Gli All-Star di Mosè

Di

Editore: 66thand2nd

4.0
(13)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 520 | Formato: Altri

Isbn-10: 8896538297 | Isbn-13: 9788896538296 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Gli All-Star di Mosè?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
America, anni Trenta. Nel periodo buio della Grande Depressione e del nazismo, Aaron Steiner, giocatore di basket in crisi con la moglie, decide di accettare la proposta del suo amico Leo, finito nei guai per una storia di scommesse: mettere insieme una squadra di basket itinerante per una tournée che da New York li porterà fino a Los Angeles. Sono tempi duri e in ballo ci sono molti soldi, così all’impresa decidono di unirsi anche Brooks e Mitchell, gli amici di sempre, Ron, un rapinatore di banche, e i due «pivelli» Kevin e Saul. I sette giocatori – tutti ebrei – si imbarcano su un carro funebre con una stella di David dipinta sulla fiancata e cominciano la loro avventura on the road nel cuore dell’America profonda, combattendo a loro modo l’odio razziale. Questi Harlem Globetrotters con barba e kippah attraversano le sabbie rosse e le distese innevate del Midwest, passando tra campi profughi, riserve indiane e fiere di provincia, sotto la minaccia della povertà e dei gangster di Chicago che inseguono Leo da un capo all’altro del paese. Un viaggio alla ricerca di una seconda occasione, in cui la passione per il basket si mescola all’amore per l’America degli outsider.
Ordina per
  • 4

    Bellissima storia, originale e scorrevole, più profonda di quello che appare a prima vista. I personaggi sono tratteggiati benissimo e ancora meglio le descrizioni delle partite. Per un appassionato d ...continua

    Bellissima storia, originale e scorrevole, più profonda di quello che appare a prima vista. I personaggi sono tratteggiati benissimo e ancora meglio le descrizioni delle partite. Per un appassionato di basket è consigliatissimo: 4 stelle e mezza

    ha scritto il 

  • 5

    Che libro!
    Ok io sono un malato di basket e sono un appassionato di libri sportivi, che siano romanzi, almanacchi, biografie o resoconti storici, per cui il mio giudizio su un libro che parla di baske ...continua

    Che libro!
    Ok io sono un malato di basket e sono un appassionato di libri sportivi, che siano romanzi, almanacchi, biografie o resoconti storici, per cui il mio giudizio su un libro che parla di basket scritto da un maestro della letteratura sportiva come Charlie Rosen è probabilmente poco lucido..
    Però cacchio questo è davvero un libro splendido!! La storia di 7 personaggi in cerca del loro futuro, in fuga da un passato che vogliono scordare.. la storia di 7 giocatori di basket, ognuno dei quali rappresenta un modo diverso di giocare, di pensare, di vivere la pallacanestro
    Dentro il parquet si è la proiezione di se stessi, sul campo da gioco ogni persona gioca tirando fuori le proprie qualità ed i propri difetti, e l'egoista nella vita sarà egoista anche lì, e così il generoso, il timido, l'insicuro, lo spavaldo, l'aggressivo
    E allora i 7 giocatori sono anche sette diversi uomini, ognuno di loro con le proprie paure e i propri limiti, ognuno di loro con i propri sogni e le proprie speranze
    E' un viaggio da Est a Ovest degli Stati Uniti ed è un viaggio dentro ognuno di loro, un viaggio diverso per ognuno, e che finirà per cambiare tutti
    E' però anche uno spaccato dell'America degli anni trenta e delle sue contraddizioni, il razzismo e la discriminazione, la disparità sociale ma anche la terra delle opportunità, il posto dove si può diventare qualunque cosa, non importa cosa eri prima

    Inutile dire che dei sette il mio preferito è Aaron, la voce narrante, non in quanto protagonista del racconto, ma perché siamo lo stesso tipo di giocatore: uomini squadra, che non si vergognano a passare tutta la partita a prendere botte e a sgomitare sottocanestro, a portare blocchi e toccare pochi palloni, perché l'importante è fare ciò che è necessario per portare la propria squadra al successo

    ha scritto il