Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gioventù

Di

Editore: Opportunity Books (La Biblioteca Ideale Tascabile - BIT)

3.7
(140)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 60 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo

Isbn-10: 8881110180 | Isbn-13: 9788881110186 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Piero Jahier ; Curatore: Maria Grazia Cerruti

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Travel

Ti piace Gioventù?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Un Marlow inedito non è alle prese con le magagne che gli procura Mr Kurtz e the horror, ma è semplicemente un giovane su una nave di insensati in cui non ne funziona una che impara a diventare grande. Il rigore epico di Heart of Darkness è lontano, ed emerge la spuma del mare, la leggerezza del ...continua

    Un Marlow inedito non è alle prese con le magagne che gli procura Mr Kurtz e the horror, ma è semplicemente un giovane su una nave di insensati in cui non ne funziona una che impara a diventare grande. Il rigore epico di Heart of Darkness è lontano, ed emerge la spuma del mare, la leggerezza del paesaggio muto dell'Asia, l'esuberanza, l'insensatezza e l'orgoglio di essere giovani. Storia di un'iniziazione. Un'iniziazione senza teste di cadavere attorcigliate su di un palo.

    ha scritto il 

  • 5

    Youth

    Un titolo apparentemente banale e retorico per trenta pagina o poco più in cui è racchiusa tutta la potenza dell'arte di Conrad. Una storia di mare come tante - e come tante di quelle che lo stesso scrittore polacco ci ha raccontato - ma che diviene straordinaria grazie all'acume di due grandi n ...continua

    Un titolo apparentemente banale e retorico per trenta pagina o poco più in cui è racchiusa tutta la potenza dell'arte di Conrad. Una storia di mare come tante - e come tante di quelle che lo stesso scrittore polacco ci ha raccontato - ma che diviene straordinaria grazie all'acume di due grandi narratori : Conrad stesso, ovviamente, e l'omodiegetico Marlow , che molti anni prima di incontrare Lord Jim e Mr. Kurtz riceve il suo battesimo del sangue nelle limpide acque dell'Oriente. Imbarcatosi dalle coste inglesi con lo stesso entusiasmo con cui veleggerà in seguito alla volta del Congo, Marlow sa essere ad un tempo protagonista immerso e testimone attento della vicenda. Parallelamente alla drammaticità della storia , la pellicola della sua narrazione ci concede fotogrammi di rara bellezza ; è infatti una delle più grandi doti di Conrad quella di formulare (o cogliere?) immagini memorabili, e qui ne abbiamo tre ottimi esempi : il fosco e incomprensibile presagio dei topi che abbandonano la nave Judea mentre è ancorata al porto, appena rimessa a nuovo; quella, straordinaria e triste (che prefigura una delle sequenze più belle di "Lord Jim") dei naufraghi che si allontanano sulle scialuppe osservando ardere, lentamente, la Judea nella notte; l'indimenticabile primo sguardo che Marlow volge all'Oriente appena svegliatosi sulla spiaggia della baia, che riassume in poche righe lo stile e il senso della letteratura conradiana.

    ha scritto il 

  • 4

    folgorazione

    grandissimo racconto (breve) di Conrad letto in lingua originale con l'aiuto del testo tradotto a fianco. Da brividi alcuni passaggi sulla forza, la speranza, i sogni della gioventu'... di quella fase della vita dove ogni cosa ti sembra raggiungibile, ed ogni cosa che succede è un tumulto che ti ...continua

    grandissimo racconto (breve) di Conrad letto in lingua originale con l'aiuto del testo tradotto a fianco. Da brividi alcuni passaggi sulla forza, la speranza, i sogni della gioventu'... di quella fase della vita dove ogni cosa ti sembra raggiungibile, ed ogni cosa che succede è un tumulto che ti sovrasta e che ti fa vibrare di vita. Il mio primo Conrad. Straordinario!

    ha scritto il 

  • 3

    Non so se dove abbia sbagliato. Forse ho creduto che il mio inglese fosse sufficiente per leggere questo breve romanzo in lingua originale. Forse, dopo Cuore di tenebra e La linea d'ombra, mi aspettavo qualcosa di più appassionante.
    Fatto sta che, per il momento, questo libro ...continua

    Non so se dove abbia sbagliato. Forse ho creduto che il mio inglese fosse sufficiente per leggere questo breve romanzo in lingua originale. Forse, dopo Cuore di tenebra e La linea d'ombra, mi aspettavo qualcosa di più appassionante.
    Fatto sta che, per il momento, questo libro merita tre stelle. Ma non escludo che possa tornare a leggerlo in un futuro...

    ha scritto il 

  • 5

    In questo racconto Marlow - il geniale narratore di tante storie di Joseph Conrad - fa la sua prima apparizione e racconta a distanza di vent'anni il suo primo e indimenticabile viaggio verso l'Oriente, come ufficiale su una malandata nave mercantile. Un racconto divertentissimo e pieno di ironia ...continua

    In questo racconto Marlow - il geniale narratore di tante storie di Joseph Conrad - fa la sua prima apparizione e racconta a distanza di vent'anni il suo primo e indimenticabile viaggio verso l'Oriente, come ufficiale su una malandata nave mercantile. Un racconto divertentissimo e pieno di ironia nel rievocare la travagliatissima traversata da Londra a Bangkok, e soprattutto uno sguardo affettuoso e commosso sull'esaltazione, il romanticismo, la meraviglia della gioventù.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho letto questa short story sull'onda de "La Linea d'Ombra" e ho riconfermato il mio stupore per la maestria di Conrad scrittore del mare.
    Marlow, giovane young adult, è un personaggio che brilla al comando di una scialuppa di salvataggio in direzione Oriente: alla luce di questa brillantez ...continua

    Ho letto questa short story sull'onda de "La Linea d'Ombra" e ho riconfermato il mio stupore per la maestria di Conrad scrittore del mare.
    Marlow, giovane young adult, è un personaggio che brilla al comando di una scialuppa di salvataggio in direzione Oriente: alla luce di questa brillantezza conviene rileggersi Heart of Darkness, no?

    ha scritto il 

  • 3

    Questo piccolo libro comprende i racconti "Gioventù" e "Cuore di tenebra", entrambi appartenenti al ciclo di "Marlow il narratore".
    Il primo, un bel racconto incentrato sulla navigazione su un vecchio battello mercantile, mi ha ricordato per contrasto "Il vecchio e il mare" di Hemingway. Ne ...continua

    Questo piccolo libro comprende i racconti "Gioventù" e "Cuore di tenebra", entrambi appartenenti al ciclo di "Marlow il narratore".
    Il primo, un bel racconto incentrato sulla navigazione su un vecchio battello mercantile, mi ha ricordato per contrasto "Il vecchio e il mare" di Hemingway. Nel racconto di Conrad, il protagonista è un ragazzo (nell'altro è un vecchio) che si imbarca per raggiungere l'Oriente, e va incontro ad una serie di disgrazie (un naufragio, l'incendio del natante su cui è imbarcato che non si riuscirà a domare) che però non gli impediscono di realizzare il suo sogno, raggiungere per mare l'oriente.
    Ne "Il vecchio e il mare" c'è una lotta la cui vittoria alla fine si rivela inutile, se intesa da un punto di vista meramente materiale. Come il racconto di Hemingway, il racconto di Conrad è essenziale e molto bello nel descrivere la lotta tra l'uomo e le forze della natura.
    Il secondo racconto "Cuore di tenebra", una lunga avventura nell'Africa nera coloniale da parte di un aspirante capitano di un battello fluviale, contiene all'inizio belle pagine, ma poi si trascina un pò troppo diventando logorroico e noioso.

    ha scritto il 

  • 4

    « Il mare è la meraviglia fra le meraviglie del mondo, credo; il mare di per sé - o è soltanto la giovinezza? Chi può dirlo? Ma voialtri qui - tutti avete avuto qualcosa dalla vita: denaro, amore - tutto ciò che si può avere a terra - e, ditemi, non è stato quello il tempo migliore, il tempo m ...continua

    « Il mare è la meraviglia fra le meraviglie del mondo, credo; il mare di per sé - o è soltanto la giovinezza? Chi può dirlo? Ma voialtri qui - tutti avete avuto qualcosa dalla vita: denaro, amore - tutto ciò che si può avere a terra - e, ditemi, non è stato quello il tempo migliore, il tempo migliore in cui eravamo giovani in mare; giovani e senza nulla, sul mare che non dà nulla, salvo brutti colpi - e a volte l'occasione di provare la vostra forza - questo solo - ciò che voi tutti rimpiangete?»
    E noi tutti annuimmo: il finanziere, il contabile, il legale, noi tutti annuimmo sopra il tavolo levigato e lucente che come un'immobile superficie d'acqua scura rifletteva i nostri volti scavati, rugosi; i nostri volti segnati dalla fatica, dalle delusioni, dal successo, dall'amore; i nostri occhi stanchi che cercavano ancora, che cercano sempre, che cercavano ansiosamente quel qualcosa nella vita che mentre s'aspetta è già sfuggito - è passato non visto, in un sospiro, in un baleno - insieme alla gioventù, insieme alla forza, insieme all'incanto delle illusioni.»

    ha scritto il 

  • 4

    "Ricordo i visi tesi, le figure demoralizzate dei miei due marinai, e ricordo la mia giovinezza, e quel sentimento che non riproverò mai più, il sentimento di poter durare all'infinito, sopravvivere al mare, alla terra e agli uomini tutti (...) la trionfante convinzione della forza, il calore del ...continua

    "Ricordo i visi tesi, le figure demoralizzate dei miei due marinai, e ricordo la mia giovinezza, e quel sentimento che non riproverò mai più, il sentimento di poter durare all'infinito, sopravvivere al mare, alla terra e agli uomini tutti (...) la trionfante convinzione della forza, il calore della vita in un pugno di cenere, l'ardore del cuore che ogni anno si fa più dimesso, più ghiaccio, più piccolo, e svanisce troppo presto, troppo presto prima della vita stessa."

    ha scritto il