Harry Potter E a Camara Secreta

Por

Editor: Rocco

4.2
(30321)

Language: Português | Number of Páginas: 287 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) English , Chi simplified , Chi traditional , Catalan , Spanish , Japanese , German , French , Italian , Czech , Russian , Swedish , Dutch , Polish , Slovak , Arabic , Galego , Latvian , Basque , Danish , Norwegian , Turkish , Finnish , Indian (Hindi) , Croatian , Greek , Romanian , Hungarian

Isbn-10: 853251166X | Isbn-13: 9788532511669 | Data de publicação:  | Edition 1

Translator: Lia Wyler

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Harry Potter E a Camara Secreta ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Segundo livro da saga do atrapalhado aprendiz de feiticeiro. Desta vez, terríveis perigos rondam o Colégio Hogwarts de Magia e Feitiçaria. Harry e seu amigo Ron terão que enfrentar tenebrosos monstros e, o que é pior, a encarnação nada amigável de seu inimigo número um: Lorde Voldemort.
Sorting by
  • 4

    secondo titolo della saga

    Libro la cui trama inizia a diventare un po' più intricata del primo capitolo, ancora adatto a ragazzi, ma leggermente più serio!!
    Persiste ed aumenta la mia simpatia per il piccolo Ron!!
    Lettura molt ...continuar

    Libro la cui trama inizia a diventare un po' più intricata del primo capitolo, ancora adatto a ragazzi, ma leggermente più serio!!
    Persiste ed aumenta la mia simpatia per il piccolo Ron!!
    Lettura molto bella da fare

    dito em 

  • 4

    Harry Potter y los personajes irritantes

    Lo bueno:
    J.K. Rowling mejoró notablemente su habilidad para urdir una trama sin desperdicios en este libro. Al haber hecho el trabajo pesado de crear un mundo complejo, mágico y verosímil a la vez, e ...continuar

    Lo bueno:
    J.K. Rowling mejoró notablemente su habilidad para urdir una trama sin desperdicios en este libro. Al haber hecho el trabajo pesado de crear un mundo complejo, mágico y verosímil a la vez, en la entrega anterior de la saga, esta novela le permite concentrarse en la trama y todo lo que esta conlleva. «La cámara secreta» se lee rápido y enmascara muy bien todo el setup que hace para las historias subsecuentes (en especial para «Harry Potter y el misterio del príncipe»).
    Lo malo:
    La trama tarda un poco en arrancar. Harry pasa mucho tiempo con los Dursley al principio de la novela y la incorporación de Dobby, más toda la secuencia del coche volador, no ayudan mucho tampoco. Por otra parte, no se puede obviar algunas coincidencias importantes que debilitan la trama, como, por ejemplo, el que el trío de protagonistas se encontraran en el lugar correcto cuando se revela el peligro inminente de la cámara secreta. Asimismo, en lugar de una investigación activa y personajes que hacen que la trama progrese, esta entrega de la saga sufre de un Harry pasivo al que, más bien, le suceden cosas.
    Lo cierto:
    «La cámara secreta» es, para muchos, la oveja negra de la franquicia de Harry Potter. Aunque no sé si la llamaría así, es innegable que es la más débil de todas las historias del niño hechicero (escritas por Rowling). Sin embargo, es entretenida y necesaria. Tiene uno que otro bache menor, como la fiesta de Nick Casi Decapitado, y un exceso de personajes irritantes (Dobby, los Dursley, Lockhart y Myrtle la Llorona) que la hacen engorrosa con frecuencia. Aún así, el veredicto no cambia… ¡La recomiendo!

    dito em 

  • 5

    Innamorata del maghetto!

    Che dite, è forse troppo tardi per innamorarsi, totalmente e perdutamente, del maghetto con la cicatrice a forma di saetta sulla fronte?
    A distanza di tempo dalla lettura del primo volume della saga, ...continuar

    Che dite, è forse troppo tardi per innamorarsi, totalmente e perdutamente, del maghetto con la cicatrice a forma di saetta sulla fronte?
    A distanza di tempo dalla lettura del primo volume della saga, dal quale fino ad allora mi ero tenuta bene alla larga con la convinzione che “pff, tanto non è il mio genere!”, ho divorato il secondo voracemente e con entusiasmo, senza riuscire a smettere. La mattina presto appena sveglia, il pomeriggio, la sera, la tazza di thè che passava con lentezza dal mobile alla mia bocca e io che leggevo e leggevo, sfogliando le pagine con foga e con crescente curiosità. Una bulimia letteraria senza pari. E poi, a libro chiuso, mi guardavo un po’ intorno, e la mia casetta da “babbana” mi sembrava così grigia, monotona, piatta.
    Penso di aver capito i motivi per cui la saga creta dalla Rowling sia piaciuta, al mondo e a me, così tanto.
    Primo motivo, il più semplice ma non scontato: ti fa proprio sognare. Per il tempo che sei col libro, vieni rapito dal tuo mondo ed entri in un altro universo magico, così lontano dalla concretezza, lorda, incolore, che ti circonda. Voli con la fantasia, stacchi con la mente, e ti fa così bene. A me, era proprio ciò che ci voleva.
    Secondo motivo, e questo è un motivo per cui, a me in particolare, che dai fantasy mi sono sempre tenuta distante, il romanzo è piaciuto così tanto. Questo non è un fantasy “puro”, è un fantasy molto particolare. Le avventure magiche di Harry e di tutti gli altri avvengono in realtà in un tempo e in un luogo che ci sono noti, la Londra dei nostri anni, il nostro mondo, dei babbani, di cui tutti loro altro non sono che un magico parallelismo. Molto spesso sono costretti a fare i conti con la differenza fra chi è nato “purosangue” (da genitori entrambi maghi) e chi è nato da babbani (coloro che il perfido Malfoy chiama i “sanguemarcio”), con il fatto di celarsi dai babbani, di capire o non capire le loro usanze e il loro mondo nel quale, usciti dal castello di Howgarts, sono comunque costretti a vivere. E’ un mondo magico all’interno di un mondo reale. E fra gli abitanti del primo ritroviamo con facilità, i ritratti di quelli che troveremmo nel secondo, con gli stessi caratteri, gli stessi punti forti e deboli, le stesse abitudini: dal perfido al codardo, passando per il saggio, la secchiona, l’isolato. Il buono e il cattivo del nostro mondo.
    E il terzo motivo, conseguenza del secondo, è che i temi che ritroviamo nella lettura altri non sono, seppur in chiave “fantasy”, una trasposizione dei temi universali che troveremmo in qualsiasi lettura con gli attributi: dal valore di amicizia all’inclusività, dal senso di lealtà alla ricerca di una propria identità.
    E aggiungiamoci che nel romanzo non mancano passaggi narrativi di dinamismo e intrigo, misteri, lotte, azioni fra le più disparate, da quelle più movimentate a quelle ironiche. Oserei dire che vi si concentra, con la giusta dose, un po’ di tutto, dall’humour all’avventura passando per il giallo, il mistery e un pizzico di horror. E in tutto questo il nostro maghetto, si scontra con i primi grandi nemici della sua vita, impara, cresce, a poco a poco diventa adulto.
    No, non manca niente.
    J.K. Rowling è una geniaccia: ha creato un romanzo di formazione in cui la dimensione fantasy altro non è che un parallelismo della nostra, alla quale peraltro appartiene.
    Lo straordinario successo della saga non mi sorprende.
    Piuttosto mi sorprendo io stessa, che, innamorata, oltre che delle storie narrate, anche della meravigliosa edizione rilegata della Salani (per intenderci, volumi con la copertina liscia, da “cofanetto”), adesso sto comprando un volume dopo l’altro. L’avrei detto, anni fa? Sicuramente no!
    Caro Harry Potter…..hai una nuova fan!

    dito em 

  • 4

    Se lo stile e l'atmosfera del libro rimangono simili a quelli del primo libro, le situazioni si fanno via via più 'adulte' e le difficoltà aumentano incatenando il lettore alle pagine. I bambini cresc ...continuar

    Se lo stile e l'atmosfera del libro rimangono simili a quelli del primo libro, le situazioni si fanno via via più 'adulte' e le difficoltà aumentano incatenando il lettore alle pagine. I bambini crescono di un solo anno ma devono vedersela con nemici sempre più potenti e l'intreccio degli eventi comincia a prendere forma.

    dito em 

  • 4

    Rispetto al primo libro, se paragonato al film, cambiano molte più cose (e forse è un bene, sennò la confusione sarebbe stata tanta). Per il resto, libro e film sono parimenti interessanti e si nota l ...continuar

    Rispetto al primo libro, se paragonato al film, cambiano molte più cose (e forse è un bene, sennò la confusione sarebbe stata tanta). Per il resto, libro e film sono parimenti interessanti e si nota la crescita dei personaggi così come della scrittura, che avanza pari passo all'avvicinarsi dell'oscurità più densa, che si avrà nei prossimi libri.
    La Rowling sa essere molto abile, in questo, e credo sia il suo maggiore pregio. Sa scrivere in modo da appassionare i più giovani, con testi semplici e accattivanti ma, al tempo stesso, la lettura è piacevole e interessante anche per gli adulti.
    Per ora, un'ottima lettura.

    dito em 

  • 4

    Semplicemente...wow!

    Sono molto legata a questo libro in particolare per motivi personali, anche se in tutta la mia vita non avevo mai visto HP per questo ho messo 4 stelle anche se non mi è piaciuto il fatto che ci siano ...continuar

    Sono molto legata a questo libro in particolare per motivi personali, anche se in tutta la mia vita non avevo mai visto HP per questo ho messo 4 stelle anche se non mi è piaciuto il fatto che ci siano state troppe ripetizioni, nel senso che venivano raccontate cose già presenti del primo libro in modo approfondito e non solo come cenno (tipo le quattro casate, la famiglia di Harry ecc), come se qualcuno non lo avesse letto. In ogni caso anche questo mi è piaciuto tanto, finalmente ho scoperto cosa c'era dietro la camera dei segreti con vari colpi di scena che non mi aspettavo e sono anche contenta che nel corso di tutti questi anni io sia riuscita a non farmi fare spoiler da niente e da nessuno, quindi è stata davvero sorprendente la parte finale. Non vedo l'ora di proseguire con i libri, quel che è certo è che io mi sono già affezionata a tutti.

    dito em 

Sorting by
Sorting by