Gut gegen Nordwind

By

Verleger: Zsolnay

3.7
(4409)

Language: Deutsch | Number of Seiten: 224 | Format: Others | In einer anderen Sprache: (Andere Sprachen) Chi traditional , Italian , Spanish , Catalan , English , French , Portuguese , Chi simplified

Isbn-10: 3552060413 | Isbn-13: 9783552060418 | Publish date:  | Edition 1

Auch verfügbar als: Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Gut gegen Nordwind ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Anmeldung kostenlos
Buchbeschreibung
Sorting by
  • *** Dieser Kommentar enthält Spoiler! ***

    4

    "Si può pretendere dagli altri nella misura in cui si è"

    Un amore impossibile, un amore ai tempi di internet, innamorarsi di qualcuno che non si conosce, innamorarsi dei pensieri e delle parole di chi non si è mai visto, impallidire nel ricevere l'avviso di ...weiter

    Un amore impossibile, un amore ai tempi di internet, innamorarsi di qualcuno che non si conosce, innamorarsi dei pensieri e delle parole di chi non si è mai visto, impallidire nel ricevere l'avviso di un'e-mail, star male se non arriva un'e-mail. Essere pienamente se stessi dietro uno schermo, nascondersi dietro uno schermo, vivere a pieno solo davanti ad un pc. Tutto questo brillantemente raccontato da Emmi e Leo, un amore 2.0...

    gesagt am 

  • 5

    Una bellissima lettura.

    Grazie, o per colpa, di un'e-mail inviata all'indirizzo sbagliato tra due perfetti sconosciuti scocca la scintilla. Emmi, sposata e madre dei due figli del marito, e Leo, psicolinguista dagli amori sb ...weiter

    Grazie, o per colpa, di un'e-mail inviata all'indirizzo sbagliato tra due perfetti sconosciuti scocca la scintilla. Emmi, sposata e madre dei due figli del marito, e Leo, psicolinguista dagli amori sbagliati, iniziano a scriversi prima con ironia, poi con interesse, infine con un sentimento devastante per entrambi. Insomma una relazione virtuale tra due persone che non si sono mai incontrate (e chissà se mai lo faranno) nonostante abitino nella stessa città. Una storia d'amore moderna ma che ha il gusto del passato, la malinconia dolce di un amore ostacolato e impossibile. Un romanzo romantico ma privo di luoghi comuni e per niente smielato. Senza spoilerare, il finale è un tradimento per il lettore ma ho saputo che esiste un seguito "La settima onda" e quindi confido in una sorpresa.
    Straconsigliato

    gesagt am 

  • 4

    "Cara Emmi, si è resa conto che non sappiamo niente l'uno dell'altra? Che ci stiamo inventando un personaggio virtuale dall'identikit immaginario? Facciamo domande affascinanti proprio perché non dia ...weiter

    "Cara Emmi, si è resa conto che non sappiamo niente l'uno dell'altra? Che ci stiamo inventando un personaggio virtuale dall'identikit immaginario? Facciamo domande affascinanti proprio perché non diamo le risposte. Sì, ci divertiamo a stuzzicare e a eccitare la curiosità dell'altro, ma siamo categorici nel rifiutarci di soddisfarla."

    Questo libro mi stuzzicava da un po’, lo vedevo spesso scivolare nella home di goodreads ma ho sempre rimandato. L’altro giorno, nella ormai solita bancarella di libri usati, l’ho trovato che mi guardava impaziente, quasi scodinzolava. È stato forse la scelta con meno dubbi fra tutti i libri presi lì fino a quel momento.

    Cerchiamo di leggere tra le righe, tra le parole, a momenti perfino tra le singole lettere. Tentiamo disperatamente di capire con chi abbiamo a che fare. E al tempo stesso, stiamo ben attenti a non rivelare "niente di sostanziale" su di noi. Che significa "niente di sostanziale"? Niente. Finora non abbiamo raccontato niente della nostra vita, niente della nostra quotidianità, niente che potrebbe essere importante.
    Comunichiamo dentro una bolla d'aria.

    Lo ammetto, ho un debole per gli inciuci tormentati. E per gran parte del tempo è stato questo a spingermi a leggere le email di questi due fulminati, perché sì, sono davvero fuori di testa e ridevo spesso perché in alcune cose mi ci rivedevo, avendo avuto tanti amici a distanza; e a tratti piangevo, sempre per lo stesso motivo.

    [Lui parla di lei con la sua ex] Mi scuote nel profondo, mi emoziona, a volte vorrei mandarla a quel paese, ma altrettanto volentieri me la vado a riprendere. Ho bisogno che sia nei paraggi. Sa ascoltarmi. È intelligente. È spiritosa. E, ciò che più conta: c'è sempre per me.

    E poi ero curiosa come una scimmia sulla questione del Vento del Nord, che tra l’altro, mi ha molto emozionata. Credo che questo sia un libro che possa essere compreso solo da chi ha sperimentato certe cose, e non per forza una storia assurda e tormentata come questi due, anche le piccole cose, che saltano all’occhio di chi le ha vissute e passano inosservate a chi è nuovo di certi meccanismi.

    Lunedì parto per la settimana bianca. Ovviamente, io glielo dico con chi, caro il mio fidato amico di e-mail: con un esemplare di marito e due esemplari di figli (e senza scoiattoli!). A Wurlitzer ci pensano i vicini. Wurlitzer è quel ciccione del nostro gatto. Somiglia a un juke-box, ma ha su soltanto un disco.
    Odia lo sci, perciò resta a casa.

    Mi è piaciuto come l’autore abbia ben differenziato lo stile di entrambi, benché appare evidente sin da subito che tutti e due abbiano una bravura nello scrivere sopra la media.

    Nelle e-mail che le scrivo posso essere la vera Emmi, che altrimenti non sono. Nella "vita reale", se vuoi riuscire, se vuoi resistere a lungo, devi sempre arrivare a un compromesso con la tua emotività: QUI niente reazione esagerata!
    QUESTO lo devo accettare! QUI devo mostrarmi superiore! - Adegui continuamente i sentimenti all'ambiente circostante, hai riguardo per gli affetti, ti infili nel centinaio di piccoli ruoli quotidiani, fai l'equilibrista, ragioni, soppesi, il tutto per evitare di danneggiare la struttura portante, dal momento che ne sei parte integrante.
    Con lei, caro Leo, non ho paura di comportarmi in modo spontaneo, per come sono davvero. Non sto a pensare che cosa si aspetta o non si aspetta da me. Le scrivo liberamente, nient'altro. E mi fa sentire così bene!!! - E, questa è opera sua, caro Leo, perciò non posso più rinunciare a lei: lei mi accetta per quella che sono. A volte mi frena, alcune cose le ignora, altre non le manda giù. Ma la perseveranza con cui mi resta accanto è la dimostrazione che posso essere me stessa.

    Lei è spesso insopportabile (una che utilizza il maiuscolo quando è arrabbiata e i tre punti esclamativi non la vorrei manco regalata); lui mi ha fatto alzare gli occhi al cielo in più di un’occasione.
    Ci sono i cliché che, tuttavia, capitano sempre per davvero: l’email da ubriachi, l’email di gelosia, l’email alle 3 di notte, l’email piena di rabbia e quella dello slancio senza senso. C’è tutto.

    No Emmi, lei non è una qualunque. Se c'è una che non è una qualunque, quella è lei.
    Non per me. Lei è come una seconda voce dentro di me che mi accompagna durante la giornata. Ha trasformato il mio monologo interiore in un dialogo. Arricchisce la mia vita interiore. Mette in discussione, insiste, parodia, entra in conflitto con me. Le sono grato per il suo umorismo, il fascino, la vitalità, sì persino per le sue "cose di cattivo gusto".

    Il colpo di scena sul finale mi ha sorpreso, un po’ in negativo forse perché è sicuramente la trovata meno probabile. Il finale si potrebbe riassumere con la frase che si dice di solito: “C’era da aspettarselo, poteva andare solo così.” Ma in realtà poteva andare in mille modi diversi, e questo è stato forse un finale troppo amaro. Ma ci sta.

    EDIT: Dalla regia mi dicono ci sia un seguito, nonostante il finale sembri solido. Provvedo al più presto a continuare la storia di questi due fulminati, sperando di non rimpiangere il finale amaro.

    I mobili mi guardano con aria di rimprovero. Fiutano il tradimento. Mi minacciano: Guai a te se sveli il nostro prezzo, il colore e il design! Il pianoforte dice: Guai a te se gli racconti che Bernhard era il tuo maestro di piano! E della prima volta in cui vi siete baciati, e di come avete fatto l'amore sopra di me! La libreria chiede: Ma chi è questo Leo? Che ci fa qui? Perché passi tante ore insieme a lui? Perché mi trascuri? Perché sei diventata tanto pensierosa? Il lettore cd dice:
    Magari arriveremo al punto in cui non ascolterai più Rachmaninov - lo sai, la musica è una delle cose che vi unisce, a te e Bernhard - ma cosa piace a questo Leo, magari gli Sugar Babes! L'unico a obiettare è il portabottiglie del vino: Be', io non ho niente contro questo Leo, noi tre ce la intendiamo a meraviglia.

    gesagt am 

  • 3

    Libro comprato per caso in una stazione ferroviaria durante un ritorno dal mio amato Friuli. Lo ammetto, scelto perchè ho appena vissuto una storia simile che comunque non ha avuto gli stessi sviluppi ...weiter

    Libro comprato per caso in una stazione ferroviaria durante un ritorno dal mio amato Friuli. Lo ammetto, scelto perchè ho appena vissuto una storia simile che comunque non ha avuto gli stessi sviluppi intimo-ossessivi di questo libro. Volevo riprovare quelle stesse emozioni di cui sono stata privata da appena due mesi....sicuramente mi sono ritrovata in tante parole, passaggi, impressioni ma il finale mi ha lasciato tanto amaro in bocca...

    gesagt am 

  • 1

    Questo libro mi ha lasciata perplessa: diverse recensioni positive mi hanno incuriosita e spinta a comprarlo, ma... che delusione!
    Una sorta di romanzo epistolare 2.0, che di questo genere, però, non ...weiter

    Questo libro mi ha lasciata perplessa: diverse recensioni positive mi hanno incuriosita e spinta a comprarlo, ma... che delusione!
    Una sorta di romanzo epistolare 2.0, che di questo genere, però, non ha la classe né la poesia. L'ho trovato noioso e inconcludente, scritto con uno stile piatto, per nulla appassionante e confusionario (le continue R:, Re:, R:, Re:... a tratti non mi permettevano più a capire chi diceva cosa a chi).
    I due protagonisti mi sono sembrati due frustrati e si scrivono cose che non stanno né in cielo né in terra (se qualcuno si permettesse di scrivermi cose simili, gli toglierei il saluto, altro che continuare la corrispondenza per oltre un anno).
    Per non parlare del finale che... no, va beh, non posso dire nulla per evitare spoiler, ma che trovo davvero assurdo.
    Per fortuna l'ho acquistato con l'offerta Feltrinelli "2 libri a 9,90 (sempre sperando che l'altro volume che ho preso in abbinata non sia altrettanto deludente) perché sicuramente non merita di essere pagato di più.

    gesagt am 

  • 5

    Vuoto, dolore, amore, vuoto, dolore, amore. Ecco come mi ha lasciato questo libro. Immaginavo questo libro come un romanzo, ho adorato fosse invece tutta una serie di corrispondenze email, questo modo ...weiter

    Vuoto, dolore, amore, vuoto, dolore, amore. Ecco come mi ha lasciato questo libro. Immaginavo questo libro come un romanzo, ho adorato fosse invece tutta una serie di corrispondenze email, questo modo di raccontare che potrebbe sembrare privo di contenuti, descrizioni o emozioni è riuscito a darmi tutto quello di cui avevo bisogno. Una situazione che potrebbe capitare a chiunque, il racconto evolve come evolvono le emozioni nel lettore, si ride, ci si arrabbia e ci si innamora. Il lettore potrebbe non sempre essere d'accordo con i due protagonisti ma non per questo si rimane apatici, e alla fine.....alla fine soffri e rimani svuotato. Molto bello. Scorrevole, letto in poche ore.

    gesagt am 

  • 5

    Un libro che mi ha rapita letteralmente. Una storia moderna che nasce da un errore di invio di una mail e prosegue con la più classica delle amicizie "di penna", anzi fi chat. Molto carino, divertente ...weiter

    Un libro che mi ha rapita letteralmente. Una storia moderna che nasce da un errore di invio di una mail e prosegue con la più classica delle amicizie "di penna", anzi fi chat. Molto carino, divertente e piacevole

    gesagt am 

  • 4

    Di spilli da balia in balìa del vento

    Non pensiamolo come a un libro che cambierà le sorti della letteratura.
    Inoltre, aggiungo, è inverosimile che amici di penna virtuali facciano dettagliata elencazione delle pippe di uno nei confronti ...weiter

    Non pensiamolo come a un libro che cambierà le sorti della letteratura.
    Inoltre, aggiungo, è inverosimile che amici di penna virtuali facciano dettagliata elencazione delle pippe di uno nei confronti dell’altra - and vice versa. Dietro uno schermo, si sa, è più semplice dissimulare i propri sentimenti e banalizzare quelli della controparte. Quindi in un certo senso, questo libro non ha niente di realistico.
    Ciononostante a me è piaciuto: 1) perché la sua finzione mi ha intenerito; 2) perché, lo confesso, le pippe mi interessano, in qualità di silente produttrice di pippe a mia volta; 3) perché, nella mia (breve) rassegna di letture rosa, qui ci sono un lui e una lei per niente banali.

    Che poi, mica l’ha detto chi delle tre è la vera Emmi. O sì?

    gesagt am 

  • 3

    Un libro molto particolare, non riesco a capire se mi sia piaciuto o meno.
    La protagonista è assolutamente insopportabile, piena di sé, irriverente, solo in certi momenti riesce ad essere gentile con ...weiter

    Un libro molto particolare, non riesco a capire se mi sia piaciuto o meno.
    La protagonista è assolutamente insopportabile, piena di sé, irriverente, solo in certi momenti riesce ad essere gentile con il suo interlocutore.
    La storia è quanto mai surreale e anche l'atmosfera che si crea è nebulosa ma a tratti anche angosciante.
    Possibile che non riescano mai ad incontrarsi?
    Il finale, poi, mi ha lasciato senza parole.

    gesagt am 

  • 2

    Deludente

    Così come altri romanzi, anche con questo ero partita con delle aspettative altissime, date le recensioni che avevo letto, tuttavia sono state deluse. Carina l'idea di cominciare una “amicizia di penn ...weiter

    Così come altri romanzi, anche con questo ero partita con delle aspettative altissime, date le recensioni che avevo letto, tuttavia sono state deluse. Carina l'idea di cominciare una “amicizia di penna” per un'email sbagliata, la nota dolente a mio avviso sono i dialoghi. Come si può far entrare una persona conosciuta in chat nel proprio guscio familiare, tanto da farle invadere il proprio spazio? Purtroppo i personaggi non mi hanno lasciato nulla e a libro chiuso, mi sono ritrovata con due nomi : Emmi e Leo che vagavano nella mia mente alla ricerca di una descrizione fisica e psicologica approfondita, che purtroppo nel libro.

    gesagt am 

Sorting by
Sorting by