Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gesù di Nazaret

Di

Editore: Rizzoli

3.9
(242)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 446 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817016594 | Isbn-13: 9788817016599 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Roberta Zuppet , Chicca Galli ; Curatore: Elio Guerriero , Ingrid Stampa

Disponibile anche come: eBook

Genere: Biography , History , Religion & Spirituality

Ti piace Gesù di Nazaret?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Ho voluto fare il tentativo di presentare il Gesù dei Vangeli come il Gesù reale, come il "Gesù storico" in senso vero e proprio. Io sono convinto che questa figura è molto più logica e dal punto di vista storico anche più comprensibile delle ricostruzioni con le quali ci siamo dovuti confrontare negli ultimi decenni. Io ritengo che proprio questo Gesù - quello dei Vangeli- sia una figura storicamente sensata e convincente. Solo se era successo qualcosa di straordinario, se la figura e le parole di Gesù avevano superato tutte le speranze e le aspettative dell'epoca, si spiega la sua crocifissione esi spiega la sua efficacia. Già circa vent'anni dopo la morte di Gesù troviamo pienamente dispiegata nel grande inno a Cristo della Lettera ai Filippesi(2,6-11) una cristologia, in cui si dice che Gesù era uguale a Dio ma spogliò se stesso, si fece uomo, si umiliò fino alla morte sulla croce e che a l'omaggio del creato, l'adorazione che nel profeta Isaia (45,23) Dio aveva proclamata come dovuta a Lui solo. La ricerca critica si pone a buon diritto la domanda: che cosa è successo in questi vent'anni dalla crocifissione di Gesù? Come si è giunti a questa cristologia? Come mai dei raggruppamenti sconosciuti poterono essere così creativi, convincere e in tal modo imporsi? Non è più logico che la grandezza si collochi all'inizio e chela figura di Gesù abbia fatto saltare tutte le categorie disponibili e abbia potuto così essere compresa solo a partire dal mistero di Dio?"
Ordina per
  • 5

    "La moderna esegesi ci ha dischiuso una grande quantità di materiali e di conoscenze attraverso le quali la figura di Gesù può divenirci presente con una vivacità e una profondità che pochi decenni fa non riuscivamo neppure a immaginare". Da questa considerazione Joseph Ratzinger, poi divenuto Be ...continua

    "La moderna esegesi ci ha dischiuso una grande quantità di materiali e di conoscenze attraverso le quali la figura di Gesù può divenirci presente con una vivacità e una profondità che pochi decenni fa non riuscivamo neppure a immaginare". Da questa considerazione Joseph Ratzinger, poi divenuto Benedetto XVI, parte per scrivere questo libro, un corposo e solido saggio storico-esegetico che, pur risultando di non sempre facile lettura, contiene riflessioni sicuramente "tecniche" ma anche molto belle e profonde. Consigliato a chi ama approfondire questi argomenti, è da assaporare a piccoli passi per comprenderne a fondo la complessità e la ricchezza.

    ha scritto il 

  • 4

    Benedetto usa il suo stile sobrio e asciutto come ci ha fatto conoscere nei suoi anni di pontificato ma in più aggiunge la sua vena di grande teologo e studioso dei testi sacri rendendo il lavoro molto suggestivo, andando a scandagliare in quelle parole e passi della scrittura rendendoli assimila ...continua

    Benedetto usa il suo stile sobrio e asciutto come ci ha fatto conoscere nei suoi anni di pontificato ma in più aggiunge la sua vena di grande teologo e studioso dei testi sacri rendendo il lavoro molto suggestivo, andando a scandagliare in quelle parole e passi della scrittura rendendoli assimilabili anche a chi è digiuno di questi argomenti. In alcune pagine il discorso teologico forse si fa un po' troppo specifico, ma nel complesso è un gran bel lavoro.

    ha scritto il 

  • 1

    Purtroppo noioso

    Si tratta di un libro di esegesi Cattolica. Non era quello che mi aspettavo quindi la colpa è anche mia che non mi sono adeguatamente informato.
    La mia sensazione è di aver letto una predica di 400 pagine...vi lascio immaginare la noia.
    Penso sia un libro solo per Cattolici con una fe ...continua

    Si tratta di un libro di esegesi Cattolica. Non era quello che mi aspettavo quindi la colpa è anche mia che non mi sono adeguatamente informato.
    La mia sensazione è di aver letto una predica di 400 pagine...vi lascio immaginare la noia.
    Penso sia un libro solo per Cattolici con una fede consolidata e non per persone in cerca di risposte.

    ha scritto il 

  • 5

    Anche oggi c'è,dall'altro lato,l'ideologia del successo,del benessere,che ci dice:Dio è solo una finzione,ci fa solo perdere tempo e ci toglie la voglia di vivere.Non ti preoccupare di Lui! Cerca solo di carpire dalla vita quanto puoi! Anche a queste tentazioni sembra impossibile sottrarsi. Il Pa ...continua

    Anche oggi c'è,dall'altro lato,l'ideologia del successo,del benessere,che ci dice:Dio è solo una finzione,ci fa solo perdere tempo e ci toglie la voglia di vivere.Non ti preoccupare di Lui! Cerca solo di carpire dalla vita quanto puoi! Anche a queste tentazioni sembra impossibile sottrarsi. Il Padre nostro nella sua interezza, e questa domanda in particolare, vogliono dirci: solo quando hai perduto Dio, hai perduto te stesso; allora sei ormai soltanto un prodotto casuale dell'evoluzione. Allora il «drago» ha vinto davvero. Finché egli non riesce a strapparti Dio, tu, nonostante tutte le sventure che ti minacciano, sei ancora rimasto intimamente sano. Così è giusto che la traduzione dica: liberaci dal male. Le sventure possono essere necessarie alla nostra purificazione, ma il male distrugge. Questo dunque chiediamo nel più profondo: che non ci venga strappata la fede che ci fa vedere Dio, che ci unisce a Cristo. Chiediamo che per i beni non perdiamo il Bene stesso; che anche nella perdita di beni non vada perso per noi il Bene, Dio; che non andiamo persi noi: liberaci dal male!

    Non ho nemmeno bisogno di aspettare la fine del libro per dargli 5 stelle.

    ha scritto il 

  • 5

    Semplicità e profondità

    Un libro potente. Un'analisi della figura storica e sacrale di Cristo dal punto di vista di un Credente con smisurate competenze teologiche. La prosa di Benedetto XVI (io ho letto la versione italiana, si intende) è forbita e accurata ma allo stesso tempo piacevole e accattivante. Lo consiglio. ...continua

    Un libro potente. Un'analisi della figura storica e sacrale di Cristo dal punto di vista di un Credente con smisurate competenze teologiche. La prosa di Benedetto XVI (io ho letto la versione italiana, si intende) è forbita e accurata ma allo stesso tempo piacevole e accattivante. Lo consiglio.

    ha scritto il 

  • 4

    Qui si vede tutta la figura del Ratzinger teologo: è un ottimo scritto sulla figura di Gesù di Nazaret in quasi tutti i suoi aspetti (ci dovrebbe essere un seguito): da agnostico/ateo ho apprezzato.

    ha scritto il 

  • 2

    Gesu' di Nazaret

    Ad essere onesti, bisogna dire che Benedetto XVI scrive su Gesu' quello che giustamente un papa deve scrivere. Il Gesu' storico, quello narrato dai vangeli, senza aggiunte o sottrazioni. Certo se uno pensa al Gesu' di Saramago, c'e' da riflettere, ma il papa e' il papa, e non puo' che raccontare ...continua

    Ad essere onesti, bisogna dire che Benedetto XVI scrive su Gesu' quello che giustamente un papa deve scrivere. Il Gesu' storico, quello narrato dai vangeli, senza aggiunte o sottrazioni. Certo se uno pensa al Gesu' di Saramago, c'e' da riflettere, ma il papa e' il papa, e non puo' che raccontare l'ortodossia, senza sgarrare di una virgola, comunque un buon libro per chi non vuole porsi troppi problemi sulla breve vita di Gesu'. voto 6/10

    ha scritto il 

Ordina per