Gli anni con Laura Díaz

Voto medio di 112
| 21 contributi totali di cui 16 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Nata nella regione di Veracruz da una famiglia di latifondisti, Laura Díaz conosce presto gli slanci e i contrasti della rivoluzione: è lottando per una società più giusta che il fratellastro Santiago trova la morte. Quella prima figura maschile ... Continua
Ha scritto il 12/10/15
Laura, che non è solo più Laura...
Un romanzo ambizioso che, attraverso la storia di Laura Diaz, intende abbracciare quasi l'intero '900 da una prospettiva capace di porci a contatto non solo con la storia travagliata e contraddittoria del Messico rivoluzionario e ...Continua
  • 5 mi piace
Ha scritto il 04/09/14
Questo libro mi ha fatto proprio incazzare, ma devo spiegare perché. Contiene moltissime pagine belle. Sia quando parla della storia del Messico, sia quando la usa per scandire la storia del mondo, sia quando si lascia andare a digressioni ...Continua
Ha scritto il 19/06/12
pesante!
gli ultimi 100 anni della storia messicana come sfondo alla storia di una ricca borghese. Secondo me è più interessante lo sfondo.
Ha scritto il 20/03/12
"Laura Dìaz, passa i primi anni della sua esistenza in un Messico rurale e rigoglioso, con la madre e le zie nella villa padronale dei nonni, un immigrato tedesco che ha voluto tagliare ogni ponte col passato e sua moglie il cui sguardo spesso ...Continua
  • 1 commento
Ha scritto il 05/10/11
un affresco del messico nel xx sec. un romanzo di ampio respiro storico-politico-sociale-ideologico vissuto attraverso gli occhi di una donna carismatica, ineusaribile e controcorrente. a tratti appesantito da digressioni psicologiche
  • 1 mi piace

Ha scritto il Jul 17, 2010, 10:21
Lei era quelli che potevano dubitare sempre, ma non esitavano mai ad agire.
Pag. 468
Ha scritto il Jul 17, 2010, 10:19
La verità è che io amo, Harry, ti amo in modo diverso da come ho amato a suo tempo mio marito, Orlando Ximenez e lo stesso Jorge Maura, ti ho amato come ho amato loro, come una donna che vive e va a letto con un iomo, ma con te è diverso, Harry, ...Continua
Pag. 398
Ha scritto il Jul 17, 2010, 10:06
Non si abbandona l'amico che ci è stato accanto nella disgrazia. Gli amici si salvano o muoiono assieme.
Pag. 278
Ha scritto il Jul 17, 2010, 10:04
Parlavano tutti e tre in nome della sconfitta? No, pensò Laura Diaz, parlavano in nome dell'esilio che stava iniziando adesso, e l'esilio non ha patria, non si chiama Messico, Argentina o Inghilterra. L'esilio è un'altra nazione.
Pag. 276
Ha scritto il Jul 17, 2010, 10:02
In tutte le grandi battaglie, Madrid e Jarama, Brunete e Teruel, e anche nella sconfitta di Mussolini a Guadalajara, la prima linea di fuoco non era mai vacante. Il popolo repubblicano litigava per essere il primo a morire. Bambini con il pugno ...Continua
Pag. 230

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi