Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Gravità zero

Di

Editore: Editrice Nord

3.8
(161)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 246 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8842911240 | Isbn-13: 9788842911241 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Maria Cristina Pietri

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Gravità zero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando Leo Graf, ingegnere spaziale della potente Ga-lacTech, giunge sulla stazione di Cay Habitat, che orbita attorno al pianeta Rodeo, si aspetta di svolgere un compito di ordinaria amministrazione, e cioè insegnare ad una classe di operai spaziali le tecniche più avanzate nel proprio campo. Ma non appena il responsabile del progetto, Bruce Van Atta, gli presenta il primo studente, Leo rimane letteralmente senza fiato... già, perché non si tratta di semplici operai, bensì di creature straordinarie prodotte dall'ingegneria genetica e destinate a vivere e lavorare in permanenza a gravita zero. Oltre ai numerosi mutamenti introdotti nel loro metabolismo, l'alterazione più spettacolare è la sostituzione degli arti inferiori con... un secondo paio di braccia. I quad, come essi vengono chiamati, sono creature simpatiche e affabili, in grado di riprodursi normalmente, e quindi si considerano come una nuova specie di umanità, mentre invece per l'industria spaziale che li ha creati non sono altro che schiavi in un mondo tecnologicamente avanzatissimo... E, infatti, non appena nuove sorprendenti scoperte rendono superfluo l'impiego dei quad, la GalacTech non vede altra soluzione se non quella di sbarazzarsene rapidamente, condannandoli all'esilio e all'emarginazione come "umani a metà"... E proprio allora Leo Graf sarà chiamato a guidare una rivolta senza precedenti, dove un popolo che non ha chiesto di nascere vuole ora affermare il suo diritto ad esistere, ma soprattutto a conquistare una patria nella quale vivere in libertà...
Scoprite l'indimenticabile creazione dell'autrice vincitrice di numerosi premi Hugo e Nebula con il celebre ciclo di romanzi dei "Vorkosigan".
Ordina per
  • 2

    titolo italiano gravita' zero: un'idea interessante ma la vicenda segue un percorso scontato e di scarsa intensita' drammatica. Inoltre l'approfondimento dei personaggi mi sembra superficiale

    ha scritto il 

  • 4

    ¡7!

    ¡Por fín un libro de ciencia-ficción que me ha gustado!. Llevo tiempo intentando qué éste Estilo entre en mi estantería, pero me va costando, algunos no los entiendo mucho, otros me parecen super largos, sin sentido en la extensión y otros no me gustan nada.
    La única pega que encuentro, a é ...continua

    ¡Por fín un libro de ciencia-ficción que me ha gustado!. Llevo tiempo intentando qué éste Estilo entre en mi estantería, pero me va costando, algunos no los entiendo mucho, otros me parecen super largos, sin sentido en la extensión y otros no me gustan nada.
    La única pega que encuentro, a éste libro, es que está muy resumido, como si fuese una especie de "preambulo", en el que se va estructurando, el principio de la Saga de Miles Vorkosigan.
    Lo digo porque aquí se da a conocer a los cuadrúmanos y está describiendo el éxodo y nacimiento de una nueva patria. Todo ello 200 años del nacimiento de Miles.
    Estoy esperando leer el primer libro, para saber si voy bien encaminada con mi observación y sobretodo para ver el comienzo de la vida y milagros del protagonista, que da nombre a la Saga.
    Aceptable y muy aconsejable, si mis espectativas son correctas, para toda la Saga.

    ha scritto il 

  • 4

    Aunque se incluye en la Saga de Miles Vorkosigan, no trata de él ni de su familia, aunque tiene lugar en el mismo universo. Personalmente es el primer libro que lei cuando comenzé con la saga. La acción tiene lugar aproximadamente 200 años antes del nacimiento de Miles. La empresa Galact Tech des ...continua

    Aunque se incluye en la Saga de Miles Vorkosigan, no trata de él ni de su familia, aunque tiene lugar en el mismo universo. Personalmente es el primer libro que lei cuando comenzé con la saga. La acción tiene lugar aproximadamente 200 años antes del nacimiento de Miles. La empresa Galact Tech desarrolla una nueva especie humana a través de ingeniería genética, los quadrúmanos, en los que las piernas han sido sustituidas por otro par de brazos con el fin de optimizar su trabajo en condiciones antigravitatorias. El libro cuenta la lucha del ingeniero Leo Graf por liberar a los quadrúmanos de su esclavitud.
    Interesante

    ha scritto il 

  • 4

    Ciencia ficción entretenida, rápida y divertida. ¡¡8!!

    Empezamos a leer esta saga mi pareja y yo, la de Miles Vorkosigan, con muuuucho miedo ya que las últimas que hemos probado bajo las recomendaciones de la gente no hemos conseguido ni terminar el primer libro. Hemos leído Caída libre en versión traducida porque no conseguíamos encont ...continua

    Empezamos a leer esta saga mi pareja y yo, la de Miles Vorkosigan, con muuuucho miedo ya que las últimas que hemos probado bajo las recomendaciones de la gente no hemos conseguido ni terminar el primer libro. Hemos leído Caída libre en versión traducida porque no conseguíamos encontrarla en v.o. inglés, hasta que buscando el segundo libro lo hemos encontrado y comprado.

    Pues oye: nos lo hemos pasado genial. Ciencia Ficción escrita por una mujer, Lois McMaster Bujold, a finales de los 80, lo que ya tiene mucho mérito, con un trasfondo molesto, incómodo, en ocasiones doloroso, que hace pensar si ser llamado ser humano no es más un insulto que otra otra cosa.
    Con un estilo ágil, rápido, limpio y divertido, con bastante ciencia por medio, mucha ingeniería, construye un libro que si quieres te hace pensar y sobretodo te lo hace pasar muy bien, o muy mal (je, je) con las venturas y desventuras de sus protagonistas. Nos lo hemos leído de una sentada. ¡Y te encuentras con numerosas frases tan buenas como para ser enmarcadas!

    Pegas: la 'relación romántica' que trata de montar en torno a los protagonistas del libro, que está pillada por los pelos y parece más una cosa de exigencia editorial, pues no acaba de tener demasiado sentido tal y como está escrita.
    Y la escenita del beso... a mí me ha impedido que le pusiera una nota más alta: sobra, falla, no cuadra, no pega, desmorona el magnífico ritmo del libro y me estropea el final. Parece eso, una exigencia de la editorial para conseguir que con la definición de novela romántica consiguiese ganar un público femenino. Y critico lo de esta teórica 'definición' porque nos hemos encontrado con que los libros de la saga de Miles Vorkosigan se encuadran dentro de un estilo de Ciencia Ficción Romántica. Ugh. Agh. En fín...
    En mi opinión, quitando la escenita el libro mejora.

    Y la segunda pega: La portada. ¿Alguien me puede decir qué narices es lo que aparece en la portada que se parezca en algo a lo del libro? ¿Alguien sabe qué se supone que es?
    Y es que nunc a comprenderé el tipo de portadas que se ponen a los libros de Ciencia Ficción y de Fantasía. ¿Podría hacerlas un poquito peor? Otro en fín...

    Lo dicho: me ha encantado el libro. Se lee muy rápido, es muy agradable aunque tiene su punto duro, es muy divertido y el final, aunque un poco "happy-happy", te deja un agradable sabor de boca y muchas ganas de pasar al siguiente de la saga. Hay ciencia, sobretodo ingeniería, con la que yo me lo he pasado muy bien.

    Agradezco mucho la recomendación a aquellas personas que animan a leer la saga. A ver qué tal Shards of honor, o Fragmentos de honor...

    ha scritto il 

  • 1

    Mi sono detto: lo leggo o non lo leggo? A spaventarmi c'era quella copertina della Nord edizioni, con quello stile che fa tanto Telereporter anni '80. Poi, all'interno i caratteri piccoli e le pagine che mandavano un leggero olezzo di carta invecchiata. Ma tant'è, se un libro è bello, chi se ne f ...continua

    Mi sono detto: lo leggo o non lo leggo? A spaventarmi c'era quella copertina della Nord edizioni, con quello stile che fa tanto Telereporter anni '80. Poi, all'interno i caratteri piccoli e le pagine che mandavano un leggero olezzo di carta invecchiata. Ma tant'è, se un libro è bello, chi se ne frega del supporto dove è impresso? E poi, curiosando, avevo raccolto qualche recensione positiva, così alla fine mi sono deciso e l'ho cominciato.
    Inizia benino, sembra uno di quei film di fantascienza con Sean Connery (cfr. "Atmosfera Zero", "Zardoz") ma, dopo poche pagine, si comincia ad avvertire uno strano pericolo. Quello del conformismo, del fastidioso buonismo ad uso e consumo dei lettori di bocca buona.
    La lettura è semplice semplice, mai uno svolazzo, mai un'invenzione o un personalismo che possa aggiungere un po' di colore. Sembra una di quelle riduzioni di classici per ragazzi che capitava di leggere alla scuola media. I "Robinson Crusoe" e i "Gulliver" che vengono reimpastati per renderli digeribili agli stomaci, ancora troppo delicati, dei giovani librofili.
    I personaggi sono quello che sono: una volta inquadrati, non cambiano più. Uguali a loro stessi, prevedibili come una telecronaca di Bruno Pizzul. C'è il buono, il cattivo, quello che cambia idea, il duro che scopre i sentimenti, ci sono insomma tutte quelle figure tipiche della letteratura da scaffalaccio che avrebbero dato fastidio persino a Liala e a Danielle Steele.
    Lo stile è quello dei romanzi d'appendice, con approfondimento psicologico ad aliquota fissa e profondità narrativa al minimo sindacale. La storia scorre, certo, va avanti, ma i colpi di scena li senti arrivare cento pagine prima, così come il finale, sul quale - castissimo bacio multietnico tra il protagonista e la graziosa mutante compreso - puoi scommeterci le teste dei figli e delle sei generazioni a venire.
    Non ci sono intoppi, né dubbi e il ritmo non sarebbe neanche del tutto sbagliato se, piano piano, non crescesse dentro un'irritazione simile a quella che ti prende di fronte ai telefilm con Lorenzo Lamas e Chuck Norris. Un calcio di qua, uno di là, natura morta con macho su moto (astronave in questo caso), musichetta evocativa et voilà, i cattivi sono sconfitti e si può andare a nanna, sicuri che il mondo d'ora in avanti sarà in mano ai buoni.
    Fantascienza da supermercato, da vendere due euro al chilo, in mezzo a cestoni strabordanti di "Il mistero della statuetta scomparsa", "L'occhio del faraone" e "Operazione Sirio" (i titoli sono inventati, eh!).
    L'unica trovata interessante sono i "quad" (gli esseri a quattro braccia), ma di loro, e del loro modo di vivere e pensare, non viene spiegato praticamente nulla. Ciò che conta è far avanzare il romanzo, pezzo dopo pezzo (come quegli scadenti feuilletton di fine '800 che finivano a puntate sulle riviste), con saltuarie concessioni nel sentimentalismo consolatorio e una manciata di battutine da oratorio salesiano.
    Fin troppo lungo, per la trama che doveva sviluppare, "Gravità Zero" è, in definitiva, un romanzo ampiamente sotto la media del genere, noioso e prevedibile fino allo sfinimento, buono forse per rimpolpare il reparto della letteratura per ragazzi.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo è il primo libro di fantascienza di LMcMB che leggo, l'adoravo come scrittrice fantasy e con questo romanzo sono riuscita ad apprezzarla ancora di più. Affronta le problematiche della genetica e la continua evoluzione della tecnica in questo ipotetico futuro, in cui un folle (in sen ...continua

    Questo è il primo libro di fantascienza di LMcMB che leggo, l'adoravo come scrittrice fantasy e con questo romanzo sono riuscita ad apprezzarla ancora di più. Affronta le problematiche della genetica e la continua evoluzione della tecnica in questo ipotetico futuro, in cui un folle (in senso buono XD) ingegnere cerca di salvare una razza unica. Razza creata dall'uomo, una sorta di schiavi che non conoscono altra condizione se non quella di eseguire i compiti che gli vengono assegnati. Ma avviene il loro risveglio, l'evoluzione e la ribellione.

    ha scritto il 

  • 3

    E' il primo libro che leggo di questa autrice di fantascienza; da un lato sono stato veloce a leggerlo e i temi trattati sono di indubbio interesse, dall'altro lato non sono rimasto completamente catturato dallo stile di scrittura.
    Rimane un'autrice importante vincitrice dei premi Nebula pe ...continua

    E' il primo libro che leggo di questa autrice di fantascienza; da un lato sono stato veloce a leggerlo e i temi trattati sono di indubbio interesse, dall'altro lato non sono rimasto completamente catturato dallo stile di scrittura.
    Rimane un'autrice importante vincitrice dei premi Nebula per cui qualcosa va letto.

    ha scritto il