Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Giorni cinesi

Di

Editore: TEA

3.8
(145)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 318 | Formato: Altri

Isbn-10: 885020227X | Isbn-13: 9788850202270 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Disponibile anche come: Paperback

Genere: History , Philosophy , Travel

Ti piace Giorni cinesi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Giorni cinesi" è il diario di un'eccezionale esperienza: tre anni vissuti inCina, dal 1980 al 1983, insieme con il marito Tiziano Terzani e con i figliFolko e Saskia. Tre anni vissuti appassionatamente, percorrendo in treno,corriera e bicicletta l'immenso paese, dalle città costiere ai villaggi piùremoti, ascoltando centinaia di storie e incontrando uomini e donne daidestini più diversi, registrando gli esiti drammatici della Rivoluzioneculturale e affrontando sia i più comuni problemi della vita quotidiana che inodi più antichi di una civiltà millenaria.
Ordina per
  • 1

    Noia Cinese

    Nonostante la buona scrittura, i giorni cinesi della Terzani non mi hanno appassionato per niente, tanto da abbandonare il libro a metà. Forse ho fatto l'errore di leggerla dopo aver letto il marito. Tutte altre storie.

    ha scritto il 

  • 3

    In attesa di un momento più propizio

    Tanto mi aveva appassionata e coinvolta e interessata "Giorni Giapponesi" - bello a prescindere dal fatto che la scrittrice fosse la moglie di Tiziano Terzani e che ne condividesse le esperienze di viaggio -, quanto poco mi sta prendendo questo "Giorni Cinesi".
    Sto faticando a ...continua

    Tanto mi aveva appassionata e coinvolta e interessata "Giorni Giapponesi" - bello a prescindere dal fatto che la scrittrice fosse la moglie di Tiziano Terzani e che ne condividesse le esperienze di viaggio -, quanto poco mi sta prendendo questo "Giorni Cinesi".
    Sto faticando a leggerlo e credo che lo accantonerò, in attesa che arrivi magari un mio momento più propizio per ritentare questa lettura...

    ha scritto il 

  • 5

    Giorni cinesi

    Anche se non ha la stessa intensità del marito nel descrivere gli eventi, è giusto leggere anche la sua versione per conoscere più in profondità la vita di una famiglia straordinaria. Una donna meravigliosa e un racconto sconvolgente.

    ha scritto il 

  • 4

    Capire la Cina di oggi...

    Il capitalismo comunista sembra un controsenso, eppure esiste, e la Cina ne è la prova. Un sistema economico capitalista all'interno di un sistema politico comunista. La libera iniziativa nella terribile macchina burocratica cinese, nell'odioso sistema di politiza mututato dal KGB di sovietica me ...continua

    Il capitalismo comunista sembra un controsenso, eppure esiste, e la Cina ne è la prova. Un sistema economico capitalista all'interno di un sistema politico comunista. La libera iniziativa nella terribile macchina burocratica cinese, nell'odioso sistema di politiza mututato dal KGB di sovietica memoria.
    Questo è quel che è diventata la Cina dopo la rivoluzione culturale di Mao; una tragedia che distrugge quasi completamento la millenaria storia cinese e che diventa terreno fertile per l'iniziativa politica di Deng Xiaoping.
    Tutto questo ci viene spiegato con una delicatezza tipicamente femminale dalla Staude, che ci racconta accanto a piccoli episodi di vita familiare, i grandi e dimenticati drammi di persone che hanno vissuto sulla propria pelle la tragedia della rivoluzione culturale e del successivo stato di polizia della "nuova generazione" politica che successe a Mao.
    Da leggere assolutamente insieme a "La Porta Proibita" di Terzani!

    ha scritto il 

  • 5

    Lo stile può non piacere a tutti, principalmente perchè talvolta risulta un pò monocorde, ma ha il pregio di essere un libro sincero, da cui traspaiono in maniera diretta i sentimenti di chi scrive. Inoltre ha un valore di documento particolarmente importante e lo trovo una buona lettura preparat ...continua

    Lo stile può non piacere a tutti, principalmente perchè talvolta risulta un pò monocorde, ma ha il pregio di essere un libro sincero, da cui traspaiono in maniera diretta i sentimenti di chi scrive. Inoltre ha un valore di documento particolarmente importante e lo trovo una buona lettura preparatoria/accompagnatoria per una visita in Cina. Personalmente mi ci sono molto affezionata.

    ha scritto il 

  • 2

    Un libro che più che opera letteraria si dimostra per quello che originariamente immagino dovesse essere, ovvero un resoconto.
    Lo stile é monotono (senza voler dare a questo termine un'accezione negativa) e privo di particolari slanci, anche quando si dimostra indignazione per le condizioni ...continua

    Un libro che più che opera letteraria si dimostra per quello che originariamente immagino dovesse essere, ovvero un resoconto.
    Lo stile é monotono (senza voler dare a questo termine un'accezione negativa) e privo di particolari slanci, anche quando si dimostra indignazione per le condizioni della Cina in seguito allo sfacelo o si espande in descrizioni suggestive - che appaiono suggestive perché si immagina cosa trattino, non perché le parole riescano ad essere evocative.
    Interessante come quadro di quello che accade in un paese quando si concretizza la volontà di cancellare il passato e la cultura, ma piuttosto noioso come lettura di per se stessa.

    ha scritto il 

  • 1

    Angela Terzani non scrive come il marito Tiziano e questo pesa molto, soprattutto perché racconta di eventi e persone spesso già visti nei romanzi di lui... Inoltre il fatto di aver scelto la forma del diario, con paragrafi spesso molto brevi e quasi sempre tutti uguali, dà un'idea di superficial ...continua

    Angela Terzani non scrive come il marito Tiziano e questo pesa molto, soprattutto perché racconta di eventi e persone spesso già visti nei romanzi di lui... Inoltre il fatto di aver scelto la forma del diario, con paragrafi spesso molto brevi e quasi sempre tutti uguali, dà un'idea di superficialità.

    ha scritto il 

  • 2

    Diari della moglie di Terzani nei dua nni e 1/2 passati in Cina con lui e i due figlioletti.
    Interessante la descrizione della Rivoluzione culturale e le sue conseguenze sulle persone. Le descrizioni dei viaggi mi hanno un po' annoiato: poco più che una guida turistica.
    Un po' ripetiti ...continua

    Diari della moglie di Terzani nei dua nni e 1/2 passati in Cina con lui e i due figlioletti.
    Interessante la descrizione della Rivoluzione culturale e le sue conseguenze sulle persone. Le descrizioni dei viaggi mi hanno un po' annoiato: poco più che una guida turistica.
    Un po' ripetitivo, con poco sentimento, ma abbastanza interessante.

    ha scritto il 

Ordina per