Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Grandi speranze

By Charles Dickens

(100)

| Hardcover

Like Grandi speranze ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

332 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Oh, Dickens, dovrei leggere molto altro scritto da te...

    Grandi Speranze va letto.
    Non mi dilungherò sui perchè e sui percome questo dovrebbe accadere. Voi fatelo.
    E' un classico che vi farà pensare quanto i desideri sul cambiare la propria vita possano, quando realizzati, farti perdere proprio quello che ...(continue)

    Grandi Speranze va letto.
    Non mi dilungherò sui perchè e sui percome questo dovrebbe accadere. Voi fatelo.
    E' un classico che vi farà pensare quanto i desideri sul cambiare la propria vita possano, quando realizzati, farti perdere proprio quello che ti ha spinto a desiderare di avere una vita diversa.

    Is this helpful?

    Mauro Sanfilippo said on Jul 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    25 dicembre, I-II capitolo
    Siccome mi annoio molto e sento il bisogno di scrivere -ma nella solitudine aumenterebbe la solitudine- ho pensato di commentare, condividendolo (e servono a questo i social network, no?), il primo capitolo di questo libro ...(continue)

    25 dicembre, I-II capitolo
    Siccome mi annoio molto e sento il bisogno di scrivere -ma nella solitudine aumenterebbe la solitudine- ho pensato di commentare, condividendolo (e servono a questo i social network, no?), il primo capitolo di questo libro.
    Premetto che ho letto di Dickens solo Un canto di Natale e mi avventuro praticamente per la prima volta in questo autore.
    L'impressione immediata è l'irritazione non tanto per i personaggi della sorella e del marito, quanto per D. che ha voluto realizzarli in tal modo: troppo eccessivi e poco realistici.
    Però so che l'autore è famoso per il suo caleidoscopico mondo di personaggi, quindi accetterò questi due nell'attesa dell'incontro con gli altri.
    In tutto il capitolo ho percepito questa latente (tragi-)comicità, grottesca, che mi ha fatto sorridere. Inizio interessante, che risucchia nella sua narrazione. Mi sono fermata perché ho la noia della vita che mi schiaccia sotto il suo peso, ma non -assolutamente no- per il libro, che per adesso scorre liscio.
    Oh ecco che ritorna; mi fermo qui.

    Che recensione (?) del cazzo. Abbiate pazienza.

    30 giugno - 1 luglio 2014
    (Avevo scritto due parole che si sono magicamente cancellate. Ci riprovo.)

    Ho ripreso la lettura del libro; non credevo potesse farmi ridere tanto. La narrazione ha tratti fortemente ironici e grotteschi, l'umorismo stimola la risata e la riflessione, in quella che pur rimane un'atmosfera cupa, intensa, dalle vivide e vivace pennellate. La lettura scorre che è una meraviglia. (non ricordo a che capitolo sono arrivata)

    Is this helpful?

    Ste. said on Jul 8, 2014 | 3 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Capolavoro assoluto!

    Premetto che è stato un libro che mi hanno 'imposto' i professori a scuola e quindi già partivo prevenuta pensando che fosse una noia mortale,ma la verità è che è tra i miei libri preferiti e credo che lo rileggerò. Non pensavo di poter amare questo ...(continue)

    Premetto che è stato un libro che mi hanno 'imposto' i professori a scuola e quindi già partivo prevenuta pensando che fosse una noia mortale,ma la verità è che è tra i miei libri preferiti e credo che lo rileggerò. Non pensavo di poter amare questo libro così tanto,amo lo stile di Dickens, elegante ma allo stesso tempo si immedesima bene nell'ambiente in cui la storia si svolge. Ho letto questo romanzo in breve tempo per la scorrevolezza e perché ogni pagina mi spingeva ad andare avanti,a saperne di più perché la curiosità cresceva sempre. Mi è piaciuto molto il personaggio di Estella,questa donna dalla bellezza incantevole ma senza cuore,che non è in grado di provare sentimenti (ma che alla fine, invece, li prova eccome), un personaggio circondato da un certo mistero che a mio parere affascina parecchio.
    Mi è piaciuto come Dickens è riuscito ad intersecare in qualche modo tutti i personaggi tra loro,come ognuno di loro abbia avuto un ruolo importante,come ognuno abbia costituito un piccolo tassello,senza lasciare nessuno in secondo piano.
    Niente,è stato a dir poco fantastico e lo consiglio vivamente,infatti ho deciso di comprare altri libri di questo autore.

    Is this helpful?

    Santana said on Jul 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    uno solo di questi personaggi avrebbe potuto fare un romanzo a sè...

    Una vecchia, in una casa, con un abito da sposa ormai ingrigito, una scarpa in mano e un banchetto di nozze divorato dai topi e dai ragni... uno dei personaggi più affascinanti nei quali mi sia mai imbattuta. Certo, Pip mi ha fatto arrabbiare per gra ...(continue)

    Una vecchia, in una casa, con un abito da sposa ormai ingrigito, una scarpa in mano e un banchetto di nozze divorato dai topi e dai ragni... uno dei personaggi più affascinanti nei quali mi sia mai imbattuta. Certo, Pip mi ha fatto arrabbiare per gran parte del romanzo, ma giustamente la storia è la sua, miss Havisam era solo di contorno.... Dikens, più di tutti gli altri autori, gioca benssimo a fare Dio e qui ha superato se stesso!!!

    Is this helpful?

    Miriamglserrano said on Jul 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Di solito quando leggo un libro mi piace molto delineare il tratto psicologico del personaggio e , alla fine del libro ho sempre un idea ben precisa non solo dei protagonisti ma di tutti i personaggi .In questo libro invece mi è risultato difficile p ...(continue)

    Di solito quando leggo un libro mi piace molto delineare il tratto psicologico del personaggio e , alla fine del libro ho sempre un idea ben precisa non solo dei protagonisti ma di tutti i personaggi .In questo libro invece mi è risultato difficile perchè Pip è un personaggio strano ; da una parte fa compassione per via dei maltrattamenti subiti dalla sorella ma anche tenerezza perchè aiuta questo delinquente , però poi continuando rinnega in qualche modo tutto il suo passato e non è minimamente riconoscente per l'aiuto che il delinquente gli darà; si preoccupa più dei suoi beni e del suo patrimonio che dire almeno grazie a quest'uomo.
    Pip secondo me è un personaggio passivo nel senso che subisce gli atti e gli avvenimenti esterni e non reagisce minimamente a niente e questo lo si può vedere perché non lotta per il suo amore Estella anzi subisce i suoi comportamenti non poco piacevoli perchè è innamorato ma non fa nulla per dimostrarle che l'ama e quando viene a scoprire che si è sposata cosa fa? niente ma la cosa più più grave secondo me è che scoprendo la verità su suo padre non le dice nulla cosa che secondo me lei aveva il diritto di saperlo invece anche li non fa niente è diciamo quasi un inetto .
    Anche questa "non-storia" d'amore l'avrei approfondita in modo dettagliato ma la figura di Estella è quasi sfuggente ; è come se rimane nell'ombra per ricomparire a tratti a alla fine di tutta la vicenda quando si rincontrano nel giardino dove si videro la prima volta , i due rimangono solo come due amici e basta io avrei sperato che le dichiarava il suo amore e si fossero sposati perchè lui si è liberato di tutte le illusioni( non sono speranze sono speranze illusorie)e che finalmente avrebbero coronato il loro amore ; Pip perde completamente tutto dopo la morte dei suo benefattore e perde anche secondo me la voglia di sperare perchè alla fine va a vivere col suo amico Herbert e la sua famiglia e Estella che lo avrebbe potuto tirare fuori da una situazione così non lo fa .
    Lo consiglio di leggerlo in quanto è uno dei libri che mi ha coinvolto positivamente e negativamente ma mi ha lasciato un po di amaro in bocca e un 4 se lo merita tutto per colpa del finale

    Is this helpful?

    Hagrid said on Jun 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Grandi Speranze" è la prima opera di Charles Dickens che ho il piacere di leggere e devo dire che mi ha sorpresa perché l'ho trovata grandiosa.
    La storia è narrata dall'orfanello Pip che cresce nella povertà con la sorella maggiore e il cognato fabb ...(continue)

    "Grandi Speranze" è la prima opera di Charles Dickens che ho il piacere di leggere e devo dire che mi ha sorpresa perché l'ho trovata grandiosa.
    La storia è narrata dall'orfanello Pip che cresce nella povertà con la sorella maggiore e il cognato fabbro, ma questo non basta a Pip, dacché non appena egli incontra la ricca e orgogliosa Estella , vuole entrare nel suo mondo.
    Pip conosce Estella da bambino, quando invitato nella sontuosa Satis House per intrattenere il singolare personaggio della Signorina Havisham, la vede e se ne innamora perdutamente.
    Ma Estella disprezza Pip per la sua umile posizione sociale, per cui da subito egli comprende che Estella per lui potrà solo essere un sogno irrealizzabile. Almeno, finché un giorno Pip entra in possesso di una grande ricchezza che gli permetterà di crescere come un gentiluomo, le grandi speranze che danno il titolo al libro. Tutto questo grazie all'intervento di un benefattore che non vuole momentaneamente rivelare la sua identità, di conseguenza Pip non può fare a meno di interrogarsi su chi egli sia e dopo varie riflessioni giunge alla propria conclusione che il benefattore non può essere altro che la signorina Havisham, la quale vuole destinarlo alla figlia adottiva (cioè Estella).
    Mi ha sorpreso molto la caratterizzazione dei personaggi: ognuno ha una propria storia e proprio un percorso, dai principali come Pip, Estella a quelli secondari come la signorina Havisham e altri che vedremo in seguito.
    Ad ogni modo, appunto, ho adorato il realismo: diventato ricco gentiluomo, Pip non rimane il gentile ragazzino dal cuore d'oro, ma anzi dimentica gli affetti poiché prova vergogna per la differenza di ceto.
    Anni dopo, Pip ha l'occasione di rivedere Estella e anche se adesso la donna non lo deride più, lei mette ben in chiaro di essere incapace di provare sentimenti: la signorina Havisham ha allevato la bellissima figlia adottiva per vendicarsi del genere maschile, insegnandole sin da piccola a sedurre unicamente per spezzare i cuori, e a non concedersi mai (in seguito la stessa signorina Havisham svela in un momento di pentimento che "le ha rubato il cuore e ci ha messo il ghiaccio"). Pip rifiuta a credere alle parole di Estella e accecato dall'amore, crede solo agli incoraggiamenti della signorina Havisham ad amare la figlia sempre e comunque.
    Presto, però, a Pip viene rivelata la verità e l'identità del suo benefattore, cioè Abel Magwitch, un detenuto costretto ai lavori forzati che Pip aveva aiutato da bambino guadagnandosi l'affetto e l'eterna fiducia di Magwitch che da quel momento aveva risparmiato tutto il suo denaro per donarlo a quello che definisce "il suo ragazzo".
    Ancora una volta Pip non si smentisce e prova ripugnanza in quell'immagine di uomo rozzo e sporco che è il suo benefattore, il quale è addirittura evaso dall'Australia e giunto in Inghilterra per rivederlo.
    Allora, Pip ritorna da Estella e dalla signorina Havisham dicendo di sapere la verità riguardo al nome del benefattore e rinuncia definitivamente a Estella, la quale gli annuncia di essere prossima a sposarsi.
    Forse ho detto troppo e sarebbe bene fermarsi qui con la trama prima di rivelarla tutta, ma volevo comunque comunicare la bellezza del romanzo che non è tuttavia solo nella storia, ma anche nella scelta delle parole, nella caratterizzazione dei personaggi e nell'intreccio.
    Magistrale anche l'epilogo, in complesso un romanzo davvero ben riuscito e complesso, in esso è possibile trovarvi tutto: una storia d'amore tormentata, la lotta tra le diverse classi sociali, il significato della vera amicizia nel bisogno e la redenzione; tutto ciò è rappresentato da un singolo personaggio all'interno della storia, la quale è una delle migliori che io abbia mai letto.

    Is this helpful?

    Brontësaurus said on Jun 8, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book