Gli aspetti irrilevanti

Di

Editore: Mondadori

3.6
(102)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804669292 | Isbn-13: 9788804669296 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace Gli aspetti irrilevanti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Un ritratto fotografico del personaggio protagonista apre ciascun capitolo di questo libro.
    Sorrentino crea personaggi, a volte umani, a volte disumani, a volte grotteschi e si conferma un grande crea ...continua

    Un ritratto fotografico del personaggio protagonista apre ciascun capitolo di questo libro.
    Sorrentino crea personaggi, a volte umani, a volte disumani, a volte grotteschi e si conferma un grande creatore di storie, non solo di immagini.
    Lettura piacevole.

    ha scritto il 

  • 3

    "Il bacio mancato nel portone a 14 anni. E poi non ci saranno più i baci nei portoni. Quando ci saranno, si sarà adulti e non sarà la stessa cosa. Certe cose se non capitano in quel preciso istante, n ...continua

    "Il bacio mancato nel portone a 14 anni. E poi non ci saranno più i baci nei portoni. Quando ci saranno, si sarà adulti e non sarà la stessa cosa. Certe cose se non capitano in quel preciso istante, non capitano più anche se sono capitate."

    ha scritto il 

  • 3

    Una galleria di personaggi, di caratteri, di storie. Interessante spesso, a volte un po' estremo, il libro si fa leggere anche se a volte si nota un certo autocompiacimento intellettuale dell'autore/ ...continua

    Una galleria di personaggi, di caratteri, di storie. Interessante spesso, a volte un po' estremo, il libro si fa leggere anche se a volte si nota un certo autocompiacimento intellettuale dell'autore/famoso regista.
    E qui casca l'asino: una stella in meno per gli strafalcioni lessicali che il buon Sorrentino infila inaspettatamente.
    Si legge "più infimo" una volta (matita blu).
    Si legge molte volte "inedia", col significato di "noia estrema, vuoto". Se è pur vero che (per rassegnazione) alcuni vocabolari accettano la voce figurata, in realtà ha tutt'altro significato, come spero voi sappiate bene.
    Perfino si legge l'osceno "affianco" col significato di "accanto, a fianco". Non matita blu, ma ripetizione della classe.
    Il che dimostra che un grande regista non necessariamente è un grande letterato. Peccato.

    ha scritto il 

  • 3

    A tratti grandioso, ma solo a tratti

    Sorrentino si fa apprezzare anche per i libri, tutt'altro che irrilevante. Una "raccolta di vite", di umanita' piu' o meno miserabili, piu' o meno addolorate, di sicuro segnate dalle intemperie della ...continua

    Sorrentino si fa apprezzare anche per i libri, tutt'altro che irrilevante. Una "raccolta di vite", di umanita' piu' o meno miserabili, piu' o meno addolorate, di sicuro segnate dalle intemperie della vita.
    Come in tutti i libri che sono raccolte di brani,anche in questo caso ci sono episodi ben riusciti e altri meno. In generale penso che Sorrentino si esprima meglio quando parla di personaggi primi di dolore, frustrazione, a disagio nei confronti del mondo. In questi casi racconta delle storie sublimi. Meno efficace quando si cimenta con personaggi grotteschi, volutamente esagerati, macchiettistici. Ma forse è solo questione di sensibilità' e gusti personale del lettore. Libro interessante e godibile, non come quelli di Tony Pagoda, ma di buon livello.

    ha scritto il 

  • 4

    Brevi paragrafi come pennellate disinvolte che tratteggiano alla perfezione un volto sconosciuto. Le fotografie non rendono fino in fondo la complessità dei personaggi raccontati: molto più efficaci s ...continua

    Brevi paragrafi come pennellate disinvolte che tratteggiano alla perfezione un volto sconosciuto. Le fotografie non rendono fino in fondo la complessità dei personaggi raccontati: molto più efficaci sono certe frasi, già pronte per indimenticabili battute da film. "Se la tua vita di inceppa, prova a far funzionare le altre".

    ha scritto il 

  • 3

    Godibile

    Sorrentino sa scrivere secondo me: uno stile ammiccante a tratti, suadente...da napoletano (accezione assolutamente positiva). Questi ritratti, che poi diventano mini racconti, sono intriganti e piace ...continua

    Sorrentino sa scrivere secondo me: uno stile ammiccante a tratti, suadente...da napoletano (accezione assolutamente positiva). Questi ritratti, che poi diventano mini racconti, sono intriganti e piacevoli, spesso strappano un sorriso, anche se è la malinconia velata che lascia il segno. Alla lunga il giochino un po' stanca, ma è un libro piacevole che mi sento di consigliare.

    ha scritto il 

  • 4

    Per nulla irrilevante

    Devo confessare, con grande umiltà, che questo esercizio che fa Sorrentino lo facevo anche io con un'amica: vedere persone o foto e "inventarsi" una storia, dei particolari, dei dolori o delle ferite, ...continua

    Devo confessare, con grande umiltà, che questo esercizio che fa Sorrentino lo facevo anche io con un'amica: vedere persone o foto e "inventarsi" una storia, dei particolari, dei dolori o delle ferite, delle gioie o dei sogni. Un bel libro, devo dire, che ho gustato con grande piacere, sia per il sapiente uso delle parole, sia per l'esercizio stilistico di questo poliedrico artista.

    ha scritto il 

Ordina per