Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Harry Potter e i doni della morte !! SCHEDA DOPPIA !!

Di

Editore: Salani

4.4
(28237)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Chi tradizionale , Olandese , Chi semplificata , Portoghese , Spagnolo , Ceco , Svedese , Russo , Giapponese , Catalano , Galego , Greco , Finlandese , Sloveno , Arabo , Basco , Norvegese , Polacco , Danese , Ungherese , Indiano (Hindi)

Isbn-10: A000076923 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace Harry Potter e i doni della morte !! SCHEDA DOPPIA !!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
**************************** Questa scheda è DOPPIA. Non aggiungerla alla tua libreria o se già l'hai aggiunta, deselezionala e usa invece quella che trovi al seguente url: http://www.anobii.com/books/0124918e609be85776/
Ordina per
  • 4

    conclusione amara

    dunque, capitolo finale. fine dei giochi. fine dell'infanzia. un momento lo spendiamo per la dedica: "e anche a te, se sei stato con harry fino proprio alla fine". sì. fino alla fine. la zia ha ...continua

    dunque, capitolo finale. fine dei giochi. fine dell'infanzia. un momento lo spendiamo per la dedica: "e anche a te, se sei stato con harry fino proprio alla fine". sì. fino alla fine. la zia ha pensato "anche" a me. *si commuove* e poi è a forma di saetta. bisogna proprio continuare? sì, è necessario. comincia la corsa contro il tempo, contro voldemort alla ricerca dei suoi horcroux. i tre contro tutti, soli e isolati. facciamo un altarino a hermione che ci salva dalla maggior parte dei problemi. mentre il mondo sembra vada a scatafascio, con voldemort che rimane saldamente e furbescamente nell'ombra, l'irritazione per silente aumenta a dismisura. vediamo godirc's hollow e le tombe *me commossa*, vediamo la casa di luna *tenerezza*, si fanno tuffi nel passato per cercare di capire il presente, combattuti tra doni e horcrux, e dare un senso a tutto. ho amato harry quando ha preso la sua decisione. horcrux: sono le scelte a dire chi siamo, no? il ritorno a scuola è amaro e tragico, si chiude un cerchio durato, ormai lo sappiamo, 17 anni e non 7 libri. la scoperta della grandezza di silente, nella sua debolezza, l' "incontro" con la famiglia, sirius e remus, la scelta di non agire, la rivelazione di piton: avremmo dovuto imparare che le apparenze ingannano, eppure, giù a piangere sul suo immenso amore... "always". alla fine scopriamo che tutta la storia si basa su una riflessione sulla vita e la morte, che ci hanno accompagnato da sempre nella crescita.

    stendiamo però un velo pietoso: -volta faccia creacher -momento allucinogeni nella stazione -sfacciata e ingiusta fortuna dell'occhialuto (no ma in fondo gli voglio bene) -i diciannove anni dopo poteva risparmiarseli (causa della perdita di una stellina).

    da rileggere i passaggi delle favole di beda, la storia di silente e piton che rivelano lo spessore dei personaggi, il momento davanti alle tombe dei potter, la magistrale riflessione portata avanti sul concetto di vita e morte (l'ultimo nemico che sarà sconfitto è la morte)

    un pensiero a tutti i caduti di questa saga, più o meno rinomati e un pensiero speciale a edvige e dobby.

    ha scritto il 

  • 5

    Un compagno di vita

    Inizio dicendo che il mio commento sara' a tutta la saga. Sono legatissimo al maghetto di J.K. Rowling perche' e' senza dubbio la ragione per cui mi sono iniziato ad appassionare al mondo dei libri. ...continua

    Inizio dicendo che il mio commento sara' a tutta la saga. Sono legatissimo al maghetto di J.K. Rowling perche' e' senza dubbio la ragione per cui mi sono iniziato ad appassionare al mondo dei libri. Ho letto il primo capitolo della saga all'eta' di 13 anni e sono cresciuto insieme a Harry nei diversi libri. L'autrice e' stata magnifica nell'adattare la scrittura all'evoluzione dei personaggi principali che crescevano creando una trama qualcosa di speciale che piace sia ai grandi che ai piccoli.

    ha scritto il 

  • 0

    Dopo 7 libri letti tutto d'un fiato, Harry, il suo mondo e i suoi amici diventano parte del tuo mondo, degli amici che ti sembra stiano lì, ad aspettarti, tra una lettura e quella successiva e che ...continua

    Dopo 7 libri letti tutto d'un fiato, Harry, il suo mondo e i suoi amici diventano parte del tuo mondo, degli amici che ti sembra stiano lì, ad aspettarti, tra una lettura e quella successiva e che non vedi l'ora di ritrovare. Mi nancheranno...

    ha scritto il 

  • 4

    La saga

    [RECENSIONE DI TUTTA LA SAGA]

    Se c’è una parola che mi viene in mente pensando a questa famosa saga, quella è “evoluzione”. In un modo che mai mi era capitato di osservare in un ciclo ...continua

    [RECENSIONE DI TUTTA LA SAGA]

    Se c’è una parola che mi viene in mente pensando a questa famosa saga, quella è “evoluzione”. In un modo che mai mi era capitato di osservare in un ciclo narrativo, l’autrice è riuscita sapientemente ad evolvere lo stile dei libri in concomitanza con la crescita (anagrafica e psicologica) dei personaggi, adattando i toni, tematiche e stile narrativo.

    Per quanto riguarda la storia, è quasi superfluo riassumerla non solo per evitare spoiler, ma soprattutto perché le vicende di “Harry Potter”, a conti fatti, sono entrate indelebilmente nella cultura pop al pari del “Signore degli anelli”, e davvero poche persone non conoscono, almeno indirettamente, qualcosa dell’ambientazione.

    Non ho particolarmente apprezzato il secondo libro, così come frangenti del quarto e dell’ultimo, ma complessivamente ho ritenuto questa lettura piacevole, scorrevole, capace quando necessario di commuoverti e farti “tornare” bambino e ragazzino, facendoti rivivere non solo il brivido dell’evasione della regola, ma anche gli innamoramenti, i tormenti e le domande esistenziali tipiche di ogni adolescente, noi compresi.

    ha scritto il 

  • 5

    El mejor libro de toda la saga de Harry Potter. Es emocionante, sorprendente, emotivo y en suma brillante. El punto y final perfecto para una gran saga. Como todos los anteriores estupendamente bien ...continua

    El mejor libro de toda la saga de Harry Potter. Es emocionante, sorprendente, emotivo y en suma brillante. El punto y final perfecto para una gran saga. Como todos los anteriores estupendamente bien escrita y con un estilo y creatividad más allá de toda duda. Este libro es el típico que al terminarlo te deja una sensación de añoranza enorme.

    ha scritto il 

  • 0

    Dalla punta della sua bacchetta affiorò la cerva d'argento: atterrò sul pavimento dell'ufficio, fece un balzo e si tuffò fuori dalla finestra. Silente la guardò volar via e quando il suo bagliore ...continua

    Dalla punta della sua bacchetta affiorò la cerva d'argento: atterrò sul pavimento dell'ufficio, fece un balzo e si tuffò fuori dalla finestra. Silente la guardò volar via e quando il suo bagliore argenteo svanì si rivolse a Piton, con gli occhi pieni di lacrime. «Dopo tutto questo tempo?» «Sempre» rispose Piton.

    ha scritto il 

  • 5

    Quando inizi a leggere il primo libro di una saga sai, automaticamente, che essa, presto o tardi, terminerà. E sai anche che il senso di smarrimento che ti pervade al termine di una buona lettura, ...continua

    Quando inizi a leggere il primo libro di una saga sai, automaticamente, che essa, presto o tardi, terminerà. E sai anche che il senso di smarrimento che ti pervade al termine di una buona lettura, sarà ancora maggiore, dopo aver condiviso la tua vita, così a lungo, con quei libri, di un’unica saga. Mentirei, se non dicessi che temevo la fine della saga di Harry Potter. Perché sapevo, che dopo aver voltato l’ultima pagina, chiuso la copertina, avrei perso un mondo in cui avevo finito per credere, sperare e vivere. In quest’ultimo libro, a mio avviso troppo breve, Harry, con i suoi amici Ron ed Hermione, attraversa l’Inghilterra in lungo e in largo, per cercare i sette Horcrux che contengono i brandelli dell’anima martoriata di Lord Voldemort. In questo, più che negli altri libri, le avventure si susseguono uno dietro l’altra, i pericoli sono in agguato dietro ogni angolo, i Mangiamorte sono ovunque, perfino al Ministero, ora nelle mani del Signore Oscuro. È solo grazie agli amici, al coraggio di chi non vuole arrendersi, che Harry riuscirà ad arrivare alla battaglia finale, contro Lui, il crudele Lord Voldemort, colui che ha ucciso per ottenere l’immortalità, colui che non conosce né amore né perdono, colui che vuole ripulire il mondo da tutti coloro che non hanno il sangue puro, colui che vuole ardentemente uccidere Harry Potter. Tra draghi, elfi domestici, irruzioni nella Gringott, anziane streghe che diventano serpenti, fantasmi e Doni della Morte, quest'anno Harry avrà un gran da fare per rimanere in vita, ma il coraggio e l'amore, sono per certo le due qualità che più dovrà tenersi strette. Sono fermamente convinta che nei libri si celano segreti importanti, che solo un lettore attento può scoprire. Sono certa che i libri, ognuno a suo modo, abbiano un messaggio da dare a chi ha la pazienza di leggerli, e in questi di Harry Potter, ho trovato la Verità. E la Verità di cui vi parlo è quella che sta dietro al: Perché siamo lettori? Perché sprofondiamo tra le pagine dei libri, e ci sentiamo realizzati solo se abbiamo la libreria piena di future letture? Perché noi abbiamo bisogno di credere. Essere Lettori vuol dire credere nell'impossibile, alla magia, ai vampiri, all'amore a prima vista, ai miracoli, al lieto fine. Noi non siamo coraggiosi, non siamo nemmeno avventurosi, siamo sognatori! Alla nostra vita preferiamo quella dei libri, alla realtà preferiamo i sogni di carta. Sorridiamo con i libri, piangiamo per i libri, amiamo, odiamo, ci ingegniamo con i libri. NOI siamo i libri. Proprio come Voldemort che esiste solo grazie a Harry, i libri esistono perché NOI li animiamo con la nostra vita. I libri vivono perché NOI viviamo. E quando dite che i libri sono lo specchio della realtà, è vero! Perché in essi c’è tutta la nostra vita, non quella reale, no, quella che NOI vorremmo fosse la realtà. Amiamo tanto i libri perché prendono la nostra vita e la trasfigurano, rendendola come noi vorremmo che sia. Sono i più tentatori degli amici, perché ci mostrano esattamente ciò che vorremmo avere ed essere. Ma come facciamo a non leggere? Siamo nati Lettori, e sapete una cosa? Siamo destinati a vivere nei libri. È questa la vita che abbiamo, una vita dolce, forse appena un po’ amarognola, ma è vita. Siamo gli eterni Peter Pan, che incessantemente prendono il tè con il Cappellaio Matto e, nei fine settimana, combattono contro il Signore Oscuro, facendo a turno a chi vince e a chi perde. Siamo i burattinai dei sogni, siamo un popolo che vive di libri, e che si ciba delle mille vite che ideiamo di avere. Siamo Lettori. Ed è per tutto questo che amiamo Harry Potter, perché in esso c’è tutta la vita che vorremmo vivere. Harry Potter è un ragazzo che cresce con noi, che impara a vivere con noi, e che con noi si evolve, prende coraggio, si oppone, si batte, ama e perde. Amiamo Harry Potter perché in lui vediamo noi. Molti di noi sono cresciuti leggendolo, a undici anni salivamo sull’Hogwarts Express con Harry, scoprivano un mondo magico e combattevo per salvare la pietra filosofale. A dodici anni eravamo con Harry nella Camera dei Segreti e a tredici lo aiutavamo a salvare Sirius Black. A quattordici, con il coraggio che ci scorreva in corpo, combattevamo per vincere il Torneo Tremaghi e a quindici anni, ci arrabbiavamo, al culmine della nostra adolescenza, con gli ormoni a mille, contro coloro che non credevano che Lord Voldemort era tornato. A sedici anni prendevamo lezioni private da Silente e scoprivamo i suggerimento del Principe Mezzosangue e a diciassette anni, eravamo pronti a combattere. Harry Potter viveva la vita che noi volevamo vivere, Harry Potter era il ragazzo che noi volevamo essere: coraggioso, magico, forte e con amici preziosi al suo fianco. I libri di Harry Potter contengono la vita che noi volevamo avere, le avventure che volevamo vivere, la magia che volevamo possedere. Perché leggere Harry Potter? Perché sei un lettore e in quei libri ci sono i tuoi sogni. Con l’ultimo volume della saga, tutti misteri si chiudono, la connessione tra le bacchette gemelle, l’importanza della cicatrice a forma di saetta, la potenza di un sacrificio d’amore. Mi mancherà Harry Potter ed i suoi favolosi amici, mi mancherà Hagrid e la sua folle mania di allevare creature non troppo innocue, mi mancherà perfino Peeves, il poltergeist, e mi mancherà quel mondo fatto di magia, così sapientemente creato e realizzato, così perfetto per me. Mi mancherà perché la vita che ho racchiuso tra le pagine di Harry Potter, è quella che ha creato i sogni migliori. Grazie Rowling, per avermi permesso di vivere ad Hogwarts.

    ha scritto il 

Ordina per