Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Giro di vite

Testo originale a fronte

By Henry James

(602)

| Paperback | 9788804516088

Like Giro di vite ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Apparso in dodici puntate nella rivista "Collier's Weekly" dal 27 gennaio al 16 aprile 1898, Giro di vite è uno dei capisaldi dell'opera di Henry James, quello forse che ha ottenuto più attenzione sia da parte della critica che da parte del pu Continue

Apparso in dodici puntate nella rivista "Collier's Weekly" dal 27 gennaio al 16 aprile 1898, Giro di vite è uno dei capisaldi dell'opera di Henry James, quello forse che ha ottenuto più attenzione sia da parte della critica che da parte del pubblico. Ispirato da una storia di fantasmi narrata allo scrittore dall'arcivescovo di Canterbury Edward White Benson, questo romanzo breve narra la vicenda di due bambini affidati alla servitù di una vecchia villa di campagna dove avvengono sconcertanti apparizioni. L'atmosfera di un Male incombente è resa ancor più intollerabile dall'ambientazione quasi pastorale e dal senso di pace e luminosità che questa sembra irradiare tutt'attorno. Il terrore che scaturisce da tale contrasto è di natura psicologica, nasce dalla mente del narratore più che dalla descrizione dei fatti: sottile e modernissimo espediente che anticipa la sperimentazione letteraria del Novecento.

411 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Lo si potrebbe definire un thriller psicologico che tende a sconfinare nel soprannaturale: per tutto il libro resta difficile decidere in che misura i fantasmi siano reali, e se si sfogliano le pagine critiche anteposte al testo vero e proprio, ci si ...(continue)

    Lo si potrebbe definire un thriller psicologico che tende a sconfinare nel soprannaturale: per tutto il libro resta difficile decidere in che misura i fantasmi siano reali, e se si sfogliano le pagine critiche anteposte al testo vero e proprio, ci si rende conto di quanto la questione sia stata dibattuta.

    Quello che mi ha inquietato del libro non sono tanto le apparizioni degli spettri, quanto i momenti di silenzio che sempre le accompagnano, e che zittiscono i discorsi non appena si avvicinino all'argomento: è un silenzio carico di ambiguità e di sottintesi sessuali (le scelte lessicali sembrano un catalogo di lapsus freudiani).

    La lettura richiede molta attenzione, perché è estremamente sottile e segue i percorsi mentali della voce narrante (per non dire: le sue squisite menate).

    Un consiglio: non aspettatevi una classica storia d'orrore, lasciatevi contagiare dall'atmosfera.

    Is this helpful?

    Wisconsin said on Aug 30, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Un'irritazione

    Non so che dire, davvero.
    Non ho capito nulla , di questa storia.
    Alla fine mi sono talmente irritata che davvero l'avrei tirato giù, un colpo d'ascia.

    Is this helpful?

    Dragoval said on Aug 13, 2014 | 8 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    The others

    Qualche pomeriggio di lettura sullo sfondo di un paesaggio autunnale, ci unisce a una combriccola riunita intorno ad un fuoco. Al rumore della pioggia e la bruma che lambisce la finestra, i fraseggi di un racconto orale introducono una storia in u ...(continue)

    Qualche pomeriggio di lettura sullo sfondo di un paesaggio autunnale, ci unisce a una combriccola riunita intorno ad un fuoco. Al rumore della pioggia e la bruma che lambisce la finestra, i fraseggi di un racconto orale introducono una storia in un’atmosfera quasi da seduta spiritica.

    Giro di vite narra l’esperienza vissuta da Miss Giddens nell’ambiente idilliaco di una casa in campagna. Una giovane istitutrice che, giunta a Bly per occuparsi di Flora e Miles, ben presto si accorge che i due bambini non sono le uniche persone a cui deve badare. A loro si aggiungono “altri”: presenze spettrali arrivate dal passato e pronte ad infondere il terrore. Gli spiriti di Quint, il maggiordomo, e Jessel, la governante, si aggirano sulle sponde del lago, tra i merli della torre, per i corridoi della grande abitazione. Un uomo e una donna scomparsi in circostanze misteriose e che un tempo condividevano le giornate con i piccoli protagonisti, poi ritornati come per riappropriarsi di qualcosa o qualcuno che, un tempo, era appartenuta a loro.

    I chiaroscuri con i quali James dipinge le scene della tradizione gotica, per creare una suggestiva suspense, ci sono tutti e sono dosati in maniera perfetta: dalle luci del crepuscolo precoce al cielo temporalesco che lampeggia, dal fragore dei tuoni alle raffiche di vento che spengono candele di notte. Dettagli atmosferici per un clima fatto di presagi e minacce in cui si fa avanti lo spettro più temuto di sempre:il dubbio. Le cose dette e non dette, le zone oscure, gli spazi vuoti che tramutano in abissi, il gioco di sguardi tra chi vede e chi non vede le presenze, il tranello dell’allucinazione oppure la scottante verità. Che siano suggestioni della mente o silenziose crepe aperte nel muro della realtà, "Giro di vite” sembra invitarci a vincere la paura dello sconosciuto e a varcare il confine con l’altro mondo.

    Is this helpful?

    Martin Eden said on Jul 22, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un testo perfetto, nonostante l'età!

    Leggendolo è stata forte sensazione di essere di fronte ad un libro di altissimo livello per pathòs e per struttura, al capostipite di un genere, il gotico, di cui ammetto di avere competenze limitate.
    Bambini diabolici o istitutrice visionaria e squ ...(continue)

    Leggendolo è stata forte sensazione di essere di fronte ad un libro di altissimo livello per pathòs e per struttura, al capostipite di un genere, il gotico, di cui ammetto di avere competenze limitate.
    Bambini diabolici o istitutrice visionaria e squilibrata? Il dubbio resta ed in questo sta anche la bravura dello scrittore.
    Impossibile durante la lettura non immaginarsi la signorina nei panni di Nicole Kidman nel film "The others", liberamente tratto a mio parere da questo libro. Non mancherò di vedere il più datato "Suspense" con Deborah Kerr, che mi dicono sia più pregevole nonostante più datato.

    Is this helpful?

    Velena said on Jul 12, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    antesignano del romanzo horror

    ovviamente ai giorni nostri perde un pochino di pathos... però la tensione è sempre molto alta... questi fantasmi che non si sa che cosa vogliano, ma solo "perdere", corrompere i bambini sono bellissimi. E' tutto un non detto, perchè non si sa cosa c ...(continue)

    ovviamente ai giorni nostri perde un pochino di pathos... però la tensione è sempre molto alta... questi fantasmi che non si sa che cosa vogliano, ma solo "perdere", corrompere i bambini sono bellissimi. E' tutto un non detto, perchè non si sa cosa comportasse la condotta depravata dei due precedenti istitutori dei bambini... forse dire parolacce? comunque mi sono divertita!

    Is this helpful?

    Maya 1978 said on Jun 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book