Gli effetti secondari dei sogni

Voto medio di 1906
| 555 contributi totali di cui 410 recensioni , 145 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Lou Bertignac ha dodici anni: la sua famiglia, chiusa nel ricordo inconfessabile di una tragedia del passato, vive in un silenzio opprimente, mentre a scuola la sua intelligenza fuori dal comune l'ha portata in una classe avanzata, piena di studenti ... Continua
Ha scritto il 05/04/17
Troppe virgole non fanno un punto.
Estetica molle di buoni sentimenti e luoghi comuni.Tipicamente francese.Sufficiente lo sforzo di vita della giovane e amabile protagonista.
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 22/12/16
Giudizio positivo unanime del Gruppo di Lettura. E' piaciuta innanzitutto la narrazione in prima persona di Lou, la descrizione della vicenda fatta da un'adolescente molto speciale che vive in conflitto con i genitori. Ci ha colpito la solitudine ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 01/12/16
Un libro didattico per adolescenti che, in genere, ragazzi e ragazze disprezzano intensamente. L'autrice analizza solo la tematica principale e accenna con superficialità aspetti secondari della vita della protagonista che avrebbero potuto ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 21/11/16
Mah... Poteva essere scritto meglio.
  • Rispondi
Ha scritto il 27/09/16
Libro di una delicatezza sopraffina, mi ha subito presa, tanto da leggerlo in un giorno.
Tratta temi pesanti: la solitudine, l'ermaginazione, la strada e il non sentirsi amati, eppure lo fa in un modo talmente leggero che ti spiazza. Nonostante alcune riflessioni siano ormai banali (siamo capaci di andare sulla Luna ma anche di lasciare ..." Continua...
  • Rispondi

Ha scritto il Apr 15, 2016, 18:12
Prima di incontrare No, credevo che la violenza fosse nelle urla, nelle botte, nella guerra e nel sangue. Adesso so che la violenza è anche nel silenzio, e qualche volta invisibile a occhio nudo. La violenza è il tempo che risana le ferite, la ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 15, 2016, 18:10
Siamo capaci di spedire aerei supersonici e missili nello spazio, identificare un criminale grazie a un capello o un minuscolo lembo di pelle, creare un pomodoro che resti tre settimane in frigorifero senza raggrinzirsi, contenere miliardi ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 15, 2016, 18:09
Me ne frego altamente che ci siano più mondi nello stesso mondo e che a ognuno tocchi restare nel proprio. Non voglio che il mio mondo sia un sottoinsieme A che non intersechi in alcun modo gli altri (B, C o D), che il mio mondo sia una patata ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 15, 2016, 18:05
Un giorno, mio padre mi ha detto che gli faccio paura, perché non bisogna giocare a questo gioco, bisogna saper abbassare gli occhi per conservare lo sguardo di un bambino. Ma io gli occhi non riesco a chiuderli, restano spalancati e qualche volta ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 13, 2016, 14:36
Basta guardarsi intorno. Basta osservare lo sguardo delle persone, contare quelli che parlano da soli o che farneticano, basta prendere la metropolitana. Ho pensato agli effetti secondari della vita, quelli che non sono menzionati in nessuna ... Continua...
Pag. 201
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi