Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Girotondo

Di

Editore: Newton Compton Editori

4.0
(181)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8854138924 | Isbn-13: 9788854138926 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Girotondo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Morì a Vienna il 21 ottobre 1931. Di Arthur Schnitzler la Newton Compton ha pubblicato Doppio sogno, il romanzo che ha ispirato l’ultimo capolavoro di Stanley Kubrick, Eyes Wide Shut, e Girotondo.
Ordina per
  • 4

    La carica del suo testo giunge straordinariamente immutata, come un’eco, ai nostri sensi. Nulla di scontato: nel rileggerne la storia ci meravigliamo di quanto beffardo, a volte, cerchi di essere ...continua

    La carica del suo testo giunge straordinariamente immutata, come un’eco, ai nostri sensi. Nulla di scontato: nel rileggerne la storia ci meravigliamo di quanto beffardo, a volte, cerchi di essere il destino per la fortuna di un’opera. “Girotondo”, infatti, che così bene ha resistito alla velocità crudele degli anni, al ritmo incalzante dei costumi, della moda e del succedersi delle filosofie come degli avvenimenti del Novecento ha rischiato, in realtà, di cadere, proprio all’inizio del secolo scorso, sotto la stretta morsa della censura. La pièce teatrale, ideata e nata tra il 1897 e il 1900, fu colpita da un procedimento giudiziario per pornografia e trovò la sua prima, al Kleines Schauspielhaus di Berlino, soltanto venti anni dopo. L’amore narrato,così scandaloso per la società viennese dei tempi, non passò inosservato alle orecchie dei censori. A fare paura era il senso di vuoto, di perdita di fede e di valori nell’Europa di fine Ottocento/inizio Novecento. Era questo che Schnitzler voleva rappresentare? Un´analisi dell´impossibilità umana di amare e delle difficoltà che un amore puro incontra nel realizzarsi? Non lo sappiamo. Tutti pensano a Freud e allora il cerchio sembra chiudersi. L´intreccio si basa sugli incontri tra dieci personaggi appartenenti a differenti condizioni sociali ed umane: la prostituta, il soldato, la cameriera, il giovane signore, la giovane signora, il marito, la ragazzina, il poeta, l´attrice, il conte. Un tentativo d'indagare l'animo umano e le tortuose relazioni che abbiamo con noi stessi e poi con gli altri.

    Certo stabilire cosa sia l'amore, anche a un secolo di distanza, è un po' difficile. Forse l'amore è qualcosa in cui si crede e quando si crede all’amore, ci si convince contemporaneamente anche dell’esistenza di qualcuno che ci vuole bene.

    ha scritto il 

  • 4

    L'uno il contraltare dell'altro, questo sono Girotondo e Amoretto, separati da due vicende contrapposte: l'apatia e la noia di sesso consumato senza scopo e l'amore tragico che va a senso unico. ...continua

    L'uno il contraltare dell'altro, questo sono Girotondo e Amoretto, separati da due vicende contrapposte: l'apatia e la noia di sesso consumato senza scopo e l'amore tragico che va a senso unico.

    ha scritto il 

  • 4

    La petite mort.

    XY– A questo mondo vi sono solo due tragedie: una è non ottenere ciò che si vuole… XX– Ecco che ricominci a filosofeggiare… Abbracciami piuttosto! Sì, così… Vieni, vieni… ...continua

    XY– A questo mondo vi sono solo due tragedie: una è non ottenere ciò che si vuole… XX– Ecco che ricominci a filosofeggiare… Abbracciami piuttosto! Sì, così… Vieni, vieni… vieni… ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·  ·    XX– Oh, è stato meraviglioso… E l'altra quale sarebbe? XY– L'altra… cosa? XX– L'altra tragedia! XY– L'altra è ottenerlo. Questa seconda è la peggiore. XX– Concordo… Accidenti come si è fatto tardi, devo proprio scappare.

    ha scritto il 

  • 4

    Se vi capita guardate anche il delizioso film di Max Ophuls "La ronde". La prostituta va a letto con l'ufficiale, l'ufficiale va a letto con una cameriera, la cameriera va a letto con il padroncino, ...continua

    Se vi capita guardate anche il delizioso film di Max Ophuls "La ronde". La prostituta va a letto con l'ufficiale, l'ufficiale va a letto con una cameriera, la cameriera va a letto con il padroncino, il padroncino va a letto con una donna sposata, la donna sposata va a letto con il marito, il marito va a letto con una ragazzetta, la ragazzetta va a letto con il poeta, il poeta va a letto con l'attrice, l'attrice va a letto con il conte, il conte va a letto con la prostituta e tutto ricomincia.

    Tutti fanno sesso, si seguono i riti del corteggiamento, ma l'amore?

    ha scritto il 

  • 4

    “Girotondo” ovvero un veloce alternarsi di scene relative ad approcci amorosi, i cui protagonisti, appartenenti a ceti e gruppi sociali diversi, sono tutti accomunati da un unico desiderio: ...continua

    “Girotondo” ovvero un veloce alternarsi di scene relative ad approcci amorosi, i cui protagonisti, appartenenti a ceti e gruppi sociali diversi, sono tutti accomunati da un unico desiderio: soddisfare i propri istinti biologici. A tal scopo, essi intrattengono conversazioni banali, in cui le parole perdono significato e sono esclusivamente finalizzate a rendere certo e meno brutale il compimento dell’atto sessuale. Dopodiché , soddisfatti ma anche turbati ed infastiditi dalla vacuità di ciò che è stato consumato, tendono tutti ad allontanarsi velocemente da colui/colei che, ai loro occhi, diventa un incomodo. L’ipocrisia permea ogni pagina di questa breve e godibile opera di Schnitzler: si pensi al “voler bene” a cui diversi personaggi, in fase preliminare, accennano in più occasioni, un bene in nome del quale l’abbandono lascivo al piacere diventa moralmente più accettabile. Da menzionare anche la conversazione tra il marito, che giustifica il proprio frequente disinteresse fisico per la moglie come strategico al fine di conservare il loro grande amore nel tempo,(ma che in realtà trova spiegazione nei rapporti che egli intrattiene con una ragazzina)e la moglie “innocente e perbene”, che trova appagamento nel rapporto carnale che ella intrattiene con un giovane signore. In quest’opera vi è un grande assente: l’amore vero, quello che, se presente, potrebbe dare significato ad un atto che, come dimostrano questi dieci siparietti, si traduce altrimenti in mera soddisfazione di istinti primordiali ed immediato e conseguente turbamento e fastidio.

    ha scritto il