Gli archetipi dell'inconscio collettivo 1934/1954

Il concetto d'inconscio collettivo 1936

Voto medio di 122
| 15 contributi totali di cui 11 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Pris
Ha scritto il 22/06/14
Piccolo libricino che racchiude al suo interno una quantità di riflessioni invidiabile. Jung spiega in maniera semplice alcuni dei concetti base del suo pensiero. L'inconscio collettivo ed i suoi archetipi. Non bisogna lasciarsi ingannare della dimen...Continua
Mirko
Ha scritto il 06/11/13
Mah... cervellotico assai...
Certo non metto in discussione lo spessore di Jung, che anche se ha formulato alcune ipotesi discutibili (o forse quasi tutte le sue lo sono), denota un livello di conoscenza veramente notevole! Sottolineo però che questo libro è veramente complesso...Continua
neraEcristallo
Ha scritto il 04/02/13
Opinione e citazioni
Sono convinta non sia il miglior scritto di Jung e sicuramente non lo consiglio a chi non ha già una base. Interessante ma, a mio avviso anche piuttosto complesso e poco esaustivo. Da rileggere sicuramente. "l'incontro con se stessi è una delle esper...Continua
Esperio
Ha scritto il 27/11/12
- Di cosa parla? Due brevi saggi in cui vengono delineati i concetti di ‘inconscio collettivo’ e quello strettamente correlato di’archetipo’, due dei più interessanti e innovativi temi della visione Junghiana. - In quali situazioni/per cosa può esser...Continua
Patrizia
Ha scritto il 27/05/11

"chi va verso se stesso, rischia l'incontro con se stesso"

"avere un'anima é precisamente il rischio della vita"


Davide Giandonato
Ha scritto il Jan 15, 2015, 20:42
Incontro con se stessi significa anzitutto incontro con la propria ombra. L' ombra è, in verità, come una gola montana, una porta angusta la cui stretta non è risparmiata a chiunque discenda alla profonda sorgente. Ma dobbiamo imparare a conoscere no...Continua
Pag. 40
Davide Giandonato
Ha scritto il Jan 15, 2015, 19:01
Chi va verso se stesso rischia l'incontro con se stesso.
Pag. 38
Davide Giandonato
Ha scritto il Jan 15, 2015, 19:01
L'esperienza insegna che il "circolo chiuso", il mandala, è l'antidoto tradizionale a uno stato mentale caotico.
Pag. 25
Davide Giandonato
Ha scritto il Jan 15, 2015, 18:59
Il fatto di soggiacere alle immagini eterne è cosa in sé normale. È per questo che esse esistono. devono attirare, convincere, affascinare e sopraffare, poiché sono create con il materiale primigenio della rivelazione e rappresentano la sempiterna es...Continua
Pag. 22

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi