Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Hakawati

Il cantore di storie

By Rabih Alameddine

(255)

| Hardcover | 9788845261299

Like Hakawati ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Hakawati. Il cantore di storie" di Rabih Alameddine è un caso letterario: sia perché l'autore, giordano, di origine libanese apre una finestra su un mondo problematico; sia perché, mantenendo un alto livello di qualità letteraria, Alameddine, al suo Continue

"Hakawati. Il cantore di storie" di Rabih Alameddine è un caso letterario: sia perché l'autore, giordano, di origine libanese apre una finestra su un mondo problematico; sia perché, mantenendo un alto livello di qualità letteraria, Alameddine, al suo terzo romanzo, riesce a mettere a confronto l'arte dello storytelling di tradizione araba con la cultura americana che il protagonista e l'autore hanno assorbito per molti anni. Nel romanzo, il protagonista, Osama al-Kharrat, lascia nel 2003 gli Stati Uniti, dove vive da tempo, per recarsi al capezzale del padre a Beirut. E se scopre la sua città natale irrimediabilmente cambiata, trova invece intatti gli affetti famigliari e il modo di comunicarli attraverso le storie. Cantastorie di professione era infatti il nonno di Osama, e le avventure del suo arrivo in Libano dalla Turchia si mescolano a quelle dei principi delle Crociate come pure ai pettegolezzi della vita di tutti i giorni.

20 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Così così

    Chi è rimasto affascinato dal trend di romanzi sulla cultura araba, alla Khaled Husseini (Il Cacciatore di acquiloni, Mille splendidi soli etc.), difficilmente potrà resistere a non leggere questo denso mattone, convinto di ritrovare le ...(continue)

    Chi è rimasto affascinato dal trend di romanzi sulla cultura araba, alla Khaled Husseini (Il Cacciatore di acquiloni, Mille splendidi soli etc.), difficilmente potrà resistere a non leggere questo denso mattone, convinto di ritrovare le medesime atmosfere dei libri già apprezzati.

    In realtà l'"Hakawati" è un romanzo generazionale che si snoda fino ai giorni nostri delinenado peculiarità e tratti dei membri della famiglia protagonista e, rispetto ai titoli sopraccitati, non si sofferma su un'avvenimento di particolare enfasi.

    Aspettatevi perciò un romanzo ricco di vari episodi e descrizioni che non sempre rendono la trama scorrevole, dinamica. Il rischio è che l'attenzione del lettore si disperda strada facendo!

    Nel complesso è un buon libro: la parentesi epica e le leggende del folklore Medio orientale rappresentano decisamente un punto a favore del romanzo.

    Is this helpful?

    Silvia McFly said on Apr 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Dalle fiabe all'epica, dalla saga familiare alla vita moderna

    Confesso che all'inizio ho avuto la netta sensazione di trovarmi di fronte a un vero e proprio capolavoro. Apprezzabilissimo lo stile, ma soprattutto l'idea di "mixare" varie storie, intrecciandole tra loro e alternandole con quella personale, passat ...(continue)

    Confesso che all'inizio ho avuto la netta sensazione di trovarmi di fronte a un vero e proprio capolavoro. Apprezzabilissimo lo stile, ma soprattutto l'idea di "mixare" varie storie, intrecciandole tra loro e alternandole con quella personale, passata e presente. A mio parere però il risultato sarebbe stato comunque positivo, se non forse anche migliore, sfrondando un po' i vari racconti fiabeschi: vero è che i cantastorie (hakawati) le facevano durare anche per giorni, ma francamente le ho trovate un po' pesanti, faticoso star dietro a più trame e innumerevoli personaggi, col rischio di dimenticare nomi e fatti nel corso della lunghissima lettura (anche se, per la verità, non ci ho messo molto a finirlo, in quanto molto presa e incuriosita). Le 750 pagine potevano benissimo essere ridotte della metà e sono certa che lo avrei apprezzato di più. Comunque ho trovato davvero originale e interessante questo mix (apparentemente azzardato, ma in realtà ben riuscito) di fiabe e di gesta epiche, inframmezzate dai ricordi di vita vissuta e di fatti contemporanei, che descrivono un protagonista più reale, con le sue debolezze e tutt'altro che eroe. Scritto magistralmente, fa venir voglia di sedersi davanti un camino acceso d'inverno e ascoltare una persona anziana che racconta delle storie... Da consigliare senz'altro.

    Is this helpful?

    CR 55 said on Feb 24, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Sa scrivere, e la storia principale è bella. Ho solo trovato che l'incastro delle varie storie abbia spezzato il ritmo del romanzo. Va bene intrecciare le storie, ma a volte cambia ogni 10 righe! Le storie secondarie sono meno interessanti. Non ...(continue)

    Sa scrivere, e la storia principale è bella. Ho solo trovato che l'incastro delle varie storie abbia spezzato il ritmo del romanzo. Va bene intrecciare le storie, ma a volte cambia ogni 10 righe! Le storie secondarie sono meno interessanti. Non brutte ma più ordinarie. Forse dipende dalla sensibilità occidentale, che non sa apprezzare pienamente il modo di raccontare orientale

    Is this helpful?

    Alfmos said on Jun 16, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un moderno Le mille e una notte. Così potremmo definire questo romanzo in cui si intrecciano innumerevoli storie ispirate all'Antico Testamento, alle opere di Ovidio, Shakespeare, Calvino, autori arabi, il Corano, fiabe siriane e libanesi, le stesse ...(continue)

    Un moderno Le mille e una notte. Così potremmo definire questo romanzo in cui si intrecciano innumerevoli storie ispirate all'Antico Testamento, alle opere di Ovidio, Shakespeare, Calvino, autori arabi, il Corano, fiabe siriane e libanesi, le stesse Mille e una notte.
    Su tutte, la storia del narratore, Osama, rientrato in Libano dagli Stati Uniti, di suo padre e di suo nonno, in un caleidoscopio di vite ed esperienze che affascina ma che, a dire il vero, almeno all'inizio, può creare un pò di confusione.
    Mi piacciono molto i libri che raccontano uno spaccato di storia di un paese lontano e le sue tradizioni, e questo è ciò che ci regala Hakawati, la storia del Libano, di una famiglia drusa, ebrea e araba, l'inizio della guerra tra israeliani e palestinesi, l'impossibile ritorno ad un passato che non esiste più.
    I personaggi della numerosa famiglia di Osama sono tutti ben costruiti e interessanti, ognuno con la sua personalissima storia da cui ne scaturiscono mille altre - primo fra tutti, il mio preferito, lo zio Jihad -.
    Tra i racconti che esulano da quello familiare, spiccano quello di Baybars - che alla lunga ho trovato leggermente noioso - e quello di Fatima, zeppi di emiri, jinn e sultani, che ci lasciano assaporare l'Oriente lontano.
    Un romanzo notevole per la sua struttura e per la toccante esperienza del narratore, diviso a metà tra il suo paese d'origine e quello d'adozione, che torna nei luoghi della sua infanzia e adolescenza solo per scoprirli distrutti dalla guerra, che però non ha scalfito gli affetti più profondi della sua vita.

    http://iltesorodicarta.blogspot.it/

    Is this helpful?

    Carmen said on Mar 15, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    storie per bambini, simil "le mille ed una notte"

    Is this helpful?

    Samuel said on Jan 2, 2013 | Add your feedback

  • 4 people find this helpful

    Credevi di farla innamorare con dei cliché? Chi spedisce più le rose? Lei odia le rose. È primavera. Mandale giacinti, narcisi, crocus. Il suo colore preferito è il giallo. Giunchiglie. Se la vuoi sedurre, parlale con i suoi versi, non con i tuoi. Od ...(continue)

    Credevi di farla innamorare con dei cliché? Chi spedisce più le rose? Lei odia le rose. È primavera. Mandale giacinti, narcisi, crocus. Il suo colore preferito è il giallo. Giunchiglie. Se la vuoi sedurre, parlale con i suoi versi, non con i tuoi. Odia i film. Non provare a invitarla al cinema. E poi sei troppo belloccio. Fatti rovinare un po' il taglio di capelli. Vestiti con capi male assortiti. E non provare, mai e poi mai, a proporle una passeggiata sulla spiaggia o una cenetta a lume di candela. Ti taglierebbe la gola all'istante. E ascolta quel che dice. Ascoltala sempre.

    Is this helpful?

    francesca said on Sep 28, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (255)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Hardcover 756 Pages
  • ISBN-10: 8845261298
  • ISBN-13: 9788845261299
  • Publisher: Bompiani
  • Publish date: 2008-01-01
  • Also available as: Others
Improve_data of this book

Margin notes of this book