Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Harry Potter and the Goblet of Fire

By

Publisher: Bloomsbury

4.4
(27308)

Language:English | Number of Pages: 636 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi simplified , Chi traditional , Catalan , Spanish , Japanese , German , French , Italian , Portuguese , Polish , Czech , Arabic , Russian , Swedish , Dutch , Slovak , Croatian , Galego , Finnish , Lithuanian , Malayalam , Basque , Norwegian , Danish , Hungarian , Greek , Romanian , Indian (Hindi) , Turkish

Isbn-10: 074754624X | Isbn-13: 9780747546245 | Publish date:  | Edition 1

Cover Design: Giles Greenfield

Also available as: Audio CD , Paperback , School & Library Binding , Audio Cassette , Library Binding , Mass Market Paperback , Others , eBook

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Harry Potter and the Goblet of Fire ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Book 4 Harry Potter and the Goblet of Fire is the long-awaited, heavily hyped fourth instalment of a phenomenally successful series that has captured the imagination of millions of readers, young and old, across the globe. For J K Rowling the pressure is certainly on to continue to come up with thrilling, pacey storylines that allow her hero to mature into a young man without detracting from the magical secret that has made Harry into a superstar. In this book, the teenage Harry has a certain gawky charm that fits well with his advancing adolescence. As the story moves on, Harry too moves on to a new level of maturity that leaves the reader wondering how he will learn from his experiences, and liking him all the more as a character.

Once returned to Hogwarts after his summer holiday with the dreadful Dursleys and an extraordinary outing to the Quidditch World Cup, the 14-year-old Harry and his fellow pupils are enraptured by the promise of the Triwizard Tournament: an ancient, ritualistic tournament that brings Hogwarts together with two other schools of wizardry--Durmstrang and Beauxbatons--in heated competition. But when Harry's name is pulled from the Goblet of Fire, and he is chosen to champion Hogwarts in the tournament, the trouble really begins. Still reeling from the effects of a terrifying nightmare that has left him shaken, and with the lightning-shaped scar on his head throbbing with pain (a sure sign that the evil Voldemort, Harry's sworn enemy, is close), Harry becomes at once the most popular boy in school. Yet, despite his fame, he is totally unprepared for the furore that follows.

This is a hefty volume: 636 pages, of which probably at least 200 could have been cut without detracting from the story. The weight and complexity of the book is perhaps a hint that Rowling now has her eye sharply focused on her adult audience, and the average child-reader (particularly one who is coming to Harry Potter for the first time) may well find its girth daunting. Rowling's ironic and pointed observations on tabloid journalism and the nature of media hype is just one of the references littered through the book that will tickle the grown-ups but may well fly over the heads of her young fans.

However, after a slow start, Harry Potter and the Goblet of Fire really starts to sparkle halfway through with Rowling's familiar magic (and yes, there is a death--sudden and tragic--and yes, Harry does start to notice girls). The crux of this story, however, is Harry's gradual coming-of-age and his handling of the increasingly determined threats to his own life.

This book is pivotal, not just for the author for whom the heat is well and truly on, but for Harry and his readers who, by the last chapter, are left in little doubt that there is much more to come.

Sorting by
  • 0

    Esta entrega de la saga es bastante entretenida, ya que hay mucha aventura y muchos personajes nuevos.

    http://lepetitmondedelivres.blogspot.com.es/2014/11/harry-potter-y-el-caliz-de-fuego.html

    said on 

  • 5

    le cose iniziano a diventare serie

    (l'attesa dell'uscita ha provocato serie crisi d'astinenza)
    da questo volume iniziamo a capire che la storia non è proprio solo per bambini, c'è qualcosa - c'è sempre stato- di molto più profondo e fondamentale. qui la struttura narrativa inizia a modificarsi, non è più il mondo scolastico a esse ...continue

    (l'attesa dell'uscita ha provocato serie crisi d'astinenza) da questo volume iniziamo a capire che la storia non è proprio solo per bambini, c'è qualcosa - c'è sempre stato- di molto più profondo e fondamentale. qui la struttura narrativa inizia a modificarsi, non è più il mondo scolastico a essere fondamentale, vediamo la finale di quidditch e solo dopo la scuola. c'è il torneo dove harry è infilato dentro a forza, le vecchie forze mai sopite di voldemort iniziano a rialzare la testa. l'atmosfera si fa intensa e fosca: c'è qualcosa dall'esterno della scuola che si fa minacciosa e riesce a filtrare nelle mura del castello (i primi segnali sono stati dati nel precedente volume, che hogwarts non fosse così impenetrabile e silente così potente). il punto di non ritorno è ovviamente la morte di cedric. credo che silente si sia portato dietro questo cruccio per tutti e tre gli anni successivi.

    said on 

  • 4

    Il punto di rottura

    Letto con un po' di fatica in più rispetto agli altri HP, specialmente per il periodo molto impegnato che sto vivendo. Sin dall'inizio si distacca dai libri precedenti, prende toni, tinte e circostanze più oscure, cosa che ho apprezzato. Una Rowling più adulta che cresce insieme al lettore e scri ...continue

    Letto con un po' di fatica in più rispetto agli altri HP, specialmente per il periodo molto impegnato che sto vivendo. Sin dall'inizio si distacca dai libri precedenti, prende toni, tinte e circostanze più oscure, cosa che ho apprezzato. Una Rowling più adulta che cresce insieme al lettore e scrive un episodio avventuroso e tragico. Sono curioso di andare avanti, ma mi serve una piccola pausa.

    said on 

  • 3

    Genial continuación de la Saga de Harry Potter, aunque para mi es un poco más flojo que los anteriores. Está escrito de forma magnífica, pero el argumento es más plano que los anteriores, sin tantos giros y sorpresas. No obstante y a pesar de su extensión el libro te acaba enganchando haciendo qu ...continue

    Genial continuación de la Saga de Harry Potter, aunque para mi es un poco más flojo que los anteriores. Está escrito de forma magnífica, pero el argumento es más plano que los anteriores, sin tantos giros y sorpresas. No obstante y a pesar de su extensión el libro te acaba enganchando haciendo que no puedas dejar de leer hasta el final.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    dei primi 4 libri della saga questo è decisamente il migliore... è bellissimo, emozionante, triste, splendido.......
    Mi sono commossa in più punti: innanzitutto quando Hagrid viene accusato di essere un Mezzogigante... la scena in cui Silente, Harry, Ron ed Hermione cercano di consolare il depres ...continue

    dei primi 4 libri della saga questo è decisamente il migliore... è bellissimo, emozionante, triste, splendido....... Mi sono commossa in più punti: innanzitutto quando Hagrid viene accusato di essere un Mezzogigante... la scena in cui Silente, Harry, Ron ed Hermione cercano di consolare il depresso e singhiozzante Hagrid mi ha strappato una lacrimuccia... Poi quando la signora Weasley abbraccia maternamente Harry in infermeria e quando Silente nella Sala Grande ricorda Cedric.. poi naturalmente arrivare alla stazione di Londra e dover tornare a Privet Drive mi mette sempre malinconia.

    "è strano, ma quando si ha paura di qualcosa, e si darebbe tutto per rallentare il tempo, quest'ultimo ha la spiacevole abitudine di accelerare."

    said on 

  • 5

    La facilità e la velocità con cui si legge un libro è direttamente proporzionale alla bellezza e alla fascino che quest’ultimo possiede.
    Più un libro è avvincente, più la lettura è piacevole e scorrevole, indipendentemente dal numero delle pagine.
    Questo nuovo volume della saga di Harry Potter è ...continue

    La facilità e la velocità con cui si legge un libro è direttamente proporzionale alla bellezza e alla fascino che quest’ultimo possiede. Più un libro è avvincente, più la lettura è piacevole e scorrevole, indipendentemente dal numero delle pagine. Questo nuovo volume della saga di Harry Potter è composto da più di 600 pagine, ma questo non mi ha impedito di leggerlo in pochissimi giorni. Mai 650 pagine sono state così veloci da leggere! In questa nuova avventura, Harry e i suoi amici sono alle prese con il Torneo Tremaghi, una sfida tra i tre campioni delle scuole di: Hogwarts, Beauxbatons e Durmstrang. Il Torneo Tremaghi è una sfida pericolosa, durante la quale, in passato, molti partecipanti sono morti. Al torneo, suddiviso in tre prove, può partecipare un solo studente per scuola. Come sempre, le cose, però, non vanno secondo i piani. Quest’anno, infatti, i campioni non sono tre ma quattro. All'ultimo secondo, il calice di fuoco, annuncia un quarto giocatore: Harry Potter. Hogwarts si trova così con due campioni e Harry è di nuovo nei guai. Il torneo però non sarà l’evento più pericoloso del quarto anno scolastico di Harry. Un altro avvenimento metterà in pericolo la vita di Harry: il ritorno di Lord Voldemort. Ormai è di comune conoscenza il fatto che Harry, Ron ed Hermione hanno la sgradevole capacità di ritrovarsi sempre nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Sono una calamita vivete per i guai ma il loro coraggio, il loro stare insieme nonostante tutto e oltre tutto, ti riscalda il cuore e ti emozioni, perché non ti aspetti tutto questo da un unico libro. In questo volume è custodita la lealtà di chi non accetta di fare la cosa sbagliata, la fedeltà sia nel bene che nel male, verso coloro che più si ama, l’appoggio di un amico sincero, su cui potrai contare, sempre. La Rowling ha avuto l’abilità di racchiude in un’unica opera: l’intrigo che si cela dietro a una misteriosa serie di eventi, l’invidia che è racchiusa nel cuore di chi non sapeva di amare, il coraggio di chi ha perduto e di chi non è disposto ad arrendersi. La vita ti mette di fronte a mille problemi, ma non è nascondendosi che li puoi risolvere. I Mangiamorte ritornano, il Ministero è in subbuglio, Streghe in vacanza spariscono, draghi e creature acquatiche da sfidare, giornaliste antipatiche, pozioni da scoprire e nuovi incantesimi da imparare. Ogni anno a Hogwarts è particolare e, forse, questo si rivelerà il peggiore per Malfoy, il più promettente per la professoressa Trelawney, il più indaffarato per Madame Pomfrey, il più problematico per Hagrid e il più politicamente impegnativo per Hermione. Ogni buon libro ha un messaggio da rivelarti, un segreto da svelarti e questo ne ha molti. Se hai la pazienza di capire, e l’attenzione di leggere anche fra le righe, vedrai un mondo in grado di riscaldarti durante le giornate più fredde, vedrai un’amicizia pura, un orgoglio smisurato ed una fierezza che senti appartenerti, perché è questo che è in grado di fare questo libro: ti apre gli occhi verso sentimenti puri, verso la lealtà, l’amicizia e ti fa sentire fiero quando chi hai imparato ad amare fa la cosa giusta, quando chi credevi un nemico si rivela l’amico più sincero, quando ti accorgi di sperare anche quando non c’è più speranza. Un grande scrittore non è colui che vende tanti libri, ma colui in grado di insegnarti qualcosa che avevi dimenticato di imparare. Leggere Harry Potter vuol dire anche questo: non smettere mai di imparare.

    “Hogwarts, Hogwarts, Hoggy Warty Hogwarts, insegnaci qualcosa per favore.”

    said on 

  • 4

    La saga

    [RECENSIONE DI TUTTA LA SAGA]


    Se c’è una parola che mi viene in mente pensando a questa famosa saga, quella è “evoluzione”. In un modo che mai mi era capitato di osservare in un ciclo narrativo, l’autrice è riuscita sapientemente ad evolvere lo stile dei libri in concomitanza con la cresc ...continue

    [RECENSIONE DI TUTTA LA SAGA]

    Se c’è una parola che mi viene in mente pensando a questa famosa saga, quella è “evoluzione”. In un modo che mai mi era capitato di osservare in un ciclo narrativo, l’autrice è riuscita sapientemente ad evolvere lo stile dei libri in concomitanza con la crescita (anagrafica e psicologica) dei personaggi, adattando i toni, tematiche e stile narrativo.

    Per quanto riguarda la storia, è quasi superfluo riassumerla non solo per evitare spoiler, ma soprattutto perché le vicende di “Harry Potter”, a conti fatti, sono entrate indelebilmente nella cultura pop al pari del “Signore degli anelli”, e davvero poche persone non conoscono, almeno indirettamente, qualcosa dell’ambientazione.

    Non ho particolarmente apprezzato il secondo libro, così come frangenti del quarto e dell’ultimo, ma complessivamente ho ritenuto questa lettura piacevole, scorrevole, capace quando necessario di commuoverti e farti “tornare” bambino e ragazzino, facendoti rivivere non solo il brivido dell’evasione della regola, ma anche gli innamoramenti, i tormenti e le domande esistenziali tipiche di ogni adolescente, noi compresi.

    said on 

  • 5

    La storia di Harry si fa sempre più avvincente ed articolata... Tutto comincia con un incubo che anticipa la realtà, l'incontro con Voldemort, passando attraverso il mitico Torneo Tre Maghi: Harry si scontrerà contro Cedric Diggory, Fleur Delacour e Viktor Krum, aiutato da amici e professori. Non ...continue

    La storia di Harry si fa sempre più avvincente ed articolata... Tutto comincia con un incubo che anticipa la realtà, l'incontro con Voldemort, passando attraverso il mitico Torneo Tre Maghi: Harry si scontrerà contro Cedric Diggory, Fleur Delacour e Viktor Krum, aiutato da amici e professori. Non mancano avventura, suspence, sorpres e tanta tanta fantasia.

    said on 

Sorting by