Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Heautontimorumenos

(La commedia dell'autopunizione)

Di

Editore: Einaudi

3.5
(130)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 90 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8806007408 | Isbn-13: 9788806007409 | Data di pubblicazione:  | Edizione 3

Curatore: Vincenzo Ciaffi

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Heautontimorumenos?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Commedia

    Non so bene perché mi sia capitata tra le mani ed abbia deciso di leggere questa commedia di Publio Terenzio Afro, scritta ventun secoli fa. Ma devo dire di averla trovata abbastanza piacevole, scritta con garbo e senso della misura. È una commedia d'intrattenimento, di cui Terenzio fu l’inventor ...continua

    Non so bene perché mi sia capitata tra le mani ed abbia deciso di leggere questa commedia di Publio Terenzio Afro, scritta ventun secoli fa. Ma devo dire di averla trovata abbastanza piacevole, scritta con garbo e senso della misura. È una commedia d'intrattenimento, di cui Terenzio fu l’inventore, la cui trama è molto complessa e intricata. La commedia, quasi interamente basata sullo studio psicologico dei caratteri, tratta principalmente il problema del rapporto tra genitori e figli.

    Per Terenzio non esistono personaggi del tutto negativi. I servitori sono spesso vicini ai padroni e partecipano ai problemi familiari e le cortigiane non pensano tutte ai propri interessi. Il messaggio che vuole trasmettere è quello di aprirsi agli altri, essere tolleranti, rinunciare all’egoismo e comprendere i propri limiti. Chi si apre agli altri vive veramente da uomo fra gli uomini.

    Terenzio adotta una gamma di personaggi vastissima, che ci da un'idea della sua teoria secondo cui ogni essere umano è uguale solo a se stesso, non ci sono generi o classi di persone. E infatti comprendere gli altri esseri umani e le loro opinioni era lo scopo della vita, secondo Terenzio.

    Anche se i temi appaiono abbastanza scontati, Terenzio sa mettere la propria personalità nelle sue commedie. Avvicina il lettore ai personaggi facendogli individuare nell'immediatezza i sentimenti e le vicissitudini, portandoli quindi a viverne in contemporanea i sentimenti, le azioni e gli stati d'animo.

    ha scritto il 

  • 4

    Vos valete et plaudite

    CLI: Vorrei morire!
    CRE: Macché! Inizia ad imparare a vivere, e quando lo saprai, se la vita ti sembrerà così spiacevole, allora fa' pure come vuoi.

    Homo sum; nihil humani a me alienum puto...

    ha scritto il