Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Hack Proofing

Di

Editore: McGraw-Hill Companies

4.0
(21)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 832 | Formato: Altri

Isbn-10: 8838643695 | Isbn-13: 9788838643699 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Genere: Computer & Technology

Ti piace Hack Proofing?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Confesso di aver snobbato per lungo tempo il testo di Ryan, e sinceramente non riesco proprio a capire la motivazione che mi ha spinto a non leggere questo eccellente lavoro.


    Ho gradito moltissimo la differenziazione iniziale tra Hacker e Cracker, in realtà l'autore non cita il termine Cra ...continua

    Confesso di aver snobbato per lungo tempo il testo di Ryan, e sinceramente non riesco proprio a capire la motivazione che mi ha spinto a non leggere questo eccellente lavoro.

    Ho gradito moltissimo la differenziazione iniziale tra Hacker e Cracker, in realtà l'autore non cita il termine Cracker - probabilmente avrebbe dovuto proprio per rendere più netta e marcata la differenza -, ma pone in essere una netta differenziazione tra l'Hacker che fa dello studio e della ricerca la sua ragione di vita, e l'Hacker che buca i sistemi per divertimento o per denaro, che nel secondo caso, ripeto, non ha nulla a che fare con l'essere Hacker, che è ricerca, studio, abnegazione, conoscenza estrema dei sistemi, insomma, per farla breve, è la genialità unita alla tecnica e il più delle volte vi è anche un forte senso di altruismo verso coloro che vogliono 'imparare'.

    L'etica peraltro imporrebbe di condividere sempre le informazioni di cui si è a conoscenza "Information wants to be free[1]".

    Ciò detto, l'ho letto come se fosse un romanzo - e questo capita di rado con testi tecnici -, tutto d'un fiato, con le dovute pause per testare tecniche e codice; il lavoro probabilmente è più adatto per coloro che hanno già skill avanzate, non lo consiglierei ad informatici alle prime armi, poichè è necessario avere un discreto background prima di poter affrontare la lettura - si deve sapere sempre ciò che si fa, e quali potrebbero essere le conseguenze di un eventuale errore -, che direi senza dubbio possa riguardare i sistemi operativi, l'architettura dei calcolatori, le reti, il linguaggio C e l'Assembly.

    [1] Concetto espresso da Stewart Brand al primo Hackers' Conference del 1984; tale concetto poi al RSA Conference del 2008 fu integrato con un ulteriore concetto relativo al codice, mutando in "Information Wants To Be Free, and Code Wants To Be Wrong"

    ha scritto il 

  • 4

    Un gran bel libro, molto vasto, che tocca tutti gli argomenti salienti della (in)sicurezza informatica.
    Molto tecnico, alterna fasi piu' o meno ampie di teoria per poi immergersi nella pratica, soprattutto con PoC (Proof of Concept) e codici reali (es. tcpdump).
    Un po' ostico per chi ...continua

    Un gran bel libro, molto vasto, che tocca tutti gli argomenti salienti della (in)sicurezza informatica.
    Molto tecnico, alterna fasi piu' o meno ampie di teoria per poi immergersi nella pratica, soprattutto con PoC (Proof of Concept) e codici reali (es. tcpdump).
    Un po' ostico per chi e' alle prime armi, molto utile ed interessante per chi gia' qualcosa ne capisce e vuole approfondire.

    ha scritto il