Gli indifferenti

Di

Editore: Alpes

3.8
(5304)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 320 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco

Isbn-10: A000148887 | Data di pubblicazione:  | Edizione 4

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Gli indifferenti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    dal blog Giramenti

    https://gaialodovica.wordpress.com/2016/01/27/gli-indifferenti-di-alberto-moravia-receslawa-per-il-reading-challenge-2016-e-con-la-ciliegina-della-recensione-facciale/

    ha scritto il 

  • 0

    E’ che tutti condividevano i propri buoni propositi per il 2016 ed io non ne avevo alcuno.
    Sulla mia persona? No importante.
    Sulla mia famiglia? C’è dietro tanto ‘lavoro’.
    Sui miei pensieri? Da anni c ...continua

    E’ che tutti condividevano i propri buoni propositi per il 2016 ed io non ne avevo alcuno.
    Sulla mia persona? No importante.
    Sulla mia famiglia? C’è dietro tanto ‘lavoro’.
    Sui miei pensieri? Da anni conosco e so come sono.
    Sulla mia visione del mondo? Ma se tutti siamo in balìa del ‘qui e ora’.
    Sulla pace nel mondo?! Ecco, sì…naaaa, inflazionata ‘sta roba.
    Sulle mie letture, ecco sì!
    Le mie letture sono assolutamente mie, decise da me sempre e sempre e solo dipendenti dal mio tempo.
    Pfiuiiii: trovato dunque il buon proposito del 2016: leggere tutto Moravia, come da Wiki.
    Ed ecco il primo, sempre come da Wiki, anno 1929.
    Mi stupisco oggi come il caro Moravia, compagno della mia infanzia, in 5 personaggi e pochissimi giorni narrativi abbia la spudorata capacità, per me ora e per l’epoca allora, di delineare benissimo caratteri, ambienti, luoghi, sentimenti,movimenti e piazzare una bomba che non deflagrerà nel romanzo stesso, ma dopo, nella società attorno forse e comunque nella vita di alcuni, di questo sono certa.
    Carla, Leo, Mariagrazia, Michele e Lisa compendieranno e disegneranno tutta una gamma di ‘esseri’ e di ‘essere’.
    La ‘finta ingenua’, l’approfittatore, la vecchia babbiona, il vero indifferente Michele che vive e progetta tutto nella sua mente e in questa mente ha vissuto tutto, e Lisa comparsa ‘utile’ ma non indispensabile, la ‘cara amica’ che ancora adesso si ritrova in molti ambienti.
    E’ il trionfo dell’indifferenza, sì. Non so dire se connaturato all’ambiente, all’educazione, all’epoca o ai caratteri che queste cose producono. Ripeto, alla fine avrete la sensazione di una bomba che scoppierà, sapete anche dove e come, e ciò vi sembrerà assolutamente naturale che accada.
    Peccato, comunque, non saper caricare una pistola….

    ha scritto il 

  • 4

    Questa finta moralità, questo perbenismo borghese e fasullo impresso su tutto il libro dà un profondo senso di amarezza al lettore che non riesce a scrollarsi via nell'approssimarsi delle vicende. Cos ...continua

    Questa finta moralità, questo perbenismo borghese e fasullo impresso su tutto il libro dà un profondo senso di amarezza al lettore che non riesce a scrollarsi via nell'approssimarsi delle vicende. Così triste la mancanza di emozioni e sentimenti che rende dolorosa l'indifferenza in sè e non lascia vie di scampo ad un libro pesante da mandare giù.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Finito il libro, rimane l'amaro in bocca, tipico di quelle storie senza speranza. Fino all'ultimo aspetti un'epifania dei personaggi, e invece niente.
    Da leggere, e rileggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Moravia racconta in maniera oggettiva e salubre l’inadeguatezza nella società borghese e delle persone di cui fanno parte. I personaggi della storia sono immersi e svuotati in un condimento di falsità ...continua

    Moravia racconta in maniera oggettiva e salubre l’inadeguatezza nella società borghese e delle persone di cui fanno parte. I personaggi della storia sono immersi e svuotati in un condimento di falsità e indifferenza, di vano desiderio accennato nella “valorizzazione” formale dei rapporti umani. Moravia le mostra questa vanità, e queste ipocrisie; il lettore potrà ben accorgersi specialmente dai teatrali e bellissimi dialoghi nel romanzo. Lo scrittore in ciò è bravo; riesce a descrivere la “forma” dei personaggi, ovvero di come loro appaiono, e al contempo è in grado di descrivere il loro reale aspetto interiore; in poche parole una volta che li smaschera dalla loro falsità e ce li mostra così come sono. Qui ricorda Pirandello, e la similitudine non è azzardata.
    Per certi versi Gli Indifferenti è un romanzo tragico, ma proprio perché Moravia testimonia oggettivamente, quasi banalmente, la "doppiezza" di un certo tipo di società, diventa una storia alquanto caricaturale, grottesca.

    ha scritto il 

  • 4

    Scenografico

    Ogni volta che mi trovo ad esprimere un parere su un qualche mostro sacro della letteratura, mi sento come quei bambini che voglio provare ad andare in bici senza rotelle per la prima volta. Sanno che ...continua

    Ogni volta che mi trovo ad esprimere un parere su un qualche mostro sacro della letteratura, mi sento come quei bambini che voglio provare ad andare in bici senza rotelle per la prima volta. Sanno che si può fare, ma hanno paura di commettere qualche errore fatale e lì cadere.

    Ecco, con questo libro è così. Gli indifferenti è la prima opera di Moravia che leggo.

    Ha un incedere da dramma, con ritmi molto teatrali. I personaggi sono ben inquadrati sin dalla prima battuta, raccolti in un’aura di meschinità e, appunto, di indifferenza.

    Insopportabili Mariagrazia (vedova e madre di famiglia) e Leo (suo amante). Ripugnanti Carla e Lisa.

    Michele, invece, fa quasi tenerezza. Un indifferente incapace di ritrovarsi nelle regole del mondo, ma da queste disastrosamente travolto. Un grande spaccato della società borghese in decadenza durante il ventesimo secolo, offerto con sapiente ironia da un maestro della letteratura italiana.

    ha scritto il 

  • 5

    Immenso

    Questo libro non ha uno stile facile. Se non guardate alla vita come a un palcoscenico, se tendete a parlare più che a guardare e osservare, allora questo libro non fa per voi. Se invece camminate per ...continua

    Questo libro non ha uno stile facile. Se non guardate alla vita come a un palcoscenico, se tendete a parlare più che a guardare e osservare, allora questo libro non fa per voi. Se invece camminate per strada e guardate le persone e vi sembrano vuote, "Gli indifferenti" vi catturerà.

    ha scritto il 

  • 5

    SOS autenticità:la farsa della vita

    Un romanzo incredibile e di una modernità strabiliante. Il diciottenne Moravia racconta teatralmente in maniera disillusa e disincantata gli intrighi amorosi di una famiglia altolocata di Roma del ven ...continua

    Un romanzo incredibile e di una modernità strabiliante. Il diciottenne Moravia racconta teatralmente in maniera disillusa e disincantata gli intrighi amorosi di una famiglia altolocata di Roma del ventennio del Novecento.L'ipocrisia profonda si disvela e dipana soprattutto attraverso il contrasto tra le azioni effettive e i pensieri dei 5 protagonisti,di cui Moravia assume alternativamente il punto di vista,che si rivelano consapevoli della loro falsità.La vanità per il proprio status sociale e la venalità delle loro occupazioni ne fanno da corollario. Michele fa fatica ad adeguarsi ad un esistenza falsa e ciò gli provoca un malessere profondo e un ' apatia esistenziale nei confronti di tutto e di tutti: ecco il prodromo della Noia Moraviana. Egli non riesce a a credere in qualcosa o qualcuno,come direbbe lui ad avere "fede",non riesce a provare un sentimento autentico che dia prova di senso alla sua esistenza,non riesce a vivere in maniera "tragica" come vorrebbe.Bloccato nell'atarassia,si sente solo con la profondità delle sue riflessioni,in una società che non da spazio,nemmeno in ambito familiare, all'indagine psicologica ma che vive nell'indifferenza più totale.E la domanda sorge spontanea:c'è ancora spazio per l'autenticità in una società del genere?

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per