Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gli amanti fiamminghi

Di

Editore: Mondadori

3.1
(235)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 190 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8804573740 | Isbn-13: 9788804573746 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Gli amanti fiamminghi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Con Paolo Maurensig ho un rapporto di amore e odio. A volte mi chiedo perché mi ostino a leggerlo, se il risultato è sempre così frustrante. Il fatto è che dopo Canone Inverso, una delle storie più belle che mi siano mai state raccontate, ogni volta mi faccio tentare. Ma poi ogni volta che prendo ...continua

    Con Paolo Maurensig ho un rapporto di amore e odio. A volte mi chiedo perché mi ostino a leggerlo, se il risultato è sempre così frustrante. Il fatto è che dopo Canone Inverso, una delle storie più belle che mi siano mai state raccontate, ogni volta mi faccio tentare. Ma poi ogni volta che prendo in mano un suo libro rimango lì, così, perplessa. Forse dipende da come le storie sono raccontate. O forse dipende dalle storie in sé. Dal fatto che non capisci mai se sei di fronte ad una storia, ad una parabola, o a un sogno. Non sai mai a che punto finisce la “realtà” e da che punto inizia la “finzione”. Sono storie appese, lasciate a metà. Ecco, in questo si conferma in linea con altre opere di Maurensig. Se piace il genere, accomodatevi. A me, lasciano un senso di incompiutezza che non riesco a mandare giù…

    ha scritto il 

  • 2

    Condivido la recensione di Claire. Ho trovato interessante e ben scritto il racconto principale, le considerazioni sulla estrema mutevolezza degli stati d'animo provati nei confronti delle persone con cui più strettamente si condivide l'esistenza, i risvolti che si possono celare dietro legami ap ...continua

    Condivido la recensione di Claire. Ho trovato interessante e ben scritto il racconto principale, le considerazioni sulla estrema mutevolezza degli stati d'animo provati nei confronti delle persone con cui più strettamente si condivide l'esistenza, i risvolti che si possono celare dietro legami apparentemente forti e funzionanti... Ho scelto di anteporre la lettura dell'ultimo capitolo a quella del "manoscritto", pensando che l'autore (Maurensig) qui avrebbe dato il meglio di sé. E invece che delusione, non vedevo l'ora di giungere alla fine. Mi aspettavo che tutti quei personaggi del set cinematografico conducessero a situazioni e sviluppi (pensavo a "Effetto notte" di Truffaut), poi le immagini che mi sono apparse sono state quelle inquietanti e dechirichiane de "L'invenzione di Morel", per finire con "Viale del tramonto" declinato in un grottesco incubo hoffmaniano, peraltro concluso di fretta. Il personaggio-narratore aveva magari motivo di temere la concorrenza del suo amico Jacopo in amore, ma non nella professione letteraria.

    ha scritto il 

  • 3

    Non è scritto male, ma non è un libro che ho amato. La storia è solo vagamente interessante e i personaggi - specie quelli femminili - sono francamente poco credibili. Maurensing mi trasmette una antipatia che non riesco a capire neanch'io, un po' come se volesse mettersi in continuazione su un g ...continua

    Non è scritto male, ma non è un libro che ho amato. La storia è solo vagamente interessante e i personaggi - specie quelli femminili - sono francamente poco credibili. Maurensing mi trasmette una antipatia che non riesco a capire neanch'io, un po' come se volesse mettersi in continuazione su un gradino più alto per dominare il lettore. Non so se ne leggerò altri suoi.

    ha scritto il 

  • 3

    due stelle e mezzo, arrotondate a tre

    Dopo aver letto i primi due quarti, stranamente, non riuscivo a capire se mi stava piacendo moltissimo o molto poco. Ben scritto, con alcuni spunti di riflessione sull'amicizia, intrigante la trama ma... poi l'intuizione geniale si trasforma in banale e si conclude nell'ovvio. Leggerò dell'altro ...continua

    Dopo aver letto i primi due quarti, stranamente, non riuscivo a capire se mi stava piacendo moltissimo o molto poco. Ben scritto, con alcuni spunti di riflessione sull'amicizia, intrigante la trama ma... poi l'intuizione geniale si trasforma in banale e si conclude nell'ovvio. Leggerò dell'altro per dare una chances a Paolo Maurensig, ma Gli amanti fiamminghi non mi ha entusiasmata.

    ha scritto il 

  • 3

    Pensavo meglio, mi piaceva l'idea di questa storia nella storia, di questo manoscritto che racconta di un amore... "Eppure avrei dovuto sapere che l'involucro emotivo che ci riveste è quanto di più vulnerabile esista. E' molle come cera, e le parole lapilli incandescenti."
    Belle frasi, bell ...continua

    Pensavo meglio, mi piaceva l'idea di questa storia nella storia, di questo manoscritto che racconta di un amore... "Eppure avrei dovuto sapere che l'involucro emotivo che ci riveste è quanto di più vulnerabile esista. E' molle come cera, e le parole lapilli incandescenti."
    Belle frasi, belle parole che fanno pensare, ma la storia l'ho trovata banale e scontata, due coppie, l'amicizia, un incidente, il manoscritto che il narratore, scrittore in crisi, sottrae all'amico, insomma... tre stelline scarse.

    ha scritto il 

  • 3

    Meriterebbe forse 4 stelle, ma manca di qualcosa: la trama scorre veloce e la lettura è piacevolissima fino ad un certo punto. Essendo un libro nel libro, volutamente l'autore cambia stile e qui tende ad essere noioso e scontato, perdendo molto del suo fascino linguistico.

    ha scritto il 

  • 5

    Per fortuna che c'è Maurensig

    Difficile trovare le parole per descrivere la superba bellezza di questo romanzo. Penna raffinatissima e coltissima, che ti fa tirare fuori il vocabolario a 40 anni suonati (io).
    Potenza evocativa delle parole di una perfezione abbagliante.
    Maurensig si conferma, nelle mie letture, un ...continua

    Difficile trovare le parole per descrivere la superba bellezza di questo romanzo. Penna raffinatissima e coltissima, che ti fa tirare fuori il vocabolario a 40 anni suonati (io).
    Potenza evocativa delle parole di una perfezione abbagliante.
    Maurensig si conferma, nelle mie letture, un ottimo autore.
    Bellissimo l'espediente del romanzo nel romanzo.
    E seppure breve, non c'è un grammo di mancanza o di superfluo, non c'è un capello fuori posto.
    Decisamente un cameo, uno dei miglior libri mai letti in questo periodo.

    ha scritto il 

  • 1

    Al terzo libro di questo autore posso dire con certezza che ne ho abbastanza: questo libro mi ha fatto letteralmente schifo. Il personaggio (la voce narrante) è macabro, opportunista, egoista, noioso e antipatico. Il narrare questa storia con tutte le parole del dizionario della lingua italiana, ...continua

    Al terzo libro di questo autore posso dire con certezza che ne ho abbastanza: questo libro mi ha fatto letteralmente schifo. Il personaggio (la voce narrante) è macabro, opportunista, egoista, noioso e antipatico. Il narrare questa storia con tutte le parole del dizionario della lingua italiana, per dimostrare che cosa poi? Che l'autore conosce il significato di tutte le parole? Clap clap! Complimenti! Le due storie, di cui una travestita da libro dentro il libro: una più noiosa dell'altra. L'autore lascia tutto incompiuto: si sofferma inutilmente su paesaggi, personaggi, qualunque cosa ci sia attorno al protagonista, per poi... nulla! D'altra parte come avrebbe potuto altrimenti utilizzare tutte le parole della lingua italiana?

    ha scritto il 

Ordina per