Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Hasta la fin del mundo... in Vespa!

Da Buenos Aires a Ushuaia cavalcando la Ruta 40

Di

Editore: A.CAR.

3.9
(11)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 395 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8889079959 | Isbn-13: 9788889079959 | Data di pubblicazione: 

Genere: Biography , Sports, Outdoors & Adventure , Travel

Ti piace Hasta la fin del mundo... in Vespa!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Un gruppo di appassionati vespisti che si sono conosciuti grazie ad internet, ed hanno deciso di organizzare un viaggio incredibile: da Buenos Aires alla Terra del Fuoco guidando le loro Vespa!
    Sono venuta a conoscenza del libro grazie ad un incontro con l'autore organizzato nella libreria di via ...continua

    Un gruppo di appassionati vespisti che si sono conosciuti grazie ad internet, ed hanno deciso di organizzare un viaggio incredibile: da Buenos Aires alla Terra del Fuoco guidando le loro Vespa! Sono venuta a conoscenza del libro grazie ad un incontro con l'autore organizzato nella libreria di viaggi della mia città (Quo Vadis, Pordenone), e non ho potuto resistere alla tentazione di comprarlo, visto che non solo amo i viaggi e la letteratura di viaggio, ma che proprio quello che hanno fatto loro è uno dei viaggi dei sogni miei e di A.! E leggerlo mi è piaciuto veramente tanto! Franchini non è uno scrittore professionista, ma la sua scrittura spontanea ed appassionata mi ha coinvolto e trasmesso l'entusiasmo, la soddisfazione e le difficoltà di un viaggio simile... facendomi sognare una volta in più di riuscire un giorno a concretizzare anch'io questo sogno. E poi la storia del forum di Vespaonline e dei legami nati a distanza, mi ha ricordato tantissimo i primi anni del Bookcrossing, tutte le amicizie nate sul forum, i meet up, i week end, le vacanze organizzate in giro per l'Italia e l'Europa, spesso con persone che conoscevo solo virtualmente!

    ha scritto il 

  • 0

    la rincorsa di un sogno, una pazzia su due ruote che riempie gli occhi e scalda il cuore, un viaggio dell'anima nella polvere e nel vento della Patagonia.

    Non posso dirne, sarei di parte. Se lo avete letto fatemi sapere

    ha scritto il 

  • 5

    Ho appena finito di leggere un libro che già sento segnerà la mia vita: si tratta di “Hasta la Fin del Mundo … in Vespa” di Lorenzo Franchini.


    E’ la storia di un gruppo di pazzi (come loro stessi si definiscono) che, nel Dicembre 2005, decidono di partire per l’Argentina con le loro Vespa, ...continua

    Ho appena finito di leggere un libro che già sento segnerà la mia vita: si tratta di “Hasta la Fin del Mundo … in Vespa” di Lorenzo Franchini.

    E’ la storia di un gruppo di pazzi (come loro stessi si definiscono) che, nel Dicembre 2005, decidono di partire per l’Argentina con le loro Vespa, e di raggiungere Ushuaia (la fine del mondo!), attraversando la famigerata “Ruta 40″, l’antica via, sterrata ed estrema, sulle piccole ruote 10” delle loro vecchie motorette…

    La narrazione è coinvolgente, a tratti commovente, sempre sincera. Si avverte dietro le parole del’autore il grande desiderio di raccontare al mondo un’impresa che, forse sottovalutata all’inizio, è destinata a rimanere nella storia dei Raid vespistici.

    Il racconto è fedele e i 24 partecipanti -”I patagonici”- sono tratteggiati in modo così genuino che non è possibile non affezionarsi ai vari “Turbo”, “Argento” e “Piccio”: un’allegra banda di “bambini adulti“ provenienti da ogni parte d’Italia (irresistibili i trevigiani!).

    Leggendo questo libro mi è sembrato di poter strappare dai cuori dei raider un pezzo di quest’avventura e di farlo mio: ieri sera andando a letto ho creduto per un attimo di essere in tenda in una zona desertica della Patagonia, a centinaia di chilometri dal più vicino paese.

    Ci sono tante cose che vorrei dire e in questo momento non riesco, preso ancora da quella soddisfazione da fine viaggio che però non riesce a placare del tutto la nostalgia dell’esperienza appena vissuta.

    Grazie Lorenzo per questo libro così autentico, mi auguro che questa lettura possa essere per me lo stimolo ad affrontare in un futuro non troppo prossimo un’avventura simile, come accadeva a te perdendoti tra le cronache del grande Giorgio Bettinelli…

    ha scritto il