Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gli incubi di Hazel

Di

Editore: Newton Compton

3.6
(1484)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 240 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8854112089 | Isbn-13: 9788854112087 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback , eBook

Genere: Children , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Gli incubi di Hazel?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Hazel è un allegra bambina ospite,con l'antipatico cuginetto,della terribile zia Eugenia.In soli tre giorni scoprirà che il vecchio maniero è abitato da insolite e curiose creature...
Ordina per
  • 3

    Incubi di una bambina, mostri creati dalle fantasie infantili che potrebbero fare rabbrividire anche il più duro essere umano, storia cupa e tenebrosa; tutto farebbe pensare ad una perfetta fiaba nera che coinvolge fino all'ultimo istante in un susseguissi si eventi cupi e coinvolgenti. Niente di ...continua

    Incubi di una bambina, mostri creati dalle fantasie infantili che potrebbero fare rabbrividire anche il più duro essere umano, storia cupa e tenebrosa; tutto farebbe pensare ad una perfetta fiaba nera che coinvolge fino all'ultimo istante in un susseguissi si eventi cupi e coinvolgenti. Niente di tutto ciò, certo l'idea è interessante, ma purtroppo la scrittura troppo lenta non regge e la storia non intriga come nelle ottime premesse.

    ha scritto il 

  • 5

    Che libretto delizioso!
    Dopo aver raccolto un consiglio online, l'ho trovato in un mercatino del libro usato in perfette condizioni, ancora più bello di quanto immaginassi: chi ha questo libro e sa come è fatta la sua copertina, saprà di costa sto parlando.
    Una bella storia, questa, p ...continua

    Che libretto delizioso!
    Dopo aver raccolto un consiglio online, l'ho trovato in un mercatino del libro usato in perfette condizioni, ancora più bello di quanto immaginassi: chi ha questo libro e sa come è fatta la sua copertina, saprà di costa sto parlando.
    Una bella storia, questa, per bambini ma non per forza, che stupisce ma non necessariamente spaventa (a morte). Anche se si potrebbe restare basiti di quello che una mente di dieci anni può pensare.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Gli incubi di Hazel di Leander Deeny - Recensione #1

    Ecco il link della mia video recensione: https://www.youtube.com/watch?v=cNtz8ORg_DE. Buona visione!

    ha scritto il 

  • 3

    Come si possono sopportare tre settimane dall’odiosa zia Eugenia, dato che i tuoi genitori partiranno per un viaggio lavorativo? Semplice, non si sopportano. Zia Eugenia, sorella della madre di Hazel, è una vedova tiranna che maltratta il figlio Isambard e la poca servitù rimasta, in seguito alle ...continua

    Come si possono sopportare tre settimane dall’odiosa zia Eugenia, dato che i tuoi genitori partiranno per un viaggio lavorativo? Semplice, non si sopportano. Zia Eugenia, sorella della madre di Hazel, è una vedova tiranna che maltratta il figlio Isambard e la poca servitù rimasta, in seguito alle perdite per debiti di gioco del defunto marito di questa. Hazel non sopporta la zia, che trova stupido tutto il mondo, tranne il taciturno Isambard, sempre preso dallo studio. Ma Isambard è anche un inventore e, per far amicizia con Hazel, le mostrerà le sue creazioni: il povero cane con la testa di legno, che non può vedere e sentire le cose, le anatre nello stagno che, traumatizzate, si rifugiano nel fumo, i due maiali siamesi, uniti per una zampa in seguito alla perdita di una di queste da parte di uno dei due. Ma Hazel scoprirà che non sono le uniche creature strane che abitano nel giardino della dimora diroccata della zia Eugenia: vi sono anche tre strane creature, incroci tra vari animali. Questi non sono altri che gli incubi della zia: il loro compito è spaventarla tutte le notti (ecco spiegato il nervosismo di Eugenia). Hazel è più che contenta di prender parte agli incubi notturni con i suoi nuovi amici, ma ben presto scoprirà il vero intento di chi manovra le tre creature. Un racconto adatto soprattutto ai più piccoli, una piccola storia dell’orrore che allieterà, senza immagini cruente o varie violenze, un pubblico di lettori in erba, che sicuramente amerà lo struzzirana, il gorilloparda ed il pitospino, che lo porteranno a capire anche il valore dell’amicizia.

    "Non è facile fare amicizia. Anche se coloro con cui cerchi di fare amicizia non sono struzzirana o gorillopardi o pitospini, o assassini o pazzi. La gente è complicata, sola, arrabbiata o ansiosa: è così e basta. Ma devi provarci lo stesso. Per quanto la gente ti possa spaventare, devi decisamente cercare di conoscerla."

    ha scritto il 

  • 4

    Libro dark molto carino. Anche se è consigliabile la lettura ai genitori che non vogliono credere ai propri figli e si ostinano a ritenere brave persone coloro che secondo loro mai potrebbero nuocere ai loro figli. Converrebbe avere almeno qualche riserva e restare a guardare.

    ha scritto il 

  • 4

    Hazel ha 10 anni quando la mamma e il
    papà le avevano annunciato che sarebbero andati in Egitto
    per tre settimane senza di lei.
    Divenne di umore nero al solo pebnsiero di dove passare quei 21 giorni in casa della zia che tanto odiava.
    Zia Eugenia era una delle persone più ...continua

    Hazel ha 10 anni quando la mamma e il
    papà le avevano annunciato che sarebbero andati in Egitto
    per tre settimane senza di lei.
    Divenne di umore nero al solo pebnsiero di dove passare quei 21 giorni in casa della zia che tanto odiava.
    Zia Eugenia era una delle persone più cattive che avesse
    mai incontrato. Da giorno in cui perse il marito era diventata, scontrosa e maleducata, meditando a lungo su chi sfogare la sua rabbia, decidendo che forse la cosa migliore era sfogarla su
    chiunque le capitasse a tiro. Aveva l’aria di una che non dorme mai. La sua espressione era sempre triste e malinconica, resa ancor più grave dall'abbigliamento trasandato e dall'aspetto non curato. Il figlio Isambard sembrava ancor più bizzarro della madre, ma non molto noioso, il che era già
    qualcosa, anche se rimaneva seduto senza dire niente in quella loro lurida casa decadente, abitata da strane creature animali.
    Quelle tre settimane sarebbero state davvero interminabili. Cosa avrebbe fatto oltre a impazzire e andare su tutte le furie? Doveva trovare il modo di liberarsi...
    Hazel la buona, Eugenia la cattiva...

    ha scritto il 

  • 1

    .....

    Ma solo io l'ho odiato tanto?! Cercavo qualcosa di dark e comunque leggero con cui passare del tempo...ma....è stata una scelta tragica questo libro. Ho fatto una faticaccia assurda per finirlo tutto! Sarà per il mio scarso amore per gli animali fantastici..o la mia scarsa fantasia..ma..non mi ha ...continua

    Ma solo io l'ho odiato tanto?! Cercavo qualcosa di dark e comunque leggero con cui passare del tempo...ma....è stata una scelta tragica questo libro. Ho fatto una faticaccia assurda per finirlo tutto! Sarà per il mio scarso amore per gli animali fantastici..o la mia scarsa fantasia..ma..non mi ha lasciato nulla! Unica cosa positiva che è trovato è l'approfondimento psicologico dei personaggi e del personaggio ''cattivo'' in particolar modo...per il resto, che non me ne voglia Leander Deeny, io lo boccio senza ombra di dubbio! :D

    ha scritto il 

Ordina per