Giù al Nord

Voto medio di 75
| 10 contributi totali di cui 6 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Essenziale, acre, implacabile, mai disposto alla battuta facile: il furorecomico surreale di Albanese va diritto al cuore del nuovo miracoloindustriale, fondato sul superlavoro, ma anche al cuore della società che sivorrebbe postindustriale, e ...Continua
Jacobass2006
Ha scritto il 01/03/17
Vedere lo...
... spettacolo teatrale è, ovviamente, tutta un altra cosa. La mimica, di cui Antonio Albanese è maestro, le pause, i movimenti sgraziati ma sempre pertinenti sono altro rispetto a leggere la sceneggiatura. Ma si ride anche con questo libro in mano,...Continua
Bardamu 1
Ha scritto il 28/02/11

Il testo dello spettacolo teatrale... in teatro è un'altra cosa

chia
Ha scritto il 26/02/11

Ogni tanto mi lascio fregare da questi libretti, specie quando sono comici che adoro.. Ma non rendono mai bene quanto vederli recitare per davvero ed interpretare i loro personaggi..

Maura
Ha scritto il 12/10/10

Due capitoli mi piacciono. Anche gli altri forse sono belli però l'ironia che fanno non la capisco perché è troppo difficile quindi non posso essere sicura che il libro sia bello.

ஐIleஐ
Ha scritto il 05/06/09

Esilarante e spassosissimo da leggere! Mitico Antonio Albanese!


Stayviolet
Ha scritto il Dec 15, 2010, 22:25
Il tempo è un minuscoloinsetto con le lancette che lascai dietro di sè una scia di minuscole cagatine di istanti. Una cagatina quà, una cagatina là, sembra un perfetto meccanismo a orologeria animato da un'inarrestabile diarrea cronometrica.
Pag. 74
Stayviolet
Ha scritto il Dec 15, 2010, 22:22
Anche qualche gabbiano che fa il pendolare tra le antenne e le discariche. E torna a cagare sulla testa dei condomini la merda che i condomini hanno appena buttato via. Il grande cerchio della vita.
Pag. 69
Stayviolet
Ha scritto il Dec 15, 2010, 22:19
Io non lavoro. Però mi stanco lo stesso. Lavorerò da grande, adesso ho solo trentatre anni.
Pag. 53
Stayviolet
Ha scritto il Dec 15, 2010, 22:17
Mio nonno ha fatto il capannone piccolo, mio padre ha fatto il capannone grande, io il capannone grandissimo.Mio figlio si droga. Ha capito che che non riuscirà mai a fare un capannone più grande del mio.
Pag. 3

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi