Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Zoek Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Het Bernini mysterie

By

Uitgever: Luitingh

3.8
(10170)

Language:Nederlands | Number of Pages: 461 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Chi traditional , Italian

Isbn-10: 9024547903 | Isbn-13: 9789024547906 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Do you like Het Bernini mysterie ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Na een aanslag wordt professor Robert Langdon naar CERN gehaald om een mysterieus symbool te duiden. Hij legt verband met de Illuminati... de machtigste terreurbeweging uit de geschiedenis. Maar die bestaat allang niet meer.
Of toch?
Dan blijkt er een tijdbom in het Vaticaan verborgen te zijn, net nu de kerkleiders een nieuwe paus kiezen.
Langdon onderneemt een race tegen de klok. Hij volgt een eeuwenoud spoor door Rome, langs verzegelde crypten, gevaarlijke catacomben en verlaten kerken.
Zijn doel: de verloren gewaande plek die de enige kans op redding van het Vaticaan bevat...
Sorting by
  • 4

    In un commento più approfondito a questo libro (che ho fatto sul mio blog, per chi fosse interessato c0è il link in basso) mi vengono da scrivere più critiche che altro, eppure comunque se devo dare un giudizio complessivo devo dire che questo libro mi è piaciuto. Mi ha appassionato, l’ho letto c ...doorgaan

    In un commento più approfondito a questo libro (che ho fatto sul mio blog, per chi fosse interessato c0è il link in basso) mi vengono da scrivere più critiche che altro, eppure comunque se devo dare un giudizio complessivo devo dire che questo libro mi è piaciuto. Mi ha appassionato, l’ho letto con piacere, mi sono divertita a seguire i ragionamenti di Langdon sulle varie opere d’arte nominate, mi sono emozionata nell’entrare con lui nella Biblioteca Vaticana, e, insomma, ho passato ora molto piacevoli in compagnia di questo libro. La storia d’amore l’ho trovata scontata e insipida, ma per fortuna non occupa che una piccola parte del romanzo.
    Nel complesso quindi un thriller che fa il suo dovere, senza brillare per caratterizzazione dei personaggi né per originalità, ma che sicuramente intrattiene e diverte.
    Non so se leggerò altro di Brown, perché gran parte del piacere che ho provato nel leggere questo libro era dovuto all’ambientazione. Sono molto incuriosita da Inferno, mi piacrebbe vedere l’interpetazione di un americano su un testo che noi italiani conosciamo piuttosto bene per averlo studiato a scuola.

    http://www.naufragio.it/iltempodileggere/18165

    gezegd op 

  • 4

    Angels and Demons

    Spulciando tra i miei libri ho deciso di rileggere questo thriller di Dan Brown.
    Il protagonista di questa storia è sempre il celeberrimo Robert Langdon.
    Tutto ha inizio quando il presidente del CERN di Ginevra chiama il conosciuto docente di Harvard per avere un parere sulla morte di ...doorgaan

    Spulciando tra i miei libri ho deciso di rileggere questo thriller di Dan Brown.
    Il protagonista di questa storia è sempre il celeberrimo Robert Langdon.
    Tutto ha inizio quando il presidente del CERN di Ginevra chiama il conosciuto docente di Harvard per avere un parere sulla morte di un importante scienziato che ha impresso sul suo corpo il simbolo degli Illuminati, un’antica setta scomparsa già da molti anni.
    Nello stesso momento in Italia è appena venuto a mancare il Pontefice e si sta per aprire il Conclave però i quattro cardinali prescelti per questa importante carica risultano spariti nel nulla.
    Anche questa volta Robert dovrà risolvere una serie di misteri e sarà affiancato da una donna, in questo caso si tratta di una scienziata, la figlia adottiva della vittima.
    Come sempre lo scrittore ci guida attraverso fiumi di suspense, attraverseremo insieme ai protagonisti la Città del Vaticano e Roma per poter portare a termine questa nuova “missione”.

    Che altro dire?
    Come gli altri libri scritti da questo autore la lettura è molto veloce e tiene incollato il lettore alla storia.
    La giusta dose di mistero e suspense fa mantenere un buon ritmo alla storia anche se la trama di base assomiglia molto al thriller precedentemente pubblicato.

    Buona lettura!

    gezegd op 

  • 2

    Un po' pesante...

    E' un libro che ho letto con fatica, perchè lo stile mi risulta "pesante"...


    Ma può essere anche un'idea personale visto che io amo le letture scorrevoli...


    Mi può piacere il contenuto...però quando la lettura è pesante...io esprimo i miei dubbi...


    Dovendo scegliere io prefer ...doorgaan

    E' un libro che ho letto con fatica, perchè lo stile mi risulta "pesante"...

    Ma può essere anche un'idea personale visto che io amo le letture scorrevoli...

    Mi può piacere il contenuto...però quando la lettura è pesante...io esprimo i miei dubbi...

    Dovendo scegliere io preferisco il film al libro...

    Con le immagini infatti si rimedia alle lacune

    descrittive dello scrittore...

    Saluti.

    Ginseng666

    gezegd op 

  • 1

    Angeli e Demoni... forse il libro peggiore che io abbia mai letto in vita mia, come e piu' del suo predecessore (come pubblicazione italiana) "codice da Vinci". Storia che non sta in piedi, irreale come nei peggiori B-movie italiani degli anni'60 e '70. Scrittura elementare e senza un minimo di q ...doorgaan

    Angeli e Demoni... forse il libro peggiore che io abbia mai letto in vita mia, come e piu' del suo predecessore (come pubblicazione italiana) "codice da Vinci". Storia che non sta in piedi, irreale come nei peggiori B-movie italiani degli anni'60 e '70. Scrittura elementare e senza un minimo di qualita' stilistica. Insomma libro consigliato a chi ha bisogno di pareggiare l'altezza di una gamba del tavolo di cucina.

    gezegd op 

  • 1

    Banalmente scorrevole

    Tutti i romanzi di Dan Brown sono molto scorrevoli, ma l'interesse suscitato dalle prime pagine di questo romanzo viene pian piano smorzato da una corsa mozzafiato verso un finale banale e tragicomico.
    A meno che da un libro non si ricerchi solo la scorrevolezza, lasciate perdere que ...doorgaan

    Tutti i romanzi di Dan Brown sono molto scorrevoli, ma l'interesse suscitato dalle prime pagine di questo romanzo viene pian piano smorzato da una corsa mozzafiato verso un finale banale e tragicomico.
    A meno che da un libro non si ricerchi solo la scorrevolezza, lasciate perdere queste porcate e pescate altrove.

    gezegd op 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    L'antimateria fa chic

    Dan Brown ha l'abilità di scrittore di un sedicenne.
    I dialoghi sono spesso banali, come l'azione in sé: al CERN c'è un post it su una colonna dorica con scritto "questa colonna è ionica", e l'autore fa dire a Langdon la battuta più scontata della storia; oppure ancora, quando finalmente La ...doorgaan

    Dan Brown ha l'abilità di scrittore di un sedicenne.
    I dialoghi sono spesso banali, come l'azione in sé: al CERN c'è un post it su una colonna dorica con scritto "questa colonna è ionica", e l'autore fa dire a Langdon la battuta più scontata della storia; oppure ancora, quando finalmente Langdon si trova faccia a faccia con l'assassino, c'è lo scambio di battute più fiacco della storia dei romanzi, in cui l'assassino che ha una gran voglia di parlare esordisce con il classico "così, ci incontriamo di nuovo" (che immagino sia anche un problema di traduzione, visto che nella lingua povera inglese dovrebbe essere un più d'effetto "so, we meet again").
    Al solito il thriller mescolato all'arte/architettura Rinascimentale italiana è un espediente per celare una trama di per sé parecchio fiacca.
    Se questo romanzo doveva proprio nascere con l'idea della "distruzione del Vaticano", non vedo perché ci si dovrebbe dare tanta pena in un elaborato simbolismo dei quattro cardinali - e gli unici in grado di risolvere il mistero sono il solito Robert Langdon, con l'orologio di Topolino al polso, e la bellezza/genio di turno.
    Come non vedo il motivo di utilizzare un composto potenzialmente instabile come l'antimateria, molto difficile da procurarsi e pericolosissimo da trasportare in loco, malgrado i soliti espedienti che solo la mente di Brown sa partorire - come il cilindro a tenuta stagna con campi magnetici con una batteria che dura ESATTAMENTE 24 ore - se non per soddisfare un'altra parte dell'inutile simbolismo.
    Si capisce che il cattivo finale è il Camerlengo a metà libro; i discorsi che Brown gli mette in bocca sono forzati e gonfiati, su Dio, la religione e la scienza, e il modo in cui l'autore risolve la trama è a dir poco ingarbugliato: il Papa ha avuto un figlio segreto con una suora, ma solo grazie all'inseminazione artificiale, e questi è il Camerlengo, per l'appunto. Il che è tutto dire.

    Un Dan Brown scrittore lascia molto a desiderare.

    gezegd op 

  • 4

    作者對於歐陸歷史及符號學門的深厚底子,讓我真是全心佩服。但是這就是一本像是一部劇情緊湊、緊張刺激的大長篇電影,看完直呼過癮,然後不會有什麼想要再看一次的念頭。頂多就像是偶然轉電視台轉到會看一下而已。

    另外,在下身為基督徒,對其中的基督教相關劇情,只抱著「這是一部文學作品」觀點來看待,順便操練以自己對信仰的認知是否看得出書中錯謬之處。我仍然覺得這小說寫得很好看!

    gezegd op 

  • 5

    Troppe analogie col Codice da Vinci

    Il protagonista si ritrova disturbato nel cuore della notte da una chiamata da parte di uno sconosciuto e qualcuno che necessita il suo aiuto, che gli mostra una foto di un uomo anziano, assassinato, trovato nudo e con un simbolo proprio sopra il petto. Si scoprirà quindi che con l'omicidio av ...doorgaan

    Il protagonista si ritrova disturbato nel cuore della notte da una chiamata da parte di uno sconosciuto e qualcuno che necessita il suo aiuto, che gli mostra una foto di un uomo anziano, assassinato, trovato nudo e con un simbolo proprio sopra il petto. Si scoprirà quindi che con l'omicidio avrà a che fare un'antica setta segreta, da sempre in conflitto con la Chiesa, riemersa dopo tanti anni.
    Una parente stretta della vittima, aiuterà il protagonista a venire a capo di una serie di intrighi che si susseguono nella storia.
    Un assassino misterioso agisce per conto di un suo superiore, mai visto né conosciuto, che lo incarica di uccidere delle persone e portare a termine un compito per interesse personale.

    Si parla del Codice da Vinci o di Angeli e demoni?

    Dopo aver finito il Codice e aver letto le prime pagine di "Angeli e Demoni", ho trovato le analogie abbastanza patetiche. E penso che sarebbe stata un buona scusa per molti, per piantare lì il romanzo. Però a me lo stile di Dan Brown non dispiace affatto e quindi non mi sono fatta scoraggiare da qualche triste somiglianza che c'è nella trama fra i due romanzi.
    Non me ne sono pentita, ovviamente per lo sviluppo della storia i due libri si distaccano completamente, e personalmente non saprei decidere quale dei due, alla fine, mi sia piaciuto di più. Come ho già detto nella recensione del Codice da Vinci, i collegamenti storici sono sempre molto interessanti, così come quelle piccole curiosità che rendono più intrigante la storia. Il finale mi ha colpito davvero, non è stato così scontato o prevedibile come credevo. La scrittura è sempre piacevole, non si perde troppo in descrizioni e riesce a dare assuefazione senza annoiare (considerando che ho letto quasi metà libro in un viaggio di dieci ore in traghetto!).
    Forse un po' troppo fantasioso qua e là, come la scena della fuga dall'Archivio Vaticano o quella della lotta nella fontana senza che ci sia qualcuno nei paraggi che se ne accorga... abbastanza improbabile, soprattutto considerando che siamo a Roma e non in una qualsiasi cittadina di provincia con 150 abitanti.
    Però sono riuscita comunque ad apprezzarlo per i colpi di scena e la scorrevolezza della storia. Magari 5 stelle possono sembrare troppe a questo punto, ma considerando che non mi è pesato, l'ho trovato avvincente, lo consiglierei sicuramente e magari tra un bel po' di anni potrei anche rileggerlo, mi sembra corretto.
    Ad ogni modo, prima di divorare il prossimo romanzo di Dan Brown, penso che mi prenderò una pausa.

    gezegd op 

Sorting by