Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gli antipatici

Di

Editore: BUR

3.9
(191)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 380 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817028347 | Isbn-13: 9788817028349 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri

Genere: History

Ti piace Gli antipatici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Pubblicato nel 1963, "Gli antipatici" torna in libreria in una collana dedicata a tutte le opere di Oriana Fallaci. Gli antipatici sono quei personaggi destinati a trovarsi sempre sulla bocca di tutti, e dei quali tutto si sa e tutto si dice. Inviata de "L'Europeo", agli inizi degli anni Sessanta Oriana Fallaci va a intervistarli: registi da Oscar, poeti premi Nobel, dive di fama planetaria, compositori, scrittrici di alto profilo, Ingrid Bergman, don Jaime de Mora y Aragón, Nilde Iotti, Federico Fellini, Arletty, Baby Pignatari, Catherine Spaak, Gianni Rivera, Afdera Fonda Franchetti, Antonio Ordoñez, Cayetana duchessa d'Alba, Salvatore Quasimodo, Jeanne Moreau, Alfred Hitchcock, Anna Magnani, Porfirio Rubirosa, Natalia Ginzburg, Giancarlo Menotti: in un faccia a faccia implacabile e sottile, ironico e pungente, si trovano alle prese con un magnetofono e una intervistatrice alla quale, ancor più che al mezzo tecnico, nulla sfugge, neppure "uno scintillare di occhi, un agitarsi di mani". Ogni intervista è preceduta da una breve presentazione in cui la Fallaci, con grande senso dello humor e una dote innata per il racconto, esprime il suo giudizio. Come lei stessa scrive, i suoi antipatici sono "quasi sempre simpaticissimi".
Ordina per
  • 2

    Démodé.

    Oriana è grandissima, qualsiasi cosa scriva. Tuttavia questo libro è decisamente troppo datato per interessare ancora. Anche i suoi libri "Intervista col potere" erano datati ma contenevano diversi spunti di riflessione storica ancora validi e interessanti. Le interviste invece a Don Jaime de Mor ...continua

    Oriana è grandissima, qualsiasi cosa scriva. Tuttavia questo libro è decisamente troppo datato per interessare ancora. Anche i suoi libri "Intervista col potere" erano datati ma contenevano diversi spunti di riflessione storica ancora validi e interessanti. Le interviste invece a Don Jaime de Mora y Aragon piuttosto che a Francesco Pignatari, giusto per citarne qualcuno, sono ben poco interessanti. Le più godibili restano quella a Quasimodo, alla Magnani e alla Ginzburg.

    ha scritto il 

  • 4

    Molto carino, molto gentile

    Che dire, leggere l'Oriana è per me un tornare a casa. Mi piace il suo essere "donna con le palle" e il non aver paura di dimostrarlo, anche a rischio di risultare presuntuosa o antipatica.
    Bella raccolta di 18 conversazioni con disparati VIP del tempo, che cercano di rivelare qualcosa di p ...continua

    Che dire, leggere l'Oriana è per me un tornare a casa. Mi piace il suo essere "donna con le palle" e il non aver paura di dimostrarlo, anche a rischio di risultare presuntuosa o antipatica.
    Bella raccolta di 18 conversazioni con disparati VIP del tempo, che cercano di rivelare qualcosa di più sulla loro personalità.

    ha scritto il 

  • 4

    gli antipatici

    Raccolta di interviste
    si incontrano personaggi diversi ...alcuni mi erano totalmente sconosciuti :Jamie de Mora - fratello della regina dei belgi; Arletty, attrice francese degli anni 30; il Baby, marito miliardario di Ira Furstenberg; Afdera Franchetti ex moglie di Henry Fonda; Ordonez il ...continua

    Raccolta di interviste
    si incontrano personaggi diversi ...alcuni mi erano totalmente sconosciuti :Jamie de Mora - fratello della regina dei belgi; Arletty, attrice francese degli anni 30; il Baby, marito miliardario di Ira Furstenberg; Afdera Franchetti ex moglie di Henry Fonda; Ordonez il torero; Cayetana duchessa d'Alba possibile discendente della Maya ...quella di Goya..altri notissimi: Fellini, la Bergman, una giovanissima ed incinta Catherine Spaak, Gianni Rivera, Hitchcock, Anna Magnani, Salvatore Quasimodo, Nilde Iotti.
    Se non avessi letto la prefazione sarei saltata alla conclusione che non erano gli intervistati ad essere antipatici ma Lei ad essere decisamente stronza.
    Tagliente al limite della sopportazione, talmente diretta da rasentare la maleducazione...pero' ....
    Riporto testuale:
    Molti dei personaggi ritratti in questo libro sono miei amici. O quasi miei amici. O possibili miei amici
    Quando non sono miei amici o quasi miei amici o possibili miei amici, sono miei nemici. O quasi miei nemici. O possibili miei nemici che sportivamente pero' divisero la pena di un incontro difficile: meritandosi un grato rispetto
    Escludo quindi di considerarli antipatici nel senso etimologico, categorico che si da' a questa parola.
    Li considero tali in altro senso (....)
    Riassumendo OF li considera antipatici nel senso che la loro notorieta', i loro comizi, le loro canzoni. le loro gesta sportive, spesso rumorosi, invadenti..li rendono ...urticanti...per la loro onnipresenza...aggiunge:
    Non mi sentivo mai a posto quando rileggevo su "l'Europeo" queste interviste perche' mi accorgevo sempre di non aver detto tutto su di loro ora che ho detto tutto , anche quello che avevo taciuto, se lo avevo taciuto, mi sento leggera come se avessi tolto un peso dal cuore.
    Mi sento linda, pronta a volare in paradiso, nel caso che uno di loro mi sfidi a duello e spari piu' veloce di me.

    Continuo ad adorarla.
    e.

    ha scritto il 

  • 4

    Straordinaria carrellata di interviste di una giovane e sfacciata Fallaci ai divi dell'epoca.
    Stupisce l'attualità di molti passaggi: Gianni Rivera che parla di sciopero dei calciatori, la Spaak interrogata sull'ignoranza dei giovani d'ieri (uguale a quella dei giovani d'oggi).
    La Fal ...continua

    Straordinaria carrellata di interviste di una giovane e sfacciata Fallaci ai divi dell'epoca.
    Stupisce l'attualità di molti passaggi: Gianni Rivera che parla di sciopero dei calciatori, la Spaak interrogata sull'ignoranza dei giovani d'ieri (uguale a quella dei giovani d'oggi).
    La Fallaci è strepitosa, anche se a volte si ha la sensazione - ma forse no - che unpo' di cinismo e arroganza li abbia aggiunti ex post ad uso del suo personaggio.
    Emozionante l'incontro con Natalia Ginzburg, bello comunque conoscere tanti personaggi ignoti alla mia generazione (toreri, playboy, ecc.)

    ha scritto il 

  • 4

    Le interviste col magnetofono di Oriana ai così detti 'antipatici' perchè personaggi famosi, belle ed interessanti. Mi hanno messo la curiosità di cercare di ogni personaggio citato, la storia dettagliata. Mi hanno fatto imparare ancora qualcosa.

    ha scritto il 

Ordina per