Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Hellblazer n. 13

Di ,,,

Editore: Planeta DeAgostini

3.7
(20)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 96 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8467459921 | Isbn-13: 9788467459920 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace Hellblazer n. 13?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Prosegue il ciclo di Garth Ennis sulla storica serie Vertigo dedicata a John Constantine, con la conclusione di Abitudini Pericolose e uno speciale racconto natalizio
Ordina per
  • 4

    Prima storia, che ho 'a doppione' perchè da qualche parte a casa posseggo ancora il trade Paperback edizione Magic press, Constantine si piange addosso per più di 20 pagine perchè lui è riuscito, ingannando i Tre Caduti, dunque l'intero Inferno, a salvarsi dal cancro, e un suo amico invece no, no ...continua

    Prima storia, che ho 'a doppione' perchè da qualche parte a casa posseggo ancora il trade Paperback edizione Magic press, Constantine si piange addosso per più di 20 pagine perchè lui è riuscito, ingannando i Tre Caduti, dunque l'intero Inferno, a salvarsi dal cancro, e un suo amico invece no, non era un mago, non era niente di speciale, e ha tirato le cuoia. Poi, una ghost story dittica di vaghe rimembranze alla Poe, riguardo un pub, una coppia di anziani, dei criminali e una vendetta. Infine, un insolito racconto non-natalizio sulle festività pagane del solstizio d'inverno, tra orge, bevute e canzoni, prima che arrivasse il cristianesimo (Ennis è un ateo convinto e dalle sue opere emerge quasi sempre un'aspra critica alla religione istituzionalizzata) a cambiare tutto. Nota di merito: il linguaggio, progressivamente più mirato, che si discosta pian piano dal mare parafrastico e metaforico dello sceneggiatore precedente, Delano, in direzione dei dialoghi tarantiniani, sboccatamente tattici che sono il marchio di fabbrica dello scrittore irlandese. Disegni: Simpson non mi ha mai incantato, ha un tratto poco incisivo, quando arriva Steve Dillon la musica cambia, e che il Signore delle Danze lo benedica.

    ha scritto il