Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Giulio Cesare - Antonio e Cleopatra - Coriolano

Di

Editore: Garzanti

4.2
(57)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: A000054330 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Antonio Meo

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Giulio Cesare - Antonio e Cleopatra - Coriolano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La vita umana dentro l'ingranaggio del potere nei drammi che rivelano la potente intuizione del genio shakesperiano, in una nuova versione di Antonio Meo.
Ordina per
  • 4

    Le tragedie storiche di Shakespeare sono assolutamente tra le mie preferite...E quella che amo di più in assoluto è il Giulio Cesare. In esso, l'orazione funebre di Antonio vale l'intera opera...
    Antonio e Cleopatra rappresenta, in modo "romanzato" uno spaccato della storia in un periodo difficil ...continua

    Le tragedie storiche di Shakespeare sono assolutamente tra le mie preferite...E quella che amo di più in assoluto è il Giulio Cesare. In esso, l'orazione funebre di Antonio vale l'intera opera... Antonio e Cleopatra rappresenta, in modo "romanzato" uno spaccato della storia in un periodo difficile, quello della successione di Cesare, della guerra civile tra Antonio ed Ottaviano, e del tentativo, da parte di Cleopatra, di creare il più vasto regno mai esistito dai tempi di Alessandro Magno (suo antenato). La tragedia, come suggerisce il titolo , si sofferma più sulla relazione tra il generale romano e la Regina, che sulla storia in sé, mostrando quello che secondo Shakespeare è il lato umano e fragile di un valoroso condottiero trafitto dall'inesorabile freccia di Cupido... Il Coriolano non lo ricordo benissimo, ma ricordo che mi piacque molto...Motivo per il quale, sicuramente, lo rileggerò...

    ha scritto il