Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Grande numero

Testo polacco a fronte

Di

Editore: Libri Scheiwiller

4.6
(43)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 102 | Formato: Altri

Isbn-10: 8876444998 | Isbn-13: 9788876444999 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Ti piace Grande numero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con questo volume, l'ottavo, la Libri Scheiwiller prosegue la pubblicazioneintegrale delle raccolte della poetessa polacca Premio Nobel 1996. Unaproduzione particolarmente apprezzata oper l'ironia e la leggerezza, lacapacità disincantata di comprendere e insieme di prendere le distanze, daisentimenti, dalle illusioni come dalle delusioni.
Ordina per
  • 5

    IL TERRORISTA, LUI GUARDA

    La bomba esploderà nel bar alle tredici e venti.
    Adesso sono appena le tredici e sedici.
    Alcuni fanno in tempo a entrare,
    alcuni a uscire.


    Il terrorista ha già attraversato la strada.
    Questa distanza lo protegge da ogni male,
    e poi la vista è come al cinema:


    Una donna con il giacco ...continua

    La bomba esploderà nel bar alle tredici e venti. Adesso sono appena le tredici e sedici. Alcuni fanno in tempo a entrare, alcuni a uscire.

    Il terrorista ha già attraversato la strada. Questa distanza lo protegge da ogni male, e poi la vista è come al cinema:

    Una donna con il giaccone giallo, lei entra. Un uomo con gli occhiali scuri, lui esce. Ragazzi in jeans, loro parlano. Le tredici e diciassette e quattro secondi. Quello più basso è fortunato e sale su una vespa, quello più alto invece entra.

    Le tredici e diciotto. La ragazza non c'è più. Se è stata così stupida da entrare, oppure no, si vedrà quando li porteranno fuori.

    Le tredici e diciannove. Più nessuno che entri, pare. Invece esce un grassone calvo. Sembra che si frughi nelle tasche e alle tredici e venti meno dieci secondi rientra a cercare quei suoi miseri guanti.

    Sono le tredici e venti. Il tempo, come scorre lentamente. No, non ancora. Sì, ora. La bomba,lei esplode.

    ha scritto il 

  • 5

    2 febbraio 2012: in memoria di te

    Le parole meritano di esistere solo quando sono migliori del silenzio. Silenzio, dunque. L'unico modo per ringraziarti di ciò che mi hai lasciato.

    ha scritto il