Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Giustizia

Il nostro bene comune

Di

Editore: Feltrinelli

4.2
(37)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 332 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807104547 | Isbn-13: 9788807104541 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Tania Gargiulo

Genere: Philosophy , Political , Social Science

Ti piace Giustizia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Un libro interessantissimo, che sottolinea l'esigenza di un impegno più consapevole e intenso nel dibattito etico sociale sul bene comune, tentando, brillantemente di evidenziare le differente correnti storico-filosofiche in merito.

    ha scritto il 

  • 5

    “Giustizia – Il nostro bene comune”, titolo originale “Justice – What’s the right thing to do?”, di Michael Sandel, edizioni Feltrinelli, ISBN 978-88-07-10454-1. Il saggio, bellissimo ed attuale cerca di spiegare il significato della parola “giustizia” in termini sociali e morali. Che cosa deve i ...continua

    “Giustizia – Il nostro bene comune”, titolo originale “Justice – What’s the right thing to do?”, di Michael Sandel, edizioni Feltrinelli, ISBN 978-88-07-10454-1. Il saggio, bellissimo ed attuale cerca di spiegare il significato della parola “giustizia” in termini sociali e morali. Che cosa deve intendersi per “Società giusta”? Che cosa significa agire “giustamente” o meglio, “fare la cosa giusta”? Si chiede l’autore? Il tema, piuttosto impegnativo a ben vedere, viene sviluppato progressivamente in maniera non noiosa, partendo da aneddoti ed esempi, per poi svelare una trama lucida ed organica. L’autore, ben sapendo di non poter fornire una spiegazione univoca e definitiva di queste categorie del pensiero per altro, da sempre dibattute e sviluppate nell’ambito delle scienze sociali e dalla filosofia, perviene infine ad una sua definizione; non prima però di aver fornito una descrizione di come alcune delle principali correnti filosofiche del pensiero occidentale abbiano affrontato il tema cercando di fornire giustificazioni e risposte.
    Toccando argomenti di forte attualità quali quello della solidarietà, del welfare, della distribuzione dei redditi, del sistema fiscale, del servizio militare; temi più sensibili quale quello delle libertà di pensiero, del diritto al dissenso, del rispetto delle minoranze; nonché aspetti ancora più personali, afferenti la sfera sessuale e religiosa dei gruppi e degli individui, ci si spinge fino ad analizzare le ragioni etiche dalle quali nasce il dibattito relativo alla legittimità di alcuni diritti individuali “estremi” quali quelli relativi alla vita ed alla morte propria o altrui, come ad esempio nel caso dell’aborto e dell’eutanasia. Nel frattempo il saggio si dipana esponendo la tesi del pensiero utilitaristico di Bentham e di Stuart Mill, passando attraverso le ideei dei cosiddetti “liberisti”, per poi esporre il punto di vista Kant, di Aristotele fino ai contribuiti più moderni, quali ad esempio quello del filosofo americano John Rawls e di Alasdair MacIntyre, dal quale l’autore, con un vero e proprio “colpo di teatro” trae la nozione di “esseri narranti” che applica ai singoli individui; poetica e nel contempo efficace definizione che egli usa per giustificare il suo personale punto di vista su questi argomenti e che sembra improvvisamente accordarsi con le riflessioni e le istanze sviluppate nel corso di tutta l’opera. Il libro stimola il lettore a porsi domande molto profonde riguardo alla propria condizione di essere umano e di cittadino ed alla fine fornisce una risposta attiva e ottimistica circa il possibile ruolo di ognuno di noi nel contribuire a dibattere e sviluppare i temi della “politica” e della “giustizia” ovvero, parafrasando Aristotele, per vivere consapevolmente quella “vita buona”che sarebbe nostro dovere promuovere.

    ha scritto il 

  • 5

    Più scorrevole, chiaro e appassionante di così non si può. Pieno di esempi formidabili. Anche Bart Simpson prenderebbe A al corso introduttivo sulla giustizia che Sandel tiene ad Harvard, e da cui è tratto questo libro. Magari Homer no, ma Bart sì.

    ha scritto il 

  • 3

    Offre ottimi spunti di ragionamento, poi il ragionamento te lo fa lui stesso analizzando le tesi ed evidenziando ragioni e limiti delle varie correnti. C'è la vita comune dentro con i grandi temi etici dei nostri tempi, c'è molta filosofia, a volte anche troppa rispetto a quanta me ne potessi asp ...continua

    Offre ottimi spunti di ragionamento, poi il ragionamento te lo fa lui stesso analizzando le tesi ed evidenziando ragioni e limiti delle varie correnti. C'è la vita comune dentro con i grandi temi etici dei nostri tempi, c'è molta filosofia, a volte anche troppa rispetto a quanta me ne potessi aspettare, Kant per esempio, domina con la sua complessità costringendo a volte (per un profano come me, intendo) a tornare ripetutamente sulle righe già lette, con il rischio di perdersi in sfumature e parentesi. Ho conosciuto meglio anche gli Usa grazie alle pagine di questo libro. Non male, ma avrei preferito che il linguaggio diciamo così... scolastico avesse riguardato tutto il libro rendendolo totalmente alla portata di chi come me si avvicina a qualcosa che fino a oggi considerava "pesante".

    ha scritto il 

  • 4

    Libro molto interessante sulla filosofia della giustizia, ben argomentato e ricco di esempi e casi interessanti che conducono per mano i lettori non addetti ai lavori.
    L'autore espone con obbiettività alcuni approcci alla Giustizia in senso lato riservandosi solo nell'ultimo capitolo quale ...continua

    Libro molto interessante sulla filosofia della giustizia, ben argomentato e ricco di esempi e casi interessanti che conducono per mano i lettori non addetti ai lavori.
    L'autore espone con obbiettività alcuni approcci alla Giustizia in senso lato riservandosi solo nell'ultimo capitolo quale sia la sua posizione rispetto ad esse.
    Da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Interessante ma non quanto le sue lezioni su youtube. Il capitolo finale, con le sue idee sulla giustizia, seppure ricco di spunti interessanti (Obama e la fede) non coinvolge come gli altri.
    La traduzione italiana cade in strafalcioni ridicoli.

    ha scritto il