Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gotica

’Ndrangheta, mafia e camorra oltrepassano la linea

Di

Editore: Round Robin (Fuori rotta 4)

4.0
(26)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 306 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8895731263 | Isbn-13: 9788895731261 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Crime , Political

Ti piace Gotica?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Voto di scambio, corruzione elettorale, acquisizione societarie tramite usura, pizzo camuffato da servizi alle imprese, droga, incendi e minacce. Epifenomeni di un virus letale che dalla periferia Sud dell'Italia ha risalito la penisola, con uomini, mezzi e risorse. Un esercito che corrompe, paga, esige. E quando è necessario spara. Benvenuti a Gotica, oltre la linea della Resistenza. Un viaggio che attraversa il nord fino ad entrare nel suo midollo più oscuro e controverso, quello dominato da 'ndrangheta, mafia e camorra. Sulla locomotiva economica del Paese anche i clan hanno trovato spazi di trattativa. E aldilà degli appennini tosco-emiliani, politici e imprenditori corrotti che si nutrono del potere dei clan restandone poi fagocitati. Il sistema non fa sconti, non esistono padroni fuori dalle "famiglie". Una testimonianza portata in prima persona da un cronista di origine calabrese che vive a Modena ormai da anni. Da quando nell'estate del 1989 a Bovalino, nel cuore della Locride sovrastata da San Luca e Platì , un giovane bancario integerrimo e onesto veniva ammazzato a colpi di lupara mentre tornava a casa. Un omicidio come tanti, in Calabria, che resterà sostanzialmente irrisolto. Quell'uomo era suo padre. Questa storia parte da lì.
Ordina per
  • 3

    La mafia al nord

    Giovanni Tizian è un giornalista di origine calabrese cui la 'ndrangheta ha ucciso il padre e che ha dedicato la propria vita professionale a raccontare i fatti delle mafie, ed in particolare della ...continua

    Giovanni Tizian è un giornalista di origine calabrese cui la 'ndrangheta ha ucciso il padre e che ha dedicato la propria vita professionale a raccontare i fatti delle mafie, ed in particolare della 'ndrangheta, fuori dei loro luoghi di origine. Questo libro è uno dei "figli" di Gomorra il cui scopo è far capire che il centro-nord non è immune dal fenomeno mafioso, e che fin dai tempi degli sciagurati provvedimenti di confino si è creata una penetrazione, talvolta anche una connivenza, che non si vede ma si sente in tanti aspetti, soprattutto della vita professionale ma anche dell'intrattenimento (discoteche, videopoker, bar, ecc.). Nomi, cognomi, stralci di intercettazioni, connivenze, ma soprattutto i dettagli di come le mafie hanno invaso il centro nord per riciclare i capitali illeciti. Il libro non è particolarmente bello come opera letteraria, ma utilissimo come opera giornalistica.

    ha scritto il 

  • 5

    Di Giovanni avevo sempre sentito parlare a lungo, leggevo le sue inchieste su Narcomafie durante i primi campi di lavoro e le prime attività in alcune associazioni antimafia operanti a Bologna e ...continua

    Di Giovanni avevo sempre sentito parlare a lungo, leggevo le sue inchieste su Narcomafie durante i primi campi di lavoro e le prime attività in alcune associazioni antimafia operanti a Bologna e Rimini. Abbiamo avuto il piacere e l'onore di averlo ospite con noi in un gelido pomeriggio di Novembre a Rimini, un anno prima che venisse messo sotto scorta per quello che diceva, che raccontava, che scriveva. Immagino (posso solo fare questo) sia duro cambiare la propria vita, perché c'è qualcuno che vuole impedire che tu pensi e che tu scriva. Non certo favole ma connivenze documentate dagli atti, storie di criminalità organizzata che è diventata sistema anche in una regione tradizionalmente (fino a poco tempo fa) considerata immune dalle mafie. Si usava dire "abbiamo gli anticorpi democratici". Eppure sono arrivate tutte, mafie nostrane e straniere. C'è chi ha dormito e chi - come Giovanni - ha scelto di parlarne, perché parlare ed informare è il primo passo per prendere consapevolezza. Poteva come tanti prendere e partire, come cantano i Modena City Ramblers ne "I cento passi", eppure lui ha preso questa strada. E il minimo che possiamo fare è dimostrargli vicinanza. Al di là della biografia, un'opera vivamente consigliata, anche per chi si avvicina a questo tema per la prima volta. Ci troverà dentro tutta la brutalità e la mancanza di pudore dei clan mafiosi)

    ha scritto il 

  • 3

    L'estate scorsa durante un campo di Libera ho conosciuto Giovanni Tizian nella veste di familiare di una vittima di 'ndrangheta. Non sapevo che fosse un giornalista. Quando quest'inverno ho saputo ...continua

    L'estate scorsa durante un campo di Libera ho conosciuto Giovanni Tizian nella veste di familiare di una vittima di 'ndrangheta. Non sapevo che fosse un giornalista. Quando quest'inverno ho saputo che era stato messo sotto protezione per la minacce ricevute (e dopo aver letto questo libro se ne capisce il motivo) non ho potuto fare a meno di comprare il suo libro, anche solo per manifestare la mia solidarietà nei suoi confronti. Un libro di inchiesta serio, rigoroso, come lo è questo giovane giornalista calabrese emigrato al Nord. Devo dire che ho fatto un po' di fatica a leggerlo perchè forse è troppo pieno di nomi, luoghi e intrecci illeciti. Un po' come certi servizi di Report, impeccabili, ma un po' pesanti da seguire. Alcune storie invece sono raccontate con uno stile un po' più "emotivo" (che Tizian definisce "romanzato") e sono quindi più coinvolgenti come, per esempio, la storia di Lea Garofalo e di sua figlia Denise. Un libro comunque importante per capire, se ancora ci fosse chi ne dubita, quanto le mafie hanno colonizzato il Nord Italia.

    PS In caso di ristampa (che auguro con tutto il cuore) consiglio un più accurato lavoro di correzione dei refusi.

    ha scritto il 

  • 4

    inquietante

    Si davvero preoccupante la situazione delle regioni del nord attaccate da mafia, camorra, 'ndrangheta. Bisognerebbe fare un monumento a Giovanni che deve girare sotto scorta e che definisce nei ...continua

    Si davvero preoccupante la situazione delle regioni del nord attaccate da mafia, camorra, 'ndrangheta. Bisognerebbe fare un monumento a Giovanni che deve girare sotto scorta e che definisce nei particolari i meccanismi illegali delle associazioni mafiose (anzi dovrebbe essere un valido spunto per chi indaga). Un po' ingarbugliato nel finale con una serie di nomi e incroci di parentela da capogiro. Per lottare serve coraggio, onesta' e lotta all'omerta' e poter diffondere la cultura della legalita'. E alcuni consigli sono inseriti nel bellissimo epilogo, ad es. con la carta etica del professionista, chi e' coinvolto in fatti di mafia viene espulso dall'Ordine. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 0

    Dal presidio di Libera, in piazza per il 1° Maggio

    Diciamo che le modalità di acquisto gli meritano le tre stelle d'ufficio. Appena avrò modo di leggerlo vedremo se merita anche il resto. Buon 1° Maggio a tutti!

    ha scritto il 

  • 4

    Quante volte hai sentito la frase "no, qui al nord è tutta un'altra cosa"? È da far leggere questo libro a tutti quelli (leghisti compresi) che vivono nella mentalità dei confini e dei problemi ...continua

    Quante volte hai sentito la frase "no, qui al nord è tutta un'altra cosa"? È da far leggere questo libro a tutti quelli (leghisti compresi) che vivono nella mentalità dei confini e dei problemi 'confinati'; quelli che la mafia e la 'ndrangheta e la camorra sono solo al sud, quelli che a Milano tutto funziona.

    ha scritto il 

  • 0

    "Gotica" di Giovanni Tizian

    http://www.booksblog.it/post/9475/gotica-di-giovanni-tizian

    Finché le organizzazioni criminali, quelle italiane dai nomi spaventosi come ‘ndrangheta, mafia e camorra, restano “al di sotto del ...continua

    http://www.booksblog.it/post/9475/gotica-di-giovanni-tizian

    Finché le organizzazioni criminali, quelle italiane dai nomi spaventosi come ‘ndrangheta, mafia e camorra, restano “al di sotto del centro-italia”, sembra quasi che ci sia una specie di “assopimento” dell’opinione pubblica.

    ha scritto il 

  • 5

    La Mafia a Nord non esiste?

    Questo è uno di quei libri che dovrebbero assolutmente essere letti per comprendere pienamente il livello di degrado e corruzione presenti nel nostro paese. Tizian si propone il compito di confutare ...continua

    Questo è uno di quei libri che dovrebbero assolutmente essere letti per comprendere pienamente il livello di degrado e corruzione presenti nel nostro paese. Tizian si propone il compito di confutare l'argomentazione secondo la quale le mafie sono un fenomeno che nasce e si sviluppa solo nel sud Italia.

    L'autore descrive, citando fonti giudiziare ed investigative, come la criminalità organizzata abbia conolizzato il civile Nord Italia, rendendolo una patria fertile per gli investimenti illeciti e falsamente leciti delle organizzazioni mafiose.

    Nei capitoli del saggio Tizian racconta gli svariati interessi della criminalità organizzata, che vanno dall'edilizia all'installazione di video poker nei bar, passando per i traffici di cocaina.

    Il quadro che ne esce fuori è di un'Italia corrotta, decadente e omertosa. I mafiosi, i camoristi e gli 'ndranghetisti pur non abbandonando le azioni violente, che nel Nord Italia sono usate con parsimonia, indossano i panni degli imprenditori e degli uomini d'affare.

    La lettura di questo testo lascia un amaro in bocca e un senso, per dirlo alla Pasolini, di "abominio della desolazione". Ora siamo ancora sicuri che le mafie nel Nord Italia non esistono?

    ha scritto il