Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Graffiti latini

By AA.VV.

(54)

| Paperback | 9788817172585

Like Graffiti latini ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Segni disarticolati, scomposti, distorti, che si accavallano gli uni sugli altri, talvolta parole discrete, talaltra espressioni sfacciate e oscene,occasionalmente semplici segni figurati di acceso realismo: gli antichi graffiti latini rompono non so Continue

Segni disarticolati, scomposti, distorti, che si accavallano gli uni sugli altri, talvolta parole discrete, talaltra espressioni sfacciate e oscene,occasionalmente semplici segni figurati di acceso realismo: gli antichi graffiti latini rompono non soltanto la "grammatica della lingua", ma anche la "grammatica della scrittura". Domina un'anarchia della disposizione che contesta continuamente programma, ordine e geometria delle iscrizioni pubbliche e private di rango istituzionale, restituendoci una letteratura marginale e straordinaria che nasceva nelle piazze, nei bordelli, nelle scuole, nelle osterie, nelle case private e negli edifici pubblici. Ne risulta un'immagine dell'antica Roma profondamente viva.

6 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    "Viene il fondato sospetto che l'uomo in venti secoli di storia non sia cambiato in nulla"

    Is this helpful?

    Claudio Cianferotti said on Aug 28, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Le sistematiche campagne di scavo inaugurate nel 1748 da Carlo III di Borbone non hanno portato alla luce soltanto Pompei, ma ampi illuminanti scorci della sua vita - nel senso più completo del termine! Infatti, anche grazie ai ritrovamenti avvenuti ...(continue)

    Le sistematiche campagne di scavo inaugurate nel 1748 da Carlo III di Borbone non hanno portato alla luce soltanto Pompei, ma ampi illuminanti scorci della sua vita - nel senso più completo del termine! Infatti, anche grazie ai ritrovamenti avvenuti in questo sito straordinario ci siamo affrancati da tutte le interpretazioni della storia romana che di scientifico avevano nulla o poco: si pensi ai manuali scolastici - nei quali i discendenti del troiano Enea venivano presentati come una stirpe di eroi forti e giusti - oppure ai pretestuosi "recuperi" di natura ideologica - Mussolini docet.
    Non è un caso che le iscrizioni raccolte in questa pregevole antologia provengano, per la maggior parte, proprio da Pompei: dalle ceneri della famosa eruzione del 24 agosto del 79 d.C. sono emersi, accanto ad ammirevoli edifici pubblici e privati, abbondanti testimonianze sui pompeiani e sulla loro concreta esistenza.
    Ed ecco che i graffiti ci parlano di elezioni politiche, di mestieri, di idoli dell'anfiteatro, di teneri amori, di contumelie e rendono umana una storia che deve rimanere tale. Più prossima a noi posteri!
    Ottime la prefazione e la postfazione.
    Due citazioni. 1) Nulla può durare in eterno:/il sole che già brillò, torna a tuffarsi nell'oceano,/decresce la luna che già fu piena,/la violenza dei venti spesso diventa lieve brezza. 2) Rimproverare gli amanti è come legare l'aria,/e impedire che sempre corrano le acque di fonte.

    Is this helpful?

    Antonio6060 said on Jun 5, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    é interessante scoprire come il detto "il mondo è paese" possa valere anche nella variante "ogni epoca è paese" (passatemi la licenza poetica): così come sui muri delle nostre città troviamo graffiti con frasi poetiche quali "ammmore non posso vivere ...(continue)

    é interessante scoprire come il detto "il mondo è paese" possa valere anche nella variante "ogni epoca è paese" (passatemi la licenza poetica): così come sui muri delle nostre città troviamo graffiti con frasi poetiche quali "ammmore non posso vivere senza te, esci con me?", o più burlesche come l'intramontabile "Scemo chi legge", allo stesso modo nella Pompei dell'antica Roma i muri hanno conservato frasi molto simili, anzi, anche più pittoresche....
    A voi capire cosa intendo leggendo questo libro.

    Is this helpful?

    Grock said on Feb 6, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Molto bello ed interessante! Questa raccolta raggruppa graffiti di ogni tipo, dai più colti e poetci fino ai più volgari e sconci, facendoci ammirare non solo la Roma dei grandi politici, delle campagne militari e delle orazioni in senato, ma anche l ...(continue)

    Molto bello ed interessante! Questa raccolta raggruppa graffiti di ogni tipo, dai più colti e poetci fino ai più volgari e sconci, facendoci ammirare non solo la Roma dei grandi politici, delle campagne militari e delle orazioni in senato, ma anche la Roma del popolo, di quella moltitudine di gente esclusa dal potere e dai privilegi che ha sempre costuito la maggior parte degli abitanti di ogni nazione. Davvero consigliato!

    Is this helpful?

    Nicola said on Jan 8, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (54)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 320 Pages
  • ISBN-10: 8817172588
  • ISBN-13: 9788817172585
  • Publisher: Rizzoli (BUR Classici antichi)
  • Publish date: 1998-01-01
Improve_data of this book