Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gomorra

Di

Editore: Mondadori Scuola

4.1
(13789)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 247 | Formato: Copertina morbida e spillati | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese , Svedese , Catalano , Finlandese , Olandese , Portoghese , Norvegese , Sloveno , Ungherese , Polacco , Ceco

Isbn-10: 8824728383 | Isbn-13: 9788824728386 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Political

Ti piace Gomorra?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con questo primo libro,a metà tra il romanzo e il reportage,Roberto Saviano si propone un obiettivo semplice e ambizioso,ben sintetizzato da una frase di Hannah Arendt:"comprendere cosa significa l'atroce,non negarne l'esistenza,affrontare spregiudicatamente la realtà".
Gomorra nasce infatti dal desiderio di non chiudere gli occhi,di non mettere a tacere la propria voglia di sapere e di vivere davanti alla violenza del "Sistema"camorristico.
Saviano ci consegna così un quadro vivido di quel mondo criminale e del suo immane potere: con i suoi uomini,le sue strutture gerarchiche,gli affari,la geografia,lo sfondo sociale,le vittime,i miti.Il suo "viaggio nell'inferno"è un documento palpitante di denuncia e di rabbia.Ma è anche un'indagine profonda su fondamentali meccanismi della società tardocapitalistica,là dove l'illegalità si confonde con la politica e il mercato,all'insegna del business e della circolazione globale delle merci.
Gomorra è un duro,emozionante ritratto dei nostri tempi,ma da quest'esperienza,vissuta con sconcertante generosità,l'autore emerge come da un percorso iniziatico,imparando a non abbassare lo sguardo davanti alla violenza dei clan e alla loro cultura di morte.
Ordina per
  • 5

    É un libro che ti entra dentro. E ogni qualvolta vedi, senti, intuisci qulcosa non puoi non fare a meno di pensarci. Ti apre un mondo. E la bellezza del libro consiste anche in chi l'ha scritto, un ragazzo, che aveva tanto da guadagnare e invece ha perso quasi tutto. A gente come lui c'è sol ...continua

    É un libro che ti entra dentro. E ogni qualvolta vedi, senti, intuisci qulcosa non puoi non fare a meno di pensarci. Ti apre un mondo. E la bellezza del libro consiste anche in chi l'ha scritto, un ragazzo, che aveva tanto da guadagnare e invece ha perso quasi tutto. A gente come lui c'è solo da dirgli grazie. Per il servizio civile che rende al paese, per rischiare la vita ogni santissimo e maledettissimo giorno. Per aprirci gli occhi a suon di parole, affinché tutti ci mobilitiamo per finirla con questo presente senza futuro.

    ha scritto il 

  • 5

    Libro con la L maiuscola

    "Si crede stupidamente che un atto criminale per qualche ragione debba essere maggiormente pensato e voluto rispetto a un atto innocuo. In realtà non c'è differenza. I gesti conoscono un'elasticità che i giudizi etici ignorano".

    ha scritto il 

  • 0

    ... Tempo: vita

    E' già 2 volte che affronto Gomorra" ma ... Non e' periodo. Forse sono presa dalla voglia di avere un lavoro mio (ed ecco che lavoro come una schiava"), università da finire ... Libri da aprire. Ho letto la prima parte: bello, vero e crudo ... Tante volte in Italia si preferisce il silenzio che l ...continua

    E' già 2 volte che affronto Gomorra" ma ... Non e' periodo. Forse sono presa dalla voglia di avere un lavoro mio (ed ecco che lavoro come una schiava"), università da finire ... Libri da aprire. Ho letto la prima parte: bello, vero e crudo ... Tante volte in Italia si preferisce il silenzio che la verità. Da ri- leggere assolutamente nella mia vita.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi è sembrato di rivedere tutti i telegiornali degli ultimi 15anni. Nomi e storie già sentiti. Forse solo le dinamiche sono state finalmente chiarite, ma per il resto è una storia già vista, già sentita e che purtroppo non è ancora finita. 4 stelle stile un po' noioso.

    ha scritto il 

  • 5

    un pugno nello stomaco

    c'è poco da dire dopo aver letto questo libro.
    aiuta ad aprire gli occhi, a capire quello che succede e che avviene proprio sotto il nostro naso. un romanzo-inchiesta che non lascia indifferenti.
    bellissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Non so se avrò mai la lucidità adatta a scrivere un commento razionale e ragionato su questo libro. Posso solo dire che ho impiegato un bel po' a leggerlo, lasciando trascorrere un po' di tempo tra un capitolo è l'altro, per poter soppesare, riflettere e digerire completamente (per quanto possibi ...continua

    Non so se avrò mai la lucidità adatta a scrivere un commento razionale e ragionato su questo libro. Posso solo dire che ho impiegato un bel po' a leggerlo, lasciando trascorrere un po' di tempo tra un capitolo è l'altro, per poter soppesare, riflettere e digerire completamente (per quanto possibile) ogni informazione recepita. Per quanto si possa avere un'idea generale dell'argomento trattato, leggere su carta bianca nomi, date, dati e fatti precisi, è sconvolgente, e a tratti nauseante. La scrittura, estremamente genuina, rende la lettura ancora tanto più scorrevole, quanto ancora più difficile digerirne i contenuti.

    "In terra di camorra, combattere i clan non è lotta di classe, affermazione di diritto, riappropriazione della cittadinanza.
    Non è la presa di coscienza del proprio onore, la tutela del proprio orgoglio.
    È qualcosa di più essenziale, di ferocemente carnale.
    In terra di camorra conoscere i meccanismi d’affermazione dei clan, le loro cinetiche d’estrazione, i loro investimenti significa capire come funziona il proprio tempo in ogni misura e non soltanto nel perimetro geografico della propria terra.
    Porsi contro i clan diviene una guerra per la sopravvivenza, come se l’esistenza stessa, il cibo che mangi, le labbra che baci, la musica che ascolti, le pagine che leggi non riuscissero a concederti il senso della vita, ma solo quello della sopravvivenza.
    E così conoscere non è più una traccia di impegno morale. Sapere, capire diviene una necessità.
    L’unica possibile per considerarsi ancora uomini degni di respirare."

    ha scritto il 

  • 5

    Scritto in modo febbricitante...

    ...e collerico: ma mi rimane il dubbio che quanto si legge sia tutto vero; perché se lo é, come paese non ci salva nessuno.
    I fatti successivi a Gomorra, purtroppo, non fanno che confermarlo nel suo peggio.
    Comunque da leggere, sia per coscienza civile che per assaporare la furia dell ...continua

    ...e collerico: ma mi rimane il dubbio che quanto si legge sia tutto vero; perché se lo é, come paese non ci salva nessuno.
    I fatti successivi a Gomorra, purtroppo, non fanno che confermarlo nel suo peggio.
    Comunque da leggere, sia per coscienza civile che per assaporare la furia delle parole.

    ha scritto il 

Ordina per