gallerie. Non risparmia nessuna azione, descrive tutto come se non ci servissero gli occhi per vedere quello che sta succedendo.

    "Ma lui, senza ascoltarla, continuava a stringerla disperatamente, col cuore colmo di un'immensa tristezza. Lo invadeva un bisogno di tranquillità, un irresistibile bisogno di essere felice. Si vedeva sposato, in una piccola casa linda, senza altra ambizione che quella di vivere e morire là dentro, tutti e due. Un po' di pane gli sarebbe bastato, e se ce ne fosse stato per uno solo, sarebbe stato per lei. Perchè chiedere di più? A che altro serviva, la vita?"

    Che è senza tempo l'ho già detto.

    ha scritto il 

Ordina per