Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Gli anni del riso e del sale

By Kim Stanley Robinson

(67)

| Paperback | 9788854107564

Like Gli anni del riso e del sale ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

La Morte Nera, la terribile epidemia di peste, si abbattè sull'Europa nelquattordicesimo secolo con conseguenze devastanti: circa un terzo dellapopolazione del Vecchio continente fu annientata. Ma cosa sarebbe accaduto sela pestilenza avesse ucciso i Continue

La Morte Nera, la terribile epidemia di peste, si abbattè sull'Europa nelquattordicesimo secolo con conseguenze devastanti: circa un terzo dellapopolazione del Vecchio continente fu annientata. Ma cosa sarebbe accaduto sela pestilenza avesse ucciso il 99 per cento della popolazione? Come sarebbecambiato il mondo?

7 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    non capisco che senso abbia ideare una storia ucronica così potenzialmente bella, e dstruggerla infarcendo un romanzo ad episodi pervaso di mistica, ma che stringi stringi, non ha nulla delle caratteristiche del genere (modi di vita, evoluzione delle ...(continue)

    non capisco che senso abbia ideare una storia ucronica così potenzialmente bella, e dstruggerla infarcendo un romanzo ad episodi pervaso di mistica, ma che stringi stringi, non ha nulla delle caratteristiche del genere (modi di vita, evoluzione delle civiltà, influenze, sviluppo). qui ci troviamo davanti alla storia del singolo che abita questo mondo appestato, ma il fatto che lo sia è puro pretesto per la narrazione d'avventura. ma potevi fare una raccolta di racconti no? invece di sprecarmi l'idea di un mondo dove la peste abbia decimato tutta la società occidentale, che ti venga un colpo!

    Is this helpful?

    magnus said on Oct 17, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Gli anni del riso e del sale

    Ambiziosissima opera di storia alternativa (o ucronia)che racconta una diversa storia del mondo, dal Trecento ad oggi, al seguito di una Morte Nera che cancella dalla faccia del pianeta la civiltà occidentale. La rivoluzione industriale nasce in Indi ...(continue)

    Ambiziosissima opera di storia alternativa (o ucronia)che racconta una diversa storia del mondo, dal Trecento ad oggi, al seguito di una Morte Nera che cancella dalla faccia del pianeta la civiltà occidentale. La rivoluzione industriale nasce in India, l'Islam non ha più rivali ma ad un certo punto deve riformare sè stesso, la Cina è un'indiscussa potenza di primo piano, etc. Curiosa l'idea di cambiare protagonisti ad ogni secolo... personaggi che in realtà non sono altro che reincarnazioni di un ristretto gruppo di individui i cui destini sono intrecciati tra loro attraverso lo scorrere del tempo... destinati sempre ad incontrarsi durante "gli anni del riso e del sale"; cioè il periodo in cui vivono, soffrono, amano e lavorano come esseri umani.

    Is this helpful?

    Tomino74 said on May 19, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Si parlava molto di questo libro all'epoca della sua uscita negli Stati Uniti, ma non si capiva perchè nessuno in Italia lo volesse pubblicare; ora è chiaro: non è fantascienza né fantasy, non almeno nel senso tradizionale dato ai termini, è abbastan ...(continue)

    Si parlava molto di questo libro all'epoca della sua uscita negli Stati Uniti, ma non si capiva perchè nessuno in Italia lo volesse pubblicare; ora è chiaro: non è fantascienza né fantasy, non almeno nel senso tradizionale dato ai termini, è abbastanza lungo e gode di una narrazione lenta e fluviale che potrebbe scoraggiare molti lettori. Ha un che di favolistico, un po' le Mille e una notte, un po' il Milione e un po' i Viaggi di Ibn Battuta e una volta iniziata la lettura è difficile interrompere. Cosa sarebbe successo se la peste avesse sancito il declino del mondo occidentale "as we know it"? Tante storie collegate tra loro da un comune destino che commuovono, sorprendono, fanno pensare. Nonostante qualche refuso un encomio alla Newton & Compton per aver preposto anche in Italia un romanzo di cui si sentiva la mancanza (senza che lo sapessimo!?).

    Is this helpful?

    lino said on Sep 6, 2009 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Estremamente particolare. Molto new age...

    Is this helpful?

    Flavia said on Apr 5, 2009 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lo consiglio veramente tanto a tutti coloro a cui piaccia considerare le cose e soprattutto la storia dell'umanità da altri punti di vista.

    Is this helpful?

    Lama.Dalai said on Feb 3, 2008 | Add your feedback

  • 7 people find this helpful

    Una pietra miliare nell'ucronia

    Di Robinson ho letto la Trilogia Marziana (Il Rosso di Marte, Green Mars e Blue Mars, di cui gli ultimi due in inglese - grazie imMondadori per non averli tradotti), e devo dire che la mano di Robinson è rimasta sempre la stessa, anche a distanza di ...(continue)

    Di Robinson ho letto la Trilogia Marziana (Il Rosso di Marte, Green Mars e Blue Mars, di cui gli ultimi due in inglese - grazie imMondadori per non averli tradotti), e devo dire che la mano di Robinson è rimasta sempre la stessa, anche a distanza di tanti anni.
    Libro piacevolissimo, anche se all'inizio ho fatto un po' fatica a capire dove volesse andare a parare. Come sempre, Robinson scrive in una maniera che è un piacere leggere, anche se ciò che più mi colpisce è la sua capacità di inventarsi futuri (o ucronie...) plausibili, anche quando la sua fantasia si spinge molto in là.
    Mi spiego meglio: nei suoi romanzi di fantascienza (e in questa ucronia), Robinson è molto credibile non solo quando ci narra il futuro prossimo (o gli effetti immediati di un'alterazione del passato), ma anche quando si spinge molto più in là, nei secoli a venire. Tutto ciò che segue nella Storia è l'effetto plausibile di ciò che lo precede, e questo senza risultare mai scontato o ripetitivo.
    Cosa sarebbe successo se nel 1300 l'Europa cristiana fosse stata annientata dalla peste? Non è difficile immaginare che oggi le culture/civiltà dominanti sarebbero l'Islam e l'Indo-Cina, ma in che modo? Che posto sarebbe il mondo senza l'Occidente? Da sempre siamo abituati a pensare alla nostra cultura Occidentale come alla culla della civiltà umana, ma siamo sicuri che, senza Occidente, le altre culture non si sarebbero evolute in maniera altrettanto "vincente"? R. risponde a tutte queste (e altre) domande in un libro che da una parte è lunghissimo (a tratti mi è sembrato fin troppo diluito), mentre dall'altra non lo è affatto, perché per "riscrivere" la Storia del Mondo non basterebbe una vita intera...

    Is this helpful?

    Federico Boldrini said on Oct 15, 2007 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (67)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 524 Pages
  • ISBN-10: 8854107565
  • ISBN-13: 9788854107564
  • Publisher: Newton & Compton
  • Publish date: 2007-01-01
Improve_data of this book