Girl With a Pearl Earring

By

Publisher: Perfection Learning Prebound

4.0
(9516)

Language: English | Number of Pages: 233 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi traditional , Spanish , French , German , Italian , Swedish , Dutch , Catalan , Greek , Portuguese , Czech , Romanian

Isbn-10: 0756904919 | Isbn-13: 9780756904913 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Audio CD , Audio Cassette , School & Library Binding , eBook , Others

Category: Art, Architecture & Photography , Fiction & Literature , History

Do you like Girl With a Pearl Earring ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
A beguiling story about artistic vision and sensual depth that eerily and eloquently re-creates the feeling of the famous painting that inspired it

In seventeenth-century Delft, there's a strict social order-rich and poor, Catholic and Protestant, master and servant-and all know their place. When Griet becomes a maid in the household of the painter Johannes Vermeer, she thinks she knows her role: housework, laundry, and the care of his six children. She even feels able to handle his shrewd mother-in-law; his restless, sensual wife; and their jealous servant. What no one expects is that Griet's quiet manner, quick perceptions, and fascination with her master's paintings will draw her inexorably into his world. Their growing intimacy sparks whispers; and when Vermeer paints her wearing his wife's pearl earrings, the gossip escalates into a full-blown scandal that irrevocably changes Griet's life.

Written with the precision and focus of an Old Master painting, Girl With a Pearl Earring is a vivid portrait of colorful seventeenth-century Delft, as well as the hauntingly poignant story of one young girl's rite of passage.

"Beautifully written, mysterious, and almost unbearably poignant . . . I read it with a book of Vermeer's paintings beside me and it was a magical experience to glance from one to the other."-Deborah Moggach, author of Tulip Fever
Sorting by
  • 4

    di facile lettura

    Un libro agile, scorrevole, che si legge con avidità. La scrittrice è bravissima ad accompagnarci e farci vivere, come se fossimo presenti, la storia delicata e nello stesso tempo profonda, della raga ...continue

    Un libro agile, scorrevole, che si legge con avidità. La scrittrice è bravissima ad accompagnarci e farci vivere, come se fossimo presenti, la storia delicata e nello stesso tempo profonda, della ragazza con gli orecchini di perla . Ben delineati tutti i personaggi, stile chiaro e incisivo. Da consigliare.

    said on 

  • 4

    Adoro il modo in cui Tracy Chevalier riesce a descrivere epoche differenti, quasi come se lei avesse viaggiato nel tempo e avesse fatto esperienza di come vivevano le persone.
    Un'altra punto forte di ...continue

    Adoro il modo in cui Tracy Chevalier riesce a descrivere epoche differenti, quasi come se lei avesse viaggiato nel tempo e avesse fatto esperienza di come vivevano le persone.
    Un'altra punto forte di questo libro è l'ambigua relazione tra Grief e il suo padrone, una relazione di sguardi e parole mia dette.

    said on 

  • 3

    romanzo leggero ma piacevole. e direi istruttivo perché mi ha avvicinato a un pittore (Vermeer) che, al di là del suo quadro più famoso da cui prende spunto il libro, conoscevo poco.

    said on 

  • 3

    La voce narrante è quella di Griet che ci descrive minuziosamente ogni aspetto della sua vita a partire dalla sua condizione di sguattera ai momenti in cui si ritrova a passare sempre più tempo nell'a ...continue

    La voce narrante è quella di Griet che ci descrive minuziosamente ogni aspetto della sua vita a partire dalla sua condizione di sguattera ai momenti in cui si ritrova a passare sempre più tempo nell'atelier di Vermeer che diventa per lei una specie di rifugio sicuro. Solo quando si trova nello studio e ad usufruire della compagnia del pittore viene fuori un aspetto diverso della sua personalità, solitamente così passiva e di sottomissione, si dimostra curiosa e intuitiva. Possiede una dote innata nell'accostamento e nella preponderanza dei colori... Ma ovviamente tutto finisce lì. L'autrice sceglie volutamente di non narrare dettagli riguardanti i sentimenti di Griet per l'artista e quelli che prova nei confronti di Pieter, forse per tracciare una sorta di alone di mistero attorno alla figura di questa giovane donna popolana.
    Si legge facilmente, sebbene lo abbia trovato un po' noioso e piatto in alcuni punti; direi che si tratta di uno di quei rari casi in cui ho preferito di gran lunga la trasposizione cinematografica al libro.

    said on 

  • 5

    Wow.
    Mi è davvero, davvero piaciuto questo libro. Ho trovato bellissima l'ambientazione storica, il personaggio principale di Griet, il carattere ben delineato dei molti personaggi che bucano la pagin ...continue

    Wow.
    Mi è davvero, davvero piaciuto questo libro. Ho trovato bellissima l'ambientazione storica, il personaggio principale di Griet, il carattere ben delineato dei molti personaggi che bucano la pagina del libro ed emergono in tutta la loro veridicità. Nessuno dei personaggi che si incontra in queste pagine è lasciato al caso, tutti hanno contorni definiti e assolutamente riscontrabili in persone reali: dal ricco signore con le mani lunghe, al ragazzino timido ma a tratti sfrontato, alla ragazza di umili origini che abbassa sempre la testa, alla vecchia saggia, all'antipatica bambina frustrata per essere messa in un angolo dalla famiglia che agogna rivalsa... Insomma tutti hanno un loro perché e sono assolutamente ben descritti.
    Un libro che consiglio veramente, l'ho divorato in un paio di giorni.

    said on 

  • 5

    Mi è piaciuta tanto la resa del carattere di Griet, la protagonista, forte e timida, brillante ma timorosa, rispettosa nei confronti dei suoi "padroni". Veniamo portati indietro nel tempo, in una Delf ...continue

    Mi è piaciuta tanto la resa del carattere di Griet, la protagonista, forte e timida, brillante ma timorosa, rispettosa nei confronti dei suoi "padroni". Veniamo portati indietro nel tempo, in una Delft del 1664. Ci sembra di essere lì, al Mercato delle Carni, sul ponte sopra il canale, nella casa nel Quartiere dei Papisti. Una storia di passione celata, di invidia, gelosia, devozione, arte... che lascia una sensazione agrodolce fino all'ultima pagina.

    said on 

  • 5

    Come sempre libro e film sono simili, ma non uguali. È stato meraviglioso, ovviamente più dettagliato, più diretto e descrittivo rispetto al film.. io sono convinta che Vermeer provasse in realtà qual ...continue

    Come sempre libro e film sono simili, ma non uguali. È stato meraviglioso, ovviamente più dettagliato, più diretto e descrittivo rispetto al film.. io sono convinta che Vermeer provasse in realtà qualcosa per quella cameriera, me lo sento.

    said on 

Sorting by
Sorting by
Sorting by