Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Girl, Interrupted

By

Publisher: Virago Press Ltd

3.8
(884)

Language:English | Number of Pages: 192 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Portuguese , German , Italian , Chi traditional , French

Isbn-10: 1860497926 | Isbn-13: 9781860497926 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , School & Library Binding , Audio Cassette , Library Binding , Others

Category: Biography , Fiction & Literature , Health, Mind & Body

Do you like Girl, Interrupted ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In 1967, after a session with a psychiatrist she'd never seen before, eighteen-year-old Susanna Kaysen was put in a taxi and sent to McLean Hospital.  She spent most of the next two years on the ward for teenage girls in a psychiatric hospital as renowned for its famous clientele--Sylvia Plath, Robert Lowell, James Taylor, and Ray Charles--as for its progressive methods of treating those who could afford its sanctuary.

Kaysen's memoir encompasses horror and razor-edged perception while providing vivid portraits of her fellow patients and their keepers. It is a brilliant evocation of a "parallel universe" set within the kaleidoscopically shifting landscape of the late sixties. Girl, Interrupted is a clear-sighted, unflinching documnet that gives lasting and specific dimension to our definitions of sane and insane, mental illness and recovery.
Sorting by
  • 2

    Scritto in modo semplice e lineare, racconta con freddo e analitico distacco i due anni in una clinica psichiatrica degli anni '60 di una ragazza "interrotta". Per quanto Susanna continui a ribadire che la diagnosi iniziale fosse sbagliata, io vedo molti elementi disturbanti nel suo carattere, no ...continue

    Scritto in modo semplice e lineare, racconta con freddo e analitico distacco i due anni in una clinica psichiatrica degli anni '60 di una ragazza "interrotta". Per quanto Susanna continui a ribadire che la diagnosi iniziale fosse sbagliata, io vedo molti elementi disturbanti nel suo carattere, non ultimo il suo tentativo di suicidio. Siamo negli anni '60, qualsiasi cosa fuori dall'ordinario era considerata follia, persino l'omosessualità, quindi gli errori dei medici erano gli errori della scienza dell'epoca. Ma Susanna aveva bisogno di aiuto, sono convinta di questo.

    Ho dato due stelline perché non ho avuto nessuna epifania empatica, non ho legato con nessuno dei personaggi, tutto era troppo freddo e distaccato. L'ironia in alcuni momenti era tagliente al punto giusto, ma troppo poco per amarlo.
    Ho preferito il film.

    said on 

  • 3

    Introspettivo

    Bel libro, l'esperienza diretta di una ragazza rinchiusa per due anni in un centro psichiatrico. Bello esser riuscita a trovare un libro in cui l'autrice racconta esperienze non dissimili a quelle vissute da me, bello vedere in parte messo in luce un mondo di matti che forse non sono così diversi ...continue

    Bel libro, l'esperienza diretta di una ragazza rinchiusa per due anni in un centro psichiatrico. Bello esser riuscita a trovare un libro in cui l'autrice racconta esperienze non dissimili a quelle vissute da me, bello vedere in parte messo in luce un mondo di matti che forse non sono così diversi dai cosiddetti normali, bello il modo in cui tutto questo è narrato, specie la prima metà del romanzo che narra più della vita all'interno del centro che dei sintomi delle diverse malattie.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    Carino, ma niente di fenomenale

    Narrato con grande sincerità e una buona dose di ironia distaccata, si lascia leggere molto facilmente, salvo i capitoli in cui sono state inserite contorte digressioni di stampo biomedico o psicoanalitico, ma avrei preferito maggior attenzione alle storie delle protagoniste e un finale un po' me ...continue

    Narrato con grande sincerità e una buona dose di ironia distaccata, si lascia leggere molto facilmente, salvo i capitoli in cui sono state inserite contorte digressioni di stampo biomedico o psicoanalitico, ma avrei preferito maggior attenzione alle storie delle protagoniste e un finale un po' meno lasciato al caso.Finale un po' insulso.
    La prova dell'autrice complessivamente è stata più che sufficiente, ma non mi pare di aver riscontrato in lei i germogli di un grande talento come scrittrice. Aspetto di vedere il film.

    said on 

  • 2

    Delusione totale per questo libro che non ha mai smesso di essere un best seller dall'anno in cui è stato pubblicato (1960 circa). Il racconto autobiografico di una ragazza come tante che un giorno, per una diagnosi sbagliata, finisce in un manicomio per ragazze "difficili". Totalmente freddo, di ...continue

    Delusione totale per questo libro che non ha mai smesso di essere un best seller dall'anno in cui è stato pubblicato (1960 circa). Il racconto autobiografico di una ragazza come tante che un giorno, per una diagnosi sbagliata, finisce in un manicomio per ragazze "difficili". Totalmente freddo, distaccato e spesso incomprensibile. Nessuna emozione trapela, nemmeno quelle dovrebbero creare empatia tra lettore e personaggi. Mi sto chiedendo soltanto ora che ne scrivo la recensione se la forza di questo racconto è in realtà proprio quello che io trovo un difetto: un resoconto schietto e crudo di quell'esperienza. Per la prima volta in vita mia, oltretutto, ho visto prima il film e ho voluto acquistare il libro perché il film mi era piaciuto davvero molto. E per la prima volta é accaduto il contrario di quello che accade sempre, ovvero: molto meglio il film, con una strepitosa Angelina Jolie.

    said on 

  • 4

    Questa è un'esperienza e come tale va letta nella intensità delle sue emozioni senza cercare una pretesa letteraria che non esiste.Ero scettica sul prendere il libro dato che avevo visto il film,ma ho fatto bene perchè il libro è tutta un'altra cosa..Ci si trovano dentro due chicche: anzitutto il ...continue

    Questa è un'esperienza e come tale va letta nella intensità delle sue emozioni senza cercare una pretesa letteraria che non esiste.Ero scettica sul prendere il libro dato che avevo visto il film,ma ho fatto bene perchè il libro è tutta un'altra cosa..Ci si trovano dentro due chicche: anzitutto il luogo della narrazione è il McLean Hospital nel quale sono stati ricoverati anche dei personaggi famosi come Silvia Plath o Ray Charles...Secondo vengono riportati i referti medici della paziente che ho trovato interessanti e vanno ad integrare quello che è il suo racconto..Storia di manicomio,storia di un'adolescenza interrotta..."interrotta" viene ripreso da un famoso quadro "La ragazza interrotta mentre suona" al quale il soggetto narrante pare rivolgersi e dal quale sembra avere risposte o domande ..un quadro in movimento come la vita di questa giovane donna che rimarca a più toni la sua esclusione dal mondo dal momento della sua pazzia..è vero è guarita ma dalla follia non si separerà mai.

    said on 

  • 3

    L'autrice racconta la sua esperienza in un manicomio, parlando del suo disagio e nel contempo criticando la società.


    La scrittura è frammentata, formata dai pensieri sparsi del suo diario, il che rende la storia più incisiva ma talvolta molto difficile da seguire.


    Il film che ne è s ...continue

    L'autrice racconta la sua esperienza in un manicomio, parlando del suo disagio e nel contempo criticando la società.

    La scrittura è frammentata, formata dai pensieri sparsi del suo diario, il che rende la storia più incisiva ma talvolta molto difficile da seguire.

    Il film che ne è stato tratto, anche se liberamente ispirato e molto diverso in alcuni punti, permette di comprendere meglio le vicende, perciò lo cosiglio in aggiunta al libro.

    said on 

  • 4

    Ho sempre amato questo film ma il libro, in questa occasione è proprio il caso di dirlo, è tutta un'altra storia.
    Diciamo che è una memoria e un'analisi sul periodo che l'autrice, Susanna, passò in manicomio, ma anche una critica sulla società di allora e sui medici, ma anche su se stessa, ...continue

    Ho sempre amato questo film ma il libro, in questa occasione è proprio il caso di dirlo, è tutta un'altra storia.
    Diciamo che è una memoria e un'analisi sul periodo che l'autrice, Susanna, passò in manicomio, ma anche una critica sulla società di allora e sui medici, ma anche su se stessa, sopratutto su se stessa.
    Mi chiedo cosa ne abbia pensato del film. Potremmo dire che è solo liberamente ispirato a questo diario. Lo sceneggiatore è riuscito a cogliere le personalità delle ragazze descritte quì e a riportarle sulle schermo, facendocele amare, facendoci immedesimare nelle loro fragilità, proprio come riesce a fare questo libro.

    said on 

  • 3

    Volevo leggere questo libro da parecchio tempo, ma purtroppo ne sono rimasta un pochino delusa. Susanna Kaysen ha un modo di raccontare davvero particolare e spesso confonde il lettore. Devo ammettere che il film è decisamente migliore del libro. In questo libro pensavo di trovare le storie dei v ...continue

    Volevo leggere questo libro da parecchio tempo, ma purtroppo ne sono rimasta un pochino delusa. Susanna Kaysen ha un modo di raccontare davvero particolare e spesso confonde il lettore. Devo ammettere che il film è decisamente migliore del libro. In questo libro pensavo di trovare le storie dei vari personaggi descritte in modo minuzioso, invece sono scritte di getto, senza dare molti dettagli, quindi spesso ci si trova a chiedersi come mai il tale personaggio sia rinchiuso in un istituto psichiatrico.

    said on 

  • 5

    VORREMMO UN SOLE CHE CI RENDESSE GIOVANI E BELLI,VORREMMO VESTITI CHE SCINTILLANO E S'INCRESPANO SULLA PELLE,VORREMMO SOPRATTUTTO CHE UN NOSTRO SGUARDO BASTASSE A RAVVIVARE TUTTI QUELLI CHE CONOSCIAMO.

    ...e se è così siete nel territorio della pazzia: un luogo dove le false impressioni hanno tutte le caratteristiche della realtà.

    Avevo finito di scontrarmi con la mia personalità e imparato a stare in equilibrio sulla linea che divide senno e follia??

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Una ragazza sana ma con problemi

    Mentre leggo questo libro non faccio che immedesimarmi in lei.Piu' leggo e piu' credo che Susanna sia una raggazza sana di mente ma che ha avuto solo un forte disagio interiore anche dettato dalla sua età molto giovane.Mi piace da morire.Poi è tradotto benissimo.Una scena molto toccante è stata q ...continue

    Mentre leggo questo libro non faccio che immedesimarmi in lei.Piu' leggo e piu' credo che Susanna sia una raggazza sana di mente ma che ha avuto solo un forte disagio interiore anche dettato dalla sua età molto giovane.Mi piace da morire.Poi è tradotto benissimo.Una scena molto toccante è stata quando ha paura di non avere più le ossa della mano e se la morde a sangue.La chiamano borderline,ma per me è una definizione che non le se addice per niente.Per me ha avuto solo un episodio di depressione e asocialità.Niente di più.Nel libro ci sono tante ragazze che hanno disagi più grandi del suo.

    said on 

Sorting by