Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

HR Giger

www HR Giger com

Di

Editore: Taschen

4.4
(102)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 240 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 3822833444 | Isbn-13: 9783822833445 | Data di pubblicazione: 

Genere: Art, Architecture & Photography , Science Fiction & Fantasy

Ti piace HR Giger?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Non solo Alien.
    Amo Giger, dagli acrilici ai disegni sulle foto. Mi ricorda tanto Bosch.
    I suoi mobili: la seida HArkonnen con la spina dorsale!
    Guarda dentro alle miserie del corpo per tirarle fuori e quindi toglere loro il potere di renderci miseri a nostra volta.
    Questa operazione secondo me r ...continua

    Non solo Alien. Amo Giger, dagli acrilici ai disegni sulle foto. Mi ricorda tanto Bosch. I suoi mobili: la seida HArkonnen con la spina dorsale! Guarda dentro alle miserie del corpo per tirarle fuori e quindi toglere loro il potere di renderci miseri a nostra volta. Questa operazione secondo me riesce a farla anche con la morte:corpi di bambini fluttuanti, sculture biomeccaniche che riportano alla terapeutca forma artistica le nostre paure più paralizzanti. Entrare nel Giger Bar o nel suo museo è un sogno che spero di realizzare presto.

    ha scritto il 

  • 3

    L'età del ferro interiore.

    L'opera di Giger è una foto impietosa di un preciso stato interiore dell'umanità attuale e può essere valutata da due punti di vista opposti senza difetti di visione.
    In questo mescolarsi di carne e macchina si può intravedere senza problemi un'età del ferro interiore, dove la coscienza umana è a ...continua

    L'opera di Giger è una foto impietosa di un preciso stato interiore dell'umanità attuale e può essere valutata da due punti di vista opposti senza difetti di visione. In questo mescolarsi di carne e macchina si può intravedere senza problemi un'età del ferro interiore, dove la coscienza umana è ancora abbozzata, malforme, incerta, acefala, incompleta, dipendente da stampelle, sormontata da simboli sessuali abnormi. In questo universo cromato, privo di luce, sessualmente claustrofobico, l'uomo è costretto a esserci proiettato, come nella sua Gebärmaschine, dove feti-proiettili sono stipati nel caricatore di una pistola per essere sparati attraverso questa epoca dove l'anima è ancora sonnolentemente fusa nel metallo, simbolo della mancanza di risposta cosciente, dell'inerzia assoluta. Dall'altro punto di vista invece possiamo notare in alcune sue opere che non è il soggetto umanoide (che rappresenta la coscienza) ma il contesto strutturale a spezzare l'incoscienza delle ripetitività meccaniche per assumere parvenze ossee, muscolari, tendinee. Le industriali linee rette cominciano a tendere alla spirale ed a simulare organi e apparati; il nero assoluto del carbonio diventa traslucido e poi trasparente come cartilagine e membrana; il macchinario squadrato e l'umanoide sinuoso cessano di essere elementi separati e interdipendenti per diventare un uno simbiotico: esseri integrati, plastici, fusi... come se la cattedrale meccanica dell'ambiente fosse un immenso esoscheletro per l'individuo. In breve, da una parte c'è la coscienza che deve passare nel tornio impietoso di un'epoca senza colore né calore; dall'altra c'è il risveglio del meccanico dapprima in simboli subconsci e pian piano attraverso modulazioni sempre più raffinate, per arrivare a rappresentazioni di divinità sospese nella luce partendo però da feti malsani e mezzi-corpi schiavizzati.

    ha scritto il 

  • 3

    Giger about Giger

    La parte testuale non contiene alcuna verità trascendentale, se non molti aneddoti raccontati dallo stesso Giger, che comunque trovano il loro interesse. Ma l'aspetto fondamentale del testo risiede sicuramente nelle fonti iconografiche, che vantano di un supporto cartaceo più che degno, ed una qu ...continua

    La parte testuale non contiene alcuna verità trascendentale, se non molti aneddoti raccontati dallo stesso Giger, che comunque trovano il loro interesse. Ma l'aspetto fondamentale del testo risiede sicuramente nelle fonti iconografiche, che vantano di un supporto cartaceo più che degno, ed una qualità di stampa ottima. Per amatori del personaggio, ma anche per chi si avvicina per la prima volta...

    ha scritto il 

  • 5

    Molto più di un art-book.

    Perchè è scritto da Giger stesso che narra la sua carriera artistica, come nascono le sue opere, le sue influenze artistiche, quale intuizioni ha avuto quando la sua mente e le sue mani crearono alcuni tra i suoi più noti capolavori. A chi piace questo artista consiglio vivamente di comprarsi que ...continua

    Perchè è scritto da Giger stesso che narra la sua carriera artistica, come nascono le sue opere, le sue influenze artistiche, quale intuizioni ha avuto quando la sua mente e le sue mani crearono alcuni tra i suoi più noti capolavori. A chi piace questo artista consiglio vivamente di comprarsi questo libro. Proposto all'artista per l'anniversario della Taschen, permette di immergersi nella mente del visionario Giger (almeno un po') senza spendere un patrimonio nonostante la qualità della carta e la quantità di pagine.

    ha scritto il 

  • 4

    Stupendo!

    Partendo dal presupposto che non mi piace quasi per nulla l'arte, questo è uno dei pochi artisti che non solo non mi fa schifo, ma arriva addirittura a piacermi... e molto!!
    Sarà forse derivato dal fatto che Giger sia il disegnatore di Alien (uno dei miei film preferiti), ma le sue opere, fo ...continua

    Partendo dal presupposto che non mi piace quasi per nulla l'arte, questo è uno dei pochi artisti che non solo non mi fa schifo, ma arriva addirittura a piacermi... e molto!!
    Sarà forse derivato dal fatto che Giger sia il disegnatore di Alien (uno dei miei film preferiti), ma le sue opere, forse per i colori cupi scelti, forse per i soggetti apocalittici o forse per l'abbinamento di uomini e macchine in mono-figure, mi piacciono e mi interessano.
    Inoltre, oltre ai classici suoi disegni ad aerografo, in questo libro vengono presentate anche alcune sue sculture e quant'altro abbia fatto nella sua carriera.
    Consigliato... non a tutti, ma quasi...

    ha scritto il