Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gli elefanti hanno buona memoria

Di

Editore: Mondadori (Oscar gialli, 163)

3.7
(825)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 174 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Francese , Ceco , Portoghese

Isbn-10: 8804302763 | Isbn-13: 9788804302766 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Diana Fonticoli

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Gli elefanti hanno buona memoria?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il caso è risolto e archiviato: duplice suicidio. Ma quando la giovane Celia Ravenscroft decide di sposarsi, l'inquietante interrogativo sulla sorte dei suoi genitori trovati morti su una scogliera nei pressi della loro villa in Cornovaglia e ritenuti, appunto, suicidi, torna d'attualità e l'inchiesta si riapre. La tesi del suicidio è ancora valida, oppure è stata la madre a uccidere il padre o viceversa? Ariadne Oliver, la celebre scrittrice di gialli, si sente in dovere di intervenire in quanto amica della defunta mamma della sposa... ma occorrerà anche questa volta la genialità di Hercule Poirot per risolvere l'intricato puzzle. Uno degli ultimi romanzi di Agatha Christie (1972), dall'intreccio appassionante e "raffinato", come sempre.
Ordina per
  • 3

    Pochissime sorprese per un giallo dai toni dimessi (persino la strampalata Ariadne Oliver è sottotono e quasi malinconica!) e abbastanza prevedibile nella soluzione. Ci avviciniamo lentamente a 'Sipar ...continua

    Pochissime sorprese per un giallo dai toni dimessi (persino la strampalata Ariadne Oliver è sottotono e quasi malinconica!) e abbastanza prevedibile nella soluzione. Ci avviciniamo lentamente a 'Sipario', epilogo delle avventure di Poirot...

    ha scritto il 

  • 4

    " La gente dimentica. Non come gli elefanti . Gli elefanti , a quanto dicono. hanno un'ottima memoria. "

    "Poirot e la strage degli innocenti " mi aveva fatto sorgere il dubbio, questo libro invece me lo ha definitivamente confermato : Ariadne Oliver è l'alter ego di Aghata Christie. Proprio lei tirerà de ...continua

    "Poirot e la strage degli innocenti " mi aveva fatto sorgere il dubbio, questo libro invece me lo ha definitivamente confermato : Ariadne Oliver è l'alter ego di Aghata Christie. Proprio lei tirerà dentro l'investigatore belga in una caccia alla verità su di una coppia protagonista , a quanto si dice, di un suicidio premeditato, avvenuto molti anni prima. Poirot e la scrittrice di gialli si immergeranno in una ricerca a ritroso nel tempo servendosi degli "elefanti", ovvero quelle persone che hanno un ottima memoria appunto come gli animali citati.
    Come sempre un bel libro (anche se x una volta , finalmente, sono riuscito a semi indovinare il finale).
    La Christie è una garanzia !

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura scorrevole

    Una lettura scorrevole niente di più. Si intuisce già a metà racconto come si sono svolti i fatti, e sembra rifarsi ad un mondo distante da quello in cui i fatti si svolgono.

    ha scritto il 

  • 3

    Per fortuna gli uomini sanno dimenticare...

    Non all'altezza di altri grandi libri scritti da zia Agatha. La trama non è appassionante e anche il finale è facilmente intuibile. Poirot non è molto presente salvo,come sempre, arrivare verso la fin ...continua

    Non all'altezza di altri grandi libri scritti da zia Agatha. La trama non è appassionante e anche il finale è facilmente intuibile. Poirot non è molto presente salvo,come sempre, arrivare verso la fine con le sue spiegazioni "da cellule grigie superiori" e risolvere il mistero. Da quanto ne so è l'ultimo romanzo scritto dalla Christie ad avere come protagonista Poirot e pur essendo carino non è di certo imperdibile. Per fortuna gli uomini sanno dimenticare...ma non solo gli elefanti hanno buona memoria... E quindi tutti i fan della Christie possono andare a rileggersi i suoi grandi capolavori!

    ha scritto il 

  • 4

    Non sto neanche a polemizzare sul fatto che la Christie, di intrecci, ne ha confezionati di migliori: aveva ben 82 anni quando scrisse questo gioiellino, cerchiamo di comprendere.
    Però se mi venite a ...continua

    Non sto neanche a polemizzare sul fatto che la Christie, di intrecci, ne ha confezionati di migliori: aveva ben 82 anni quando scrisse questo gioiellino, cerchiamo di comprendere.
    Però se mi venite a dire che, almeno un pochino, non vi ha fatto commuovere, o riflettere su cosa siano i veri sentimenti, l'Amore in primis, allora vi debbo andare contro.
    E poi non trovate toccante questo fatto di voler esorcizzare, già con il titolo, "Gli elefanti hanno buona memoria", il peso incombente della vecchiaia che a quel tempo gravava su Agatha? Io sì...

    Di solito nei suoi libri cerco, quasi sempre, raffinatezza, classe, e un pizzico d'ironia british, che non guasta mai:
    ancora una volta, miei cari signori, Agatha non è riuscita a deludermi!

    ha scritto il