Giro di vite

Di

Editore: Einaudi (Scrittori tradotti da scrittori, 11)

3.8
(4039)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 179 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Portoghese , Catalano , Greco , Polacco

Isbn-10: 8806579762 | Isbn-13: 9788806579760 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Fausta Cialente

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida , Rilegato in pelle , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Horror , Mistero & Gialli

Ti piace Giro di vite?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 2

    Se ci sei batti un colpo...

    Non l'ho capito.
    Bravo l'autore a scrivere una trama con fuffe e paturnie ma pur sempre con grande stile.
    Cattivo io che l'ho letto (purtroppo, è il periodo...) a spizzichi e bocconi, rendendomi la vi ...continua

    Non l'ho capito.
    Bravo l'autore a scrivere una trama con fuffe e paturnie ma pur sempre con grande stile.
    Cattivo io che l'ho letto (purtroppo, è il periodo...) a spizzichi e bocconi, rendendomi la vita difficile.
    Ora ho visto, online, che nessuno ha mai capito quale sia la verità della storia, né l'autore stesso pare l'abbia indicata.
    Posso dirlo? Non ci ho capito granché, e quel che ho capito non me l'ha fatto certo gustare.
    Mi resta nella mente un libro scritto bene e con capacità di particolare suspence (stile gotico, pare).

    ha scritto il 

  • 5

    Ho sospettato di tutto e di tutti, me compresa. Non vorrai mica credere ad una storia di fantasmi? Ridicolo, sono portata ad apprezzare altro, sicuramente non questo genere.
    E invece...arrovellata, pe ...continua

    Ho sospettato di tutto e di tutti, me compresa. Non vorrai mica credere ad una storia di fantasmi? Ridicolo, sono portata ad apprezzare altro, sicuramente non questo genere.
    E invece...arrovellata, persa, sbattuta, presa in giro e infine affascinata da questo gioiellino. La mente ha vagato spinta dal sospetto che si è insinuato.
    Uno zio poco amabile affida, noncurante, i nipoti orfani all’ennesima istitutrice: perfetto! È affascinante, misterioso e assente: perfetto!
    Una presenza fissa, vecchia governante, ingenua e sempliciotta ma detentrice di tanti segreti e portatrice di tante allusioni: perfetta! È il classico elemento deviante: perfetto!
    Presenze misteriose, già date per morte, si materializzano apparendo con la loro influenza passata e presente: non possono essere semplici fantasmi! Ci lavoro su parecchio, con la fantasia.
    Un’istitutrice giovane e apparentemente sprovveduta che, in un crescendo entusiasmante, pur non essendo finemente caratterizzata, parla in prima persona di sé, del suo lavoro, della sua esperienza in un manoscritto che viene presentato in un’ammaliante cornice iniziale. Si trasforma, la ragazza di campagna, man mano diventa da abile osservatrice padrona di tutta la scena: i miei sospetti ora cadono su di lei. Giro pagina e un episodio mi fa cambiare nuovamente idea, un incontro, un’apparizione, una sparizione, un non detto, un già sentito...turbine: giro come una trottola.
    Abile James.
    E poi loro, i due bambini, un maschio e una femmina. Vivono in una casa di campagna, il loro destino è quello dell’abbandono o della perdita; hanno perso i genitori, chi si occupava di loro prima, Miles, il maschietto, anche il contatto con l’esterno. La scuola che frequenta lo rispedisce al mittente: nessuna spiegazione...perfetto! Volgi lo sguardo anche lì. I bambini sono rappresentati angelici, ineccepibili, solidali, fuorvianti, subdoli: vittime o carnefici? Il dubbio lavora peggio di un tarlo.
    E la prosa? Mi ingarbuglia, mi rimanda al detto, al pensato, al sospettato, al già so ma lo saprai dopo, anche tu. Mai chiara, sempre allusiva, sempre misteriosa, sempre da dipanare.
    Un piacevole tormento.
    Insomma un racconto scritto ad uso e consumo immediato, pubblicato a puntate e fonte di facile guadagno ma che arriva, consapevole l’autore, alle alte vette del genere, volutamente.
    Interpretato in vari modi, ne consiglio semplicemente il godimento.

    ha scritto il 

  • 3

    Questi fantasmi ..... interiori

    Primo libro che leggo di questo autore e nel complesso mi è piaciuto. Non di facile interpretazione e a tratti prolisso però ha una bella idea di fondo. Chi si approccia a questo libro convinto di leg ...continua

    Primo libro che leggo di questo autore e nel complesso mi è piaciuto. Non di facile interpretazione e a tratti prolisso però ha una bella idea di fondo. Chi si approccia a questo libro convinto di leggere un horror è completamente fuori strada, ci sono i fantasmi è vero, ma sono due figure quasi inattive e stanno a rappresentare metaforicamente le paure personali che uno ha. L'autore con questo libro vuole esortare ad affrontare questi fantasmi per evitare un oblio di sentimenti o di non vivere la propria vita come più si desidera.

    ha scritto il 

  • 5

    Romanzo incredibilmente affascinante in cui si mischiano la dimensione paranormale, da romanzo gotico, con ossessioni e paure personali, interiori.
    Direttiva principale è l'assoluta ambiguità con cui ...continua

    Romanzo incredibilmente affascinante in cui si mischiano la dimensione paranormale, da romanzo gotico, con ossessioni e paure personali, interiori.
    Direttiva principale è l'assoluta ambiguità con cui la narratrice ci descrive ciò che vede e come lo percepisce. Una narratrice che fa da assoluto filtro per la vicenda che risulta così essere non risolvibile in maniera univoca, ma che punta a lasciare irrisolte tutte le suggestioni ottimamente evocate durante la lettura.
    Alla luce di ciò il lavoro stilistico svolto da James è assolutamente magistrale.

    ha scritto il 

  • 3

    Tre stelle scarse

    Al 40% circa con un giro di vite Il Giro di vite smette di rullare e finalmente comincia a decollare….ma non si sale mai sopra gli 8000 metri, alcune turbolenze scuotono il viaggio, nebbie avvolgono ...continua

    Al 40% circa con un giro di vite Il Giro di vite smette di rullare e finalmente comincia a decollare….ma non si sale mai sopra gli 8000 metri, alcune turbolenze scuotono il viaggio, nebbie avvolgono le pagine per poi atterrare in un deserto di molteplici sensi aperti: storia di fantasmi, storia di deliri, di ossessione, di sensitivi, di infanzia turbata o di infanzia malvagia?
    Merito di essere uno dei capostipiti del genere gotico.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    mi aspettavo qualcosa di più

    Mi aspettavo qualcosa di più da un romanzo che prometteva tensione e suspense. A tratti un po' noioso, perché scontato nel fraseggio, in altri punti tiene desta l'attenzione del lettore. Però per esse ...continua

    Mi aspettavo qualcosa di più da un romanzo che prometteva tensione e suspense. A tratti un po' noioso, perché scontato nel fraseggio, in altri punti tiene desta l'attenzione del lettore. Però per essere una storia di fantasmi diciamo è stato deludente. Certamente risente del periodo storico in cui è stato scritto, fine ottocento, ma ci sono romanzi dello stesso periodo e che trattano eventi sovrannaturali ben più intriganti.
    Diciamo che abusa di parole senza far intuire al lettore l'immagine. Ad esempio bolla come diabolica l'immagine evanescente dei due fantasmi ma come lettore non sono riuscito a comprendere come apparissero agli occhi della istitutrice, che parla in prima persona. Anche il finale appare fiacco col ragazzino che muore tra le sue braccia. Era posseduto dal fantasma? Ebbene è sufficiente stringerlo al seno per far morire una seconda volta il fantasma? Sarà ma lascia qualche dubbio.

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo teso e avvincente, perfetto nella costruzione e nello stile. Una giovane governante si accorge che il bambino e la bambina a lei affidati, appartenenti a una ricca famiglia inglese, sono travi ...continua

    Romanzo teso e avvincente, perfetto nella costruzione e nello stile. Una giovane governante si accorge che il bambino e la bambina a lei affidati, appartenenti a una ricca famiglia inglese, sono traviati da due malvage presenze, invisibili a tutti fuorchè a lei e ai bambini. La vicenda sembra una storia di fantasmi, ma i fantasmi potrebbero anche essere ossessioni della fantasia turbata della giovane. Film come Shining e Il sesto senso hanno chiaramente un debito nei confronti di James

    ha scritto il 

  • 4

    "Otra Vuelta de Tuerca" de Henry James

    "Lectores:

    En esta obra su autor trata de llevar a cabo una narración que impacte a los lectores, sean jóvenes o adultos. Usa un tema clásico en la literatura de terror, los fantasmas. Y, sin embargo, ...continua

    "Lectores:

    En esta obra su autor trata de llevar a cabo una narración que impacte a los lectores, sean jóvenes o adultos. Usa un tema clásico en la literatura de terror, los fantasmas. Y, sin embargo, alcanza la cota perfecta de emotividad, de tensión, reservada a los mejores escritores de misterio, intriga, terror y thrillers varios. Su forma de narrar sencilla, con toques de misterio y líricas descripciones de paisajes, lugares y situaciones, se hace inmensa en su profunda verdad. (...)"

    Para continuar leyendo este comentario se puede ir a: http://annavalaina.blogspot.com.es/2017/01/otra-vuelta-de-tuerca-de-henry-james.html

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per