Gilead

By

Publisher: Virago Press Ltd

3.5
(175)

Language: English | Number of Pages: 288 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , Swedish , Spanish

Isbn-10: 1844081486 | Isbn-13: 9781844081486 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , Audio CD , Audio Cassette , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Religion & Spirituality

Do you like Gilead ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
2005 Pulitzer Prize Winner for Fiction 2004 National Book Critics Circle Winner In 1956, toward the end of Reverend John Ames's life, he begins a letter to his young son, an account of himself and his forebears. Ames is the son of an Iowan preacher and the grandson of a minister who, as a young man in Maine, saw a vision of Christ bound in chains and came west to Kansas to fight for abolition: He "preached men into the Civil War," then, at age fifty, became a chaplain in the Union Army, losing his right eye in battle. Reverend Ames writes to his son about the tension between his father--an ardent pacifist--and his grandfather, whose pistol and bloody shirts, concealed in an army blanket, may be relics from the fight between the abolitionists and those settlers who wanted to vote Kansas into the union as a slave state. And he tells a story of the sacred bonds between fathers and sons, which are tested in his tender and strained relationship with his namesake, John Ames Boughton, his best friend's wayward son.This is also the tale of another remarkable vision--not a corporeal vision of God but the vision of life as a wondrously strange creation. It tells how wisdom was forged in Ames's soul during his solitary life, and how history lives through generations, pervasively present even when betrayed and forgotten.Gilead is the long-hoped-for second novel by one of our finest writers, a hymn of praise and lamentation to the God-haunted existence that Reverend Ames loves passionately, and from which he will soon part.
Sorting by
  • 4

    Trovo ammirazione per la letteratura americana che riesce a parlare ancora di argomenti come la fede, Dio, famiglia e morte. Di certo non c'è nulla di simile nella narrativa contemporanea italiana ed ...continue

    Trovo ammirazione per la letteratura americana che riesce a parlare ancora di argomenti come la fede, Dio, famiglia e morte. Di certo non c'è nulla di simile nella narrativa contemporanea italiana ed è un male, perché, che si voglia o no, quelli sono argomenti che fanno parte della vita e della nostra vita. Ometterli non serve ad essere più felici, anzi. Quindi onore a questa scrittrice che riesce a trasmettere desiderio di ricerca dell'Io più intimo di noi stessi. Forse vale la pena scrivere dei nostri pensieri e delle nostre riflessioni, per non dimenticare i fatti che ci fanno, letteralmente.

    said on 

  • 2

    Una delusione dopo Lila, ma per colpa mia. Niente da eccepire, ma tutta una concione epistolare dell'anziano ministro di culto al suo giovane figlio, intorno ai misteri ultimi della fede e della vocaz ...continue

    Una delusione dopo Lila, ma per colpa mia. Niente da eccepire, ma tutta una concione epistolare dell'anziano ministro di culto al suo giovane figlio, intorno ai misteri ultimi della fede e della vocazione, proprio non è nelle mie corde. Per ora smetto, poi si vedrà.

    said on 

  • 3

    Un bel romanzo con dei ma ...

    Considerate le numerose recensioni entusiastiche (a dir la verità più relative a Casa e a Lila, nonostante il Pulitzer l'abbia vinto questo), sì mi aspettavo di più. Anche se devo dire che non raramen ...continue

    Considerate le numerose recensioni entusiastiche (a dir la verità più relative a Casa e a Lila, nonostante il Pulitzer l'abbia vinto questo), sì mi aspettavo di più. Anche se devo dire che non raramente non capisco (insufficienza mia) le scelte del Pulitzer, mentre quelle del Booker Prize mi entusiasmano ...
    Altro appunto: quando sento l'esercizio artificiale dei docenti di creative writing mi sorgono sospetti e pregiudizi, mi sembra che affrontino certi temi solo per sfida formale ...
    Detto questo, Gilead è un bel romanzo, soprattutto nella seconda parte, in cui compare Jack Boughton a sconvolgere pensieri ed equilibri. Una grande capacità di cogliere l'animo umano in sfumature anche inattese. Infine, ho fatto difficoltà con un livello di riflessione religiosa per il quale mi mancano i riferimenti (forse è questo che hanno apprezzato al Pulitzer?).

    said on 

  • 4

    Avevo grandi aspettative e dopo aver capito che il romanzo è una lunga lettera di un padre pastore al figlio, mi sono un po' irritata perché avevo l'idea che fosse un po' pedante, didascalico e dunque ...continue

    Avevo grandi aspettative e dopo aver capito che il romanzo è una lunga lettera di un padre pastore al figlio, mi sono un po' irritata perché avevo l'idea che fosse un po' pedante, didascalico e dunque noioso. Ma questa specie di diario non è affatto piatta e monotona perché è un cammino di crescita interiore, nonostante la saggezza e la vecchiaia del protagonista. Parole semplici, vita quotidiana eppure una profondità di pensiero che porta a vedere al di là delle apparenze. La complessità della vita c'è anche in un piccolo paesino del middle west a metà del secolo scorso.

    said on 

  • 4

    la lettera di un anziano padre al figlio piccolo che non vedrà crescere: messa così la trama di Gilead di Marilynne Robinson non sembra il massimo e invece Gilead, come Casa come Lila, è un libro mera ...continue

    la lettera di un anziano padre al figlio piccolo che non vedrà crescere: messa così la trama di Gilead di Marilynne Robinson non sembra il massimo e invece Gilead, come Casa come Lila, è un libro meraviglioso. C’è l’amore per il figlio e c’è soprattutto l’amore per la propria moglie (mai chiamata per nome, ma sempre tua madre), entrata nella vita dell’io narrante molto tardi, come un miracolo. Robinson ha costruito i suoi tre romanzi intorno alle stesse vicende, scegliendo ogni volta non solo un punto di vista ma anche uno stile narrativo completamente diverso. Avendo cominciato da Casa, del reverendo Ames avevo una pessima opinione: lì è il vecchio amico di Bougthon che tratta con severità il figlio di questo Jack, non riuscendo a perdonargli tutto il male che ha fatto al padre. Qui invece è Ames a raccontare in prima persona e se si può perdere la testa per un personaggio letterario io l’ho persa per lui. Ames ha passato tutta la vita nel minuscolo paesino di Gilead, ha fatto il reverendo come suo padre e suo nonno, ha sposato la ragazza che tutti si aspettavano sposasse, quando l’ha persa insieme alla figlia non ha più cercato una donna (fino all’incontro in chiesa con la giovane che viene dal nulla e non ha nulla). È stimato e amato da tutti (lui è convinto di essere sopravvalutato), accorre ad ogni richiamo (che si tratti di impartire l’estrema unzione o di cambiare un rubinetto), adora leggere, scrivere e passeggiare. Ma il reverendo non è un santo e mentre celebra i sentimenti che prova per moglie e figlio, è assalito da fitte di gelosia nei confronti di Jack, tornato a casa dopo anni senza dare notizie di sé. Jack gioca a baseball con il piccolo e parla con la moglie di Ames, di solito restia a dar confidenza. Ames evita di raccontare a Lila quanto fosse molesto Jack da bambino, quanto si sia comportato male con la ragazza che ha messo incinta, quanto abbia fatto soffrire il padre, ma dentro di sé cova risentimento e teme l’uomo come un lupo cattivo. In più non si nasconde che Jack è un prestante coetaneo di Lila, mentre lui di sua moglie potrebbe essere padre. Poi Jack riesce a spiazzarlo, mettendolo al corrente del motivo per cui è tornato nella casa paterna… Come negli altri suoi romanzi, il nucleo della narrazione di Robinson sono i rapporti umani, quello che ci unisce e ci divide dagli altri, le pieghe che prendono le nostre vite, le grandezze e le debolezze che ci contraddistinguono. Gilead l’ho letto in inglese sul kindle e ho potuto apprezzare la lingua di questa grande scrittrice in tutta la sua ricercata semplicità.

    said on 

  • 4

    E' una scrittura affascinante ed intimista con personaggi, abbastanza lontani da noi nel tempo e nella cultura, che prendono corpo in noi stessi, catturano il lettore. L''A. è di fede protestante calv ...continue

    E' una scrittura affascinante ed intimista con personaggi, abbastanza lontani da noi nel tempo e nella cultura, che prendono corpo in noi stessi, catturano il lettore. L''A. è di fede protestante calvinista e questa informazione incide molto sull'argomento dei suoi libri, in questo è la vita stessa, dilemmi e domande profonde sulla fede, sulla vecchiaia, sui figli. È un romanzo sulla solitudine disperata e sulla diffidenza più cupa, sulla vergogna e sulla seduzione; finge di parlare di Dio, e intanto racconta i precipizi di quelli che lo cercano. La riflessione, la manifestazione dei sentimenti e stati d'animo sono il miglior dono che la Robinson possa farci con sottile dimostrazione di capacità di ragionare con lineare chiarezza e disillusione.

    said on 

  • 5

    Come in un film di I.Berman (p.e. Luci d'inverno) : cupo, teso, in confronto costante e drammatico con i testi biblici, porta alla luce le contraddizione dell'animo umano in lotta costante col bisogno ...continue

    Come in un film di I.Berman (p.e. Luci d'inverno) : cupo, teso, in confronto costante e drammatico con i testi biblici, porta alla luce le contraddizione dell'animo umano in lotta costante col bisogno di essere giusti. Teso il ritmo narrativo che svela gradualmente le vicende nascoste dietro la complessa vicenda esistenziale della voce narrante.

    said on 

  • 4

    Una storia d’altri tempi, raccontata con un ritmo d’altri tempi. Una prosa “pulita”, fatta di parole che si posano leggere sulla pagina, frasi brevi che cuciono insieme un libro di memorie.
    Una lunga ...continue

    Una storia d’altri tempi, raccontata con un ritmo d’altri tempi. Una prosa “pulita”, fatta di parole che si posano leggere sulla pagina, frasi brevi che cuciono insieme un libro di memorie.
    Una lunga lettera al figlio, il pretesto per ripercorrere un vita fatta anche delle vite degli altri. Ricordi, importanti ma anche insignificanti, uniti insieme a costituire il bagaglio della voce narrante, il predicatore John Ames. I ricordi di bambino, di quando l’emozione arrivava prima della comprensione, si mescolano alle esperienze più recenti, che ci restituiscono il ritratto di un uomo vecchio e malato animato dalla sensibilità di un ragazzino, un uomo capace ancora di guardare le cose e la vita con stupore e ammirazione.
    L’uomo è attore e Dio il pubblico, dice John Ames. Un pubblico che però non è lì per giudicare ma per valutare, con un comportamento più “estetico” che censorio, togliendo di colpo quella cappa di pesantezza, giudizio, colpa e pena che appesantisce la religione, privilegiando l’aspetto gioioso della fede.
    John Ames non ha paura a dire che gli mancherà il mondo terreno, è un uomo di Chiesa, ma con i piedi ben piantati nella terra, nel senso che non è immune da passioni come la gelosia e i rimpianti e non nasconde i dubbi nell'interpretazione dei libri della fede.
    Gilead è un bel libro, che parla della vita di uomini senza celarne le umanissime miserie mettendo però l'accento sui momenti di tenerezza, sulla compassione e sulla pietà, Gilead è il ritratto di un uomo che ha vissuto, un uomo buono che ha visto la bellezza della vita e ha saputo riconoscerla.

    said on